(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) del benessere economico. Arrivati a questa età, si trovano a ricoprire il ruolo professionisti all'apice della carriera in un mondo del lavoro competitivo, che impone loro un aspetto giovanile e fresco. Per questo, sempre di più, arrivano a giocarsi anche la carta della chirurgia estetica”. Dopo i quarant'anni gli uomini chiedono al chirurgo di restituire loro un'immagine curata e giovane. Gli interventi preferiti sono quelli che ridonano al viso la sua freschezza naturale, secondo un approccio di ringiovanimento globale, basato sul ripristino dei volumi e sulle tecniche mini invasive. “Il lifting endoscopico funziona per viso e collo, ed è "soft" perché comporta cicatrici ridotte, tempi di recupero rapidi e meno dolore, che gli uomini sopportano meno delle donne”, spiega ancora Gennai. A questa tecnica possono combinarsi gel riempitivi e lipofilling per ridare forma e volume, “utilizzando, anche in questo caso strumenti 'micro' e flessibili, per ridurre al minimo segni e gonfiori. Un aspetto molto importante per chi deve riprendere subito la sua pressante routine lavorativa”.
Ancora, le rughe della fronte e quelle nasogeniene si possono "spianare" con filler e tossina botulinica, mentre la blefaroplastica consente di togliere pesantezza e vecchiaia allo sguardo. “Quest'ultimo è un aspetto-chiave in un'ottica di ringiovanimento del volto e naturalmente va discusso a fondo con il paziente, che vuole un aspetto più fresco ma senza nulla perdere in mascolinità”.

Leggi altre informazioni
22/06/2011


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante