Infarto, terapia combinata per abbattere il rischio

Agire su pressione, colesterolo e piastrine

Varie_5244.jpg

Per ridurre il rischio cardiovascolare globale è meglio intervenire con una terapia combinata che agisca su pressione, colesterolo e aggregazione delle piastrine.
Una terapia combinata – meglio ancora se somministrata con un’unica polipillola per migliorare l’adesione al trattamento – riesce a ridurre il rischio di infarto del 53%, di ictus del 51% e di decessi per malattie cardiovascolari del 49%.
Lo segnala uno studio dell’Università McMaster pubblicato su The Lancet. Lo studio, che ha coinvolto ricercatori di 13 paesi diversi, si è concentrato sulle terapie di combinazione a dose fissa somministrate a un totale di 18.000 soggetti.
I risultati indicano la necessità di un approccio personalizzato e variegato, che tenga in conto i diversi fattori di rischio.
Fra questi, quello che riveste l’importanza maggiore è il valore del colesterolo Ldl. I dati dello studio Santorini ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cuore, infarto, colesterolo,

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 95098 volte