Covid, meglio i vaccini monovalenti

Mostrano maggiore adattabilità alle nuove mutazioni

Un'analisi di ricercatori del Francis Crick Institute di Londra pubblicata su Lancet mostra una comparativa fra vaccini monovalenti XBB.1.5 e vaccini bivalenti diretti contro il Covid.
Stando ai dati dei ricercatori guidati da Emma C. Wall, i primi fornirebbero titoli neutralizzanti circa 3,5 volte superiori a quelli assicurati dai vaccini bivalenti contro varianti specifiche, il che dimostra una maggiore adattabilità dei vaccini monovalenti di fronte alle nuove mutazioni.
In entrambi i casi, comunque, i soggetti vaccinati mostravano di possedere anticorpi neutralizzanti contro la variante BA.2.86 prima che questa emergesse, confermando l'efficacia della vaccinazione precedente e la reattività del sistema immunitario alle nuove minacce.
Secondo i ricercatori, è necessaria un'ottimizzazione continua nella selezione delle varianti virali per le future campagne di vaccinazione, oltre ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: Covid, vaccini, monovalenti,

Notizie correlate


La ferroptosi dietro i casi gravi di Covid Possibili nuovi target terapeutici grazie alla scoperta





Covid, la nuova variante KP.2 Non risponde ai vaccini come le precedenti





Vaccino da rotavirus, pochi i rischi in terapia intensiva Studio americano ha valutato il rischio di trasmissione del virus





Le ragioni dietro all'epidemia di streptococco La recrudescenza degli ultimi anni sembra legata a un debito immunologico





Covid, come cambia la risposta ai vaccini Ogni soggetto risponde in maniera più o meno efficace





Covid, il problema dell'olfatto Molti pazienti sperimentano una persistente disfunzione olfattiva





Gonorrea, alla ricerca di nuovi anticorpi monoclonali Un modello inedito che combina microscopia confocale e IA





Primo caso di virus B trasmesso dalle scimmie Uomo aggredito da un branco in un parco rimane infettato





Una cura più efficace per le infezioni urinarie complicate Cefepime-taniborbactam più efficace di meropenem





Long Covid, il virus può rimanere più di 1 anno Individuati frammenti del virus nel circolo sanguigno e nei tessuti





Long Covid, linee guida per il follow up Le azioni da intraprendere per contrastare l'onda lunga dell'infezione





Covid, meglio i vaccini monovalenti Mostrano maggiore adattabilità alle nuove mutazioni





Covid, 4 anni dopo L’infezione pare sotto controllo ma i vaccini sono ancora importanti





Covid, Paxlovid da evitare se si usano immunosoppressori Rischio di effetti gravi a causa dell'interazione farmacologica





Nuovo vaccino contro l'Hpv In fase di sviluppo un nuovo preparato contro il Papilloma virus umano





Covid, i linfociti T proteggono anche senza anticorpi Dimostrata l'immunità prolungata rispetto al virus





Nuove linee guida sul trapianto del microbioma Efficace nella prevenzione delle recidive





Remdesivir utile contro Covid-19 Nuovi dati associano il farmaco a rischi inferiori di Long Covid





Long Covid, implicata la barriera emato-encefalica L’infiammazione dell’area alla base del fenomeno della brain fog