(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) Sindrome Post-Covid.
L’ospedale Cotugno di Napoli dimostra con uno studio clinico l’efficacia della L-Arginina nella terapia Covid e i benefici nel Long Covid.
“Il Covid-19 non è solo una semplice polmonite” spiega il Professor Fiorentino – Primario del reparto di Pneumologia, “ma un’infezione multi-organo che attacca in particolare l’endotelio. Non è un caso, infatti, che i molti pazienti da noi seguiti da novembre a oggi, ricoverati in sub-intensiva al Cotugno, soffrissero di danni all’endotelio, pur mostrando una buona saturazione, ma una bassa concentrazione di ossigeno”.
La L-Arginina è un amminoacido fondamentale per la produzione di livelli adeguati di Ossido Nitrico (NO) nell'endotelio vascolare, indispensabile per la regolazione del flusso sanguigno e per la vasodilatazione.
Esistono prove concrete che la disfunzione endoteliale sia uno dei principali meccanismi alla base dello sviluppo della patologia grave da COVID-19. Tuttavia, nessuno studio clinico aveva fino a oggi dimostrato che un intervento mirato a ottimizzare la funzione endoteliale potesse essere effettivamente utile a migliorare il decorso dei pazienti affetti da questa malattia.
“Sulla base delle evidenze scientifiche a supporto e degli iniziali riscontri positivi ottenuti dalla supplementazione di L-Arginina nella terapia Covid, abbiamo sentito l’esigenza di dare inizio a uno studio clinico che ne dimostrasse l’effettiva efficacia”, afferma Fiorentino.
“Questo studio si è posto come obiettivo primario la valutazione della riduzione del supporto respiratorio nei pazienti ricoverati in sub-intensiva e affetti da Covid severo non associato a linfocitopenia”.
Lo studio, randomizzato, in doppio cieco, controllato verso placebo, che nella sua analisi ad interim ha determinato l’arruolamento di 100 pazienti, ha evidenziato come già dopo 10 giorni dall’inizio della somministrazione, il trattamento con due flaconcini al giorno di Bioarginina® (ciascuno contenente 1.66 grammi di L-arginina libera da sali) determini una riduzione del supporto respiratorio in oltre il 70% dei pazienti trattati, con un deciso miglioramento della funzionalità respiratoria.
Questo ha comportato anche una riduzione nei tempi di degenza: 25 giorni rispetto a 46 di degenza media dei pazienti in trattamento con il placebo.
“La ridotta permanenza in ospedale significa inoltre una minore esposizione ad ulteriori infezioni” – continua il Professor Fiorentino – “poiché la L-Arginina agisce sia sulla risposta immunitaria che infiammatoria.”
Inoltre, i benefici nel miglioramento della funzione endoteliale hanno avuto dei risvolti positivi anche nel lungo periodo, nei soggetti affetti da Long Covid.
“Abbiamo notato che tra i pazienti che avevano assunto L-Arginina, anche l’astenia si era marcatamente ridotta”.
La dimostrazione, sia pur preliminare visto che lo studio è ancora in corso, che due flaconcini al giorno di Bioarginina® per via orale in aggiunta alla terapia standard in pazienti ospedalizzati per COVID-19 possano migliorare sensibilmente il decorso della malattia da COVID-19 è di particolare importanza vista la penuria di trattamenti disponibili in questo tipo di pazienti e rappresenta una nuova frontiera per una gestione migliore dei pazienti COVID-19 basata su un solido razionale fisiopatologico.
Lo studio condotto dall’Ospedale Cotugno di Napoli, in collaborazione con l’Università Federico II e l’Albert Einstein College of Medicine di New York City, è stato pubblicato sulla testata di libero accesso di The Lancet (EclinicalMedicine).
A fronte dei recenti risultati dello studio condotto dall’Ospedale Cotugno di Napoli, diversi centri nazionali – tra cui l’Ospedale Gemelli di Roma – hanno iniziato la raccolta di dati sul ruolo dell’associazione di L-arginina e Vitamina C liposomiale (Bioarginina® C) nella riabilitazione e nel Long-Covid.
I primi riscontri arrivano dall’Ospedale Triolo Zancla di Palermo. I dati, raccolti dal team del Professor Giovanni Fazio, Professore di medicina clinica e direttore del dipartimento di cardiologia, medicina interna angiologia e Long-term care, e pubblicati sulla rivista internazionale ‘’Virology’’, dimostrano che l'integrazione orale di due flaconcini al giorno Bioarginina® C per 30 giorni migliora una serie di parametri relativi alle funzionalità fisiche dei soggetti affetti da Long-Covid senza nessun effetto collaterale. In particolare, è stato riscontrato un miglioramento significativo dei parametri funzionali mediante l’uso di indici standard quali il test cardio-polmonare e il six minute walking test (6MWT).
Bioarginina® C grazie alla sua facile reperibilità, all’assenza di controindicazioni e al basso costo, rappresenta un valido supporto naturale per contrastare i sintomi del Long-Covid.
02/12/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante