(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) è risolutiva con un'ottima prognosi. Quando le metastasi si diffondono nel cervello, la terapia radioterapica può non bastare. E scoprire il coinvolgimento degli astrociti è una buona notizia perché già esistono dei farmaci in grado di inibirli".
Gli astrociti sono cellule del sistema nervoso centrale chiamati così perché a forma di stella. Sono i responsabili dell'omeostasi e della conservazione della fisiologia cerebrale. Aiutano il cervello a rimanere sano, svolgendo una funzione nutritiva e di sostegno per i neuroni, e sono i primi a intervenire in caso di ictus o trauma.
Il melanoma li corrompe già nelle prime fasi della malattia, trasformandoli in cellule tumorali e causando danni cerebrali nel 90% dei pazienti.
"Si tratta di una statistica sconcertante”, sostiene la professoressa Satchi-Fainaro: “ci aspettavamo di vedere più metastasi nei polmoni e nel fegato mentre erano nel cervello, che dovrebbe essere l'organo più protetto".
Il cervello infatti dovrebbe essere protetto dalla barriera emato-encefalica, “ma in questo caso non faceva il suo lavoro e ci siamo chiesti come fosse possibile”.
"La comunicazione tra tumore e astrociti si riflette nel fatto che le cellule cerebrali iniziano a secernere una proteina che promuove l'infiammazione”, spiega nel dettaglio la professoressa Scomparin. “A partire da questa ipotesi abbiamo testato in vitro e con delle simulazioni 3D al computer l'azione del bindarit, un farmaco che agisce specificamente su questi recettori, impedendo l'instaurarsi di questo processo che già è stato associato alla patogenesi di molte malattie infiammatorie, nella speranza che potesse bloccare anche le metastasi. Questo farmaco specifico non è ancora in commercio ma è oggetto di uno studio clinico di fase 2 su pazienti con nefropatia diabetica, quindi se verrà approvato sarà più facile poterlo sperimentare anche su pazienti affetti da melanoma in stato avanzato".
I ricercatori però sono convinti che esistano anche altre possibilità di cura.
"Per bloccare il recettore - prosegue Scomparin - possono essere efficaci anche gli anticorpi monoclonali. I risultati in vitro sono stati molto promettenti ma la strada è lunga. Altra via sono i vaccini".
In fase di sviluppo c’è infatti anche un vaccino "da utilizzare in forma combinata con l'immunoterapia a base di inibitori dei checkpoint, che già si sono dimostrati efficaci e fanno parte dell'attuale protocollo terapeutico".

Notizie specifiche su: melanoma, metastasi, vaccino, 27/09/2022 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Melanoma, i cibi natalizi che fanno bene

  • Melanoma, i cibi natalizi che fanno bene Lenticchie e frutta secca migliorano la risposta all’immunoterapia
    (Leggi)


Melanoma, vaccino e immunoterapia funzionano

  • Melanoma, vaccino e immunoterapia funzionano Il trattamento combinato aumenta il tempo libero da recidiva
    (Leggi)


Melanoma, come si formano le metastasi

L'Intelligenza Artificiale diagnostica i tumori della pelle

  • L'Intelligenza Artificiale diagnostica i tumori della pelle Tasso di individuazione del melanoma pari al 100 per cento
    (Leggi)


Melanoma, il Dna è fondamentale

  • Melanoma, il Dna è fondamentale Importante la prevenzione e i test genetici per mutazioni
    (Leggi)


Melanoma, terapia a base di Rna funziona sui topi

  • Melanoma, terapia a base di Rna funziona sui topi La tecnologia del vaccino anti-Covid rivela le sue potenzialità
    (Leggi)


Melanoma, l’alimentazione che aiuta

  • Melanoma, l’alimentazione che aiuta La prevenzione passa anche dal regime alimentare seguito
    (Leggi)


Vitamina D importante per i pazienti con cancro della pelle

  • Vitamina D importante per i pazienti con cancro della pelle Livelli adeguati della sostanza aiutano la terapia
    (Leggi)


Nuova molecola blocca la crescita delle cellule tumorali

  • Nuova molecola blocca la crescita delle cellule tumorali Interviene sui meccanismi di riciclo delle proteine
    (Leggi)


Melanoma, terapia in base alla grandezza delle cellule

  • Melanoma, terapia in base alla grandezza delle cellule Crescono così le possibilità di cura per ogni paziente
    (Leggi)


La proteina che rende aggressivo il melanoma

  • La proteina che rende aggressivo il melanoma Spinge le cellule tumorali a cambiare la forma del nucleo
    (Leggi)


Melanoma, come superare la resistenza alle terapie

  • Melanoma, come superare la resistenza alle terapie Nuove opportunità di cura grazie a microRna
    (Leggi)


Melanoma, pembrolizumab migliora la qualità di vita

  • Melanoma, pembrolizumab migliora la qualità di vita Il farmaco adiuvante allontana la ricomparsa della malattia
    (Leggi)


Melanoma, rischio di morte basso per alcuni

  • Melanoma, rischio di morte basso per alcuni La maggior parte dei pazienti ha ottime probabilità di salvarsi
    (Leggi)


Melanoma, scoperto nuovo meccanismo di resistenza

  • Melanoma, scoperto nuovo meccanismo di resistenza Una proteina facilita la resistenza ai farmaci
    (Leggi)


Melanoma, come fermare le metastasi

  • Melanoma, come fermare le metastasi Ricercatori fanno luce sul meccanismo alla base del processo
    (Leggi)


Nuova combinazione contro il melanoma

  • Nuova combinazione contro il melanoma Nivolumab e relatlimab per il trattamento di prima linea
    (Leggi)


Melanoma, immunoterapia in prima linea più efficace

  • Melanoma, immunoterapia in prima linea più efficace Più di un paziente su due libero da malattia se trattato subito
    (Leggi)


I consigli contro i tumori cutanei e i melanomi

  • I consigli contro i tumori cutanei e i melanomi I suggerimenti degli esperti per godersi il sole senza rischiare
    (Leggi)