(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) risultati rafforzano il consiglio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e di altre società mediche di ridurre al minimo l'assunzione di sale a circa un cucchiaino al giorno", ha proseguito l'esperto. "È difficile stimare quanto sale mangiamo, quindi ho due trucchi per aiutare a ridurne il consumo. Uno è quello di limitare l'uso del sale da cucina, che è stato messo in relazione con la salute cardiovascolare. Il secondo è quello di sostituire il sale, che è al 100% cloruro di sodio, con un sostituto del sale contenente il 70-80% di cloruro di sodio e il 20-30% di cloruro di potassio. Studi ben condotti hanno dimostrato che questo approccio è benefico per la salute del cuore”.
L’analisi ha considerato 10.778 adulti di età compresa fra 50 e 64 anni che avevano partecipato allo Swedish CArdioPulmonary bioImage Study (SCAPIS), il più grande studio di popolazione generale al mondo che valuta l'angiografia coronarica con tomografia computerizzata (CCTA).
Per stimare il consumo di sale è stata misurata l’escrezione urinaria di sodio. La CCTA è stata utilizzata per ottenere immagini 3D delle arterie cardiache per due misurazioni. In primo luogo, la quantità di calcio nelle arterie, riassunta come punteggio di calcio coronarico (CACS) in cinque categorie (0, 1-9, 10-99, 100-399, oltre 399), con un valore più alto che indica un maggiore rischio di infarto miocardico. In secondo luogo, le ostruzioni (stenosi) dei vasi cardiaci, classificate come nessuna stenosi, stenosi non significativa (restringimento inferiore al 50%) e stenosi significativa (restringimento superiore al 50%). I partecipanti sono stati sottoposti anche a un'ecografia delle arterie carotidi del collo e sono stati suddivisi in tre gruppi: nessuna placca, placca in un vaso e placca in entrambi i vasi.
L’età media dei partecipanti era di 58 anni, e il 52% erano donne. L’aumento del consumo di sale è stato associato all’aumento dell’aterosclerosi in maniera graduale sia nelle arterie del collo che in quelle del cuore. A ogni aumento di 1.000 mg si associava una probabilità maggiore del 3%, 4% e 4% di una categoria più grave nelle misurazioni della placca carotidea, della CACS e della stenosi coronarica, rispettivamente.
"I risultati dimostrano che più sale si assume con la dieta, più alto è il carico di placche aterosclerotiche nelle arterie del cuore e del collo. L'aumento della pressione sanguigna dovuto a un'elevata assunzione di sale sembra essere un importante meccanismo alla base di questi risultati. È interessante notare che i risultati sono stati coerenti quando abbiamo ristretto le nostre analisi ai partecipanti con pressione sanguigna normale (inferiore a 140/90 mmHg) o a quelli senza malattie cardiovascolari note. Ciò significa che non sono solo i pazienti con ipertensione o malattie cardiache a dover fare attenzione all'assunzione di sale", commenta Wuopio.
Notizie specifiche su: sale, ipertensione, arterie, 03/04/2023 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Oscillibacter fondamentali per regolare il colesterolo

  • Oscillibacter fondamentali per regolare il colesterolo I batteri di questa famiglia sono associati a una riduzione dei livelli
    (Leggi)


Ipercolesterolemia, nuova strategia per spegnerla

  • Ipercolesterolemia, nuova strategia per spegnerla È possibile intervenire sul gene difettoso senza modificare il Dna
    (Leggi)


Colesterolo alto, gli steroli vegetali aiutano

  • Colesterolo alto, gli steroli vegetali aiutano Effetto sinergico con la dieta mediterranea
    (Leggi)


Un eccesso di proteine favorisce l’aterosclerosi

  • Un eccesso di proteine favorisce l’aterosclerosi Il rischio della malattia aumenta con una dieta sbagliata
    (Leggi)


Le 5 strategie salva-cuore per le feste

  • Le 5 strategie salva-cuore per le feste Le raccomandazioni dei cardiologi per tenere a bada il colesterolo
    (Leggi)


Le statine «leggere» sono più utili agli anziani

  • Le statine «leggere» sono più utili agli anziani I farmaci a intensità bassa-moderata mostrano più efficacia in questi soggetti
    (Leggi)


L'acido bempedoico per l’ipercolesterolemia

  • L'acido bempedoico per l’ipercolesterolemia Riduce significativamente il rischio di eventi cardiovascolari totali
    (Leggi)


Colesterolo alto: come combatterlo e prevenirlo

L’aterosclerosi e il rischio di infarto

  • L’aterosclerosi e il rischio di infarto La malattia coronarica ostruttiva è pericolosa anche se asintomatica
    (Leggi)


Il sale ostruisce le arterie

  • Il sale ostruisce le arterie Il suo effetto è negativo anche se la pressione è normale
    (Leggi)


Il colesterolo va controllato fin da giovani

  • Il colesterolo va controllato fin da giovani Fondamentale creare un panel lipidico per valutare l’evoluzione dei valori
    (Leggi)


Ipercolesterolemia, scoperto meccanismo chiave

  • Ipercolesterolemia, scoperto meccanismo chiave La chiave del meccanismo molecolare è la proteina PCSK9
    (Leggi)


Un sonno irregolare favorisce l’aterosclerosi

  • Un sonno irregolare favorisce l’aterosclerosi Condizione pericolosa che può causare ictus o infarto
    (Leggi)


Colesterolo, gli anti-PCSK9 funzionano

  • Colesterolo, gli anti-PCSK9 funzionano Confermate efficacia e tollerabilità della terapia
    (Leggi)


Colesterolo buono? Dipende dall’etnia

  • Colesterolo buono? Dipende dall’etnia La protezione dal rischio cardiovascolare non sembra uguale per tutti
    (Leggi)


Un farmaco rivoluzionario per il colesterolo

  • Un farmaco rivoluzionario per il colesterolo La terapia prevede due sole somministrazioni all’anno
    (Leggi)


Evolocumab contro il colesterolo Ldl

  • Evolocumab contro il colesterolo Ldl Nuovi dati ne confermano l’efficacia a lungo termine
    (Leggi)


Colesterolo, la terapia a dose fissa fa risparmiare

  • Colesterolo, la terapia a dose fissa fa risparmiare Oltre 100 milioni di euro in meno se adottata
    (Leggi)


Aterosclerosi delle gambe, Covid ha rallentato le diagnosi

  • Aterosclerosi delle gambe, Covid ha rallentato le diagnosi I pazienti arrivano dal medico con malattia in fase avanzata
    (Leggi)