Helicobacter pylori, meglio la terapia sequenziale

Revisione italiana mostra la maggiore efficacia del trattamento sequenziale

Per curare l'infezione da helicobacter pylori è meglio affidarsi alla terapia sequenziale piuttosto che alla “triplice” terapia. A dirlo è una revisione italiana firmata da Angelo Zullo e dai suoi colleghi del Nuovo Regina Margherita di Roma.
Il trattamento sequenziale, basato su 7 giorni di somministrazione di IPP (Inibitori di Pompa Protonica) e amoxicillina e altri 7 giorni di IPP e tetraciclina con diverse posologie, ha mostrato un'efficacia di eradicazione pari al 73,3 per cento, superiore al 63,6 per cento della terapia classica.
Il trattamento sequenziale, basato su 5 giorni di IPP e amoxicillina e altri 5 con IPP e levofloxacina, ha mostrato un'eradicazione complessiva del 95,8 per cento quando il chinolonico è stato utilizzato a 500 mg bid e del 90% alla posologia di 250 mg bid. Si tratta di numeri superiori alla terapia sequenziale standard e alla “triplice” non ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

NOTIZIE SPECIFICHE SU | helicobacter, terapia, sequenziale,




Del 30/11/2012

Notizie correlate