Long Covid, alla base la stimolazione cronica dell'antigene

Nuove idee sui meccanismi del Long Covid e comprensione delle cause

Uno studio pubblicato su medRxiv indica una via su come trattare il long COVID e come individuarlo.
La causa secondo i ricercatori del Department of Women's and Children's Health al Karolinska Institutet di Solna (Svezia) è la stimolazione antigenica persistente, e che elevati livelli di IgG specifiche per SARS-CoV-2 identificano in modo affidabile la patologia.
“Quanto abbiamo scoperto indica una stimolazione cronica da parte degli antigeni virali, facendo così luce sui complessi aspetti immunologici della condizione”, spiega Lucie Rodriguez, prima autrice del lavoro. I ricercatori si sono concentrati su casi gravi di long COVID, e hanno scoperto le cause nel rapporto tra l'espansione clonale delle cellule T CD8+ della memoria, l'esposizione cronica all'antigene e le elevate risposte IgG.
In base a queste interazioni viene permesso al virus di stabilire un serbatoio all'interno ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su:

Notizie correlate


La ferroptosi dietro i casi gravi di Covid Possibili nuovi target terapeutici grazie alla scoperta





Covid, la nuova variante KP.2 Non risponde ai vaccini come le precedenti





Vaccino da rotavirus, pochi i rischi in terapia intensiva Studio americano ha valutato il rischio di trasmissione del virus





Le ragioni dietro all'epidemia di streptococco La recrudescenza degli ultimi anni sembra legata a un debito immunologico





Covid, come cambia la risposta ai vaccini Ogni soggetto risponde in maniera più o meno efficace





Covid, il problema dell'olfatto Molti pazienti sperimentano una persistente disfunzione olfattiva





Gonorrea, alla ricerca di nuovi anticorpi monoclonali Un modello inedito che combina microscopia confocale e IA





Primo caso di virus B trasmesso dalle scimmie Uomo aggredito da un branco in un parco rimane infettato





Una cura più efficace per le infezioni urinarie complicate Cefepime-taniborbactam più efficace di meropenem





Long Covid, il virus può rimanere più di 1 anno Individuati frammenti del virus nel circolo sanguigno e nei tessuti





Long Covid, linee guida per il follow up Le azioni da intraprendere per contrastare l'onda lunga dell'infezione





Covid, meglio i vaccini monovalenti Mostrano maggiore adattabilità alle nuove mutazioni





Covid, 4 anni dopo L’infezione pare sotto controllo ma i vaccini sono ancora importanti





Covid, Paxlovid da evitare se si usano immunosoppressori Rischio di effetti gravi a causa dell'interazione farmacologica





Nuovo vaccino contro l'Hpv In fase di sviluppo un nuovo preparato contro il Papilloma virus umano





Covid, i linfociti T proteggono anche senza anticorpi Dimostrata l'immunità prolungata rispetto al virus





Nuove linee guida sul trapianto del microbioma Efficace nella prevenzione delle recidive





Remdesivir utile contro Covid-19 Nuovi dati associano il farmaco a rischi inferiori di Long Covid





Long Covid, implicata la barriera emato-encefalica L’infiammazione dell’area alla base del fenomeno della brain fog