La cannabis fa male al cuore

Nessun tipo di consumo è privo di effetti collaterali

Non esiste un uso sicuro della cannabis per il cuore. A certificarlo è uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association dai Centers for Disease Control and Prevention.
L'uso frequente di cannabis è correlato a un aumento del rischio di ictus, infarti e coronaropatie. La ricerca si è basata sui dati di oltre 430.000 adulti coinvolti nel Behavioral Risk Factor Surveillance System, un'indagine condotta ogni anno dai Centers for Disease Control and Prevention statunitensi. Il 4 per cento ha ammesso un uso quotidiano di prodotti della cannabis, il 7 per cento un uso più sporadico. È così emerso che qualsiasi tipo o frequenza di consumo era associata a un incremento del pericolo di malattie cardiovascolari. L'aumento resta indipendente anche calcolando altri tipici fattori di rischio come il fumo, la sedentarietà e il consumo di alcol.
Nei soggetti che consumano cannabis ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: cannabis, cuore, infarto, ictus,

Notizie correlate


10 regole per le malattie cardiovascolari La premessa necessaria è la presa di coscienza del problema





Gli effetti di aficamten in caso di cardiomiopatia Il farmaco migliora la capacità di esercizio dei pazienti





Un cardiologo allunga la vita Essere seguiti da un professionista riduce il rischio cardiovascolare





La sindrome del cuore infranto parte del cervello Alcuni soggetti mostrano una base funzionale a livello encefalico





Covid, i rischi per il cuore durano anni L'aumento del rischio non è limitato alla fase acuta





Diabete, come calcolare il rischio cardiaco Uno screening in due fasi può stimarne le probabilità





La cardiopatia congenita mette a rischio il ritmo cardiaco Un paziente su cinque sviluppa un'anomalia della frequenza





La cannabis fa male al cuore Nessun tipo di consumo è privo di effetti collaterali





Covid, meno rischi per il cuore in chi è vaccinato Netta diminuzione dei rischi di complicazioni cardiache





Il fumo passivo favorisce la fibrillazione atriale Le probabilità di soffrirne aumentano se esposti al fumo passivo





Stop all'approccio “a bikini” alla salute femminile Nuovi dati sul gender gap nella cura delle malattie cardiovascolari





Covid-19 danneggia il cuore senza infettarlo Esaminato il danno nelle persone con sindrome da distress respiratorio





Fibrillazione atriale, nuove linee guida per l'ablazione Un quadro aggiornato per la selezione e la gestione dei pazienti





Nuovi modelli predittivi per l'insufficienza cardiaca Prevedono mortalità e morbilità nei pazienti con frazione di eiezione preservata





Un defibrillatore impiantabile scongiura l'infarto Il caso descritto da medici italiani





Una micro-pompa salva dall'infarto Può ridurre di oltre un quarto la mortalità





Infarto, i beta-bloccanti non sono così utili Non ridurrebbero il rischio di morte o di recidiva





Sigarette elettroniche, scompenso cardiaco fra i rischi Studio mostra il legame fra l'e-cig e i problemi cardiaci





La sindrome metabolica aumenta il rischio di cancro Nuova correlazione emersa da uno studio cinese