Il vaccino contro il virus sinciziale protegge per 2 anni

Protezione duratura per chi ha più di 60 anni

Vaccinarsi contro il virus sinciziale sembra essere un'ottima scelta, dal momento che la protezione fornita dal vaccino dura anche 2 anni. Il dato emerge da uno studio presentato nel corso del congresso annuale della Infectious Diseases Society of America.
La sperimentazione è stata realizzata in diversi paesi, fra cui l'Italia, e ha valutato la durata della protezione del vaccino contro il virus respiratorio sinciziale di Gsk (Arexvy), approvato in Europa nel giugno scorso.
Alla sperimentazione hanno preso parte quasi 25.000 over 60 che hanno ricevuto due dosi di vaccino in due anni, una sola dose o un placebo. Dai dati emerge che anche soltanto una dose del vaccino riesce a conferire una protezione del 67,2% rispetto al rischio di infezioni delle basse vie respiratorie dovute a virus respiratorio sinciziale.
L'effetto protettivo si manifesta anche nelle persone maggiormente a ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: virus, sinciziale, protezione,

Notizie correlate


Le continue variazioni di Sars-CoV-2 Individuata una nuova variante in Sudafrica





Il nuovo morbillo Una variante del virus può sfuggire ai test





Torna la peste bubbonica Registrato un caso negli Stati Uniti





Cos'è il vaiolo dell'Alaska Sintomi e modalità di trasmissione della nuova infezione





Dengue, pericolose anche le infezioni primarie Nuovo studio sottolinea i rischi legati alla prima infezione





Covid, i rischi della terapia con Paxlovid Rischio rebound e rischi per i pazienti immunocompromessi





Virus sinciziale, nirsevimab riduce i ricoveri Oltre l'80 per cento di ricoveri in meno con una sola dose





Covid, l'efficacia di simnotrelvir Il farmaco accelera il recupero nei casi lievi





Il rischio delle infezioni polmonari nel diabete La risposta immunitaria locale è ridotta dall'iperglicemia





Il virus respiratorio sinciziale danneggia le cellule L'infiammazione causata provoca danni alle cellule nervose





Covid, i test fai da te non sono più affidabili Tardano a verificare la positività del soggetto





Un vaccino per il virus Nipah Il virus è responsabile di una sindrome encefalitica fatale





Citomegalovirus, i fattori di rischio per l'udito Studio analizza l'infezione nei neonati





Un vaccino per la Chikungunya Primo vaccino approvato per la malattia virale





Senza voce per il Covid Il caso di una bambina che soffre di gravi difficoltà respiratorie





Il Covid grave cambia il cervello Evidenziate alterazioni cerebrali nel cervello dei pazienti





Covid: ipertrofia complicata prostatica e Guillain-Barré Le ultime aggiunte alla lista delle conseguenze





Nuovo vaccino proteico contro Covid-19 Risorsa utile contro le varianti del virus





Covid-19 e reazioni allergiche da punture di imenotteri L'impatto della pandemia nell'immunoterapia