(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) presso il CREA nelle stesse condizioni sperimentali di campo, per poi essere macinati. Lo sfarinato integrale così ottenuto è stato sottoposto a digestione in vitro dall’Università di Modena e Reggio Emilia. I peptidi (ossia i frammenti di proteine) che ne sono derivati - in particolare quelli responsabili della risposta immunitaria che caratterizza la celiachia - sono stati analizzati dall’Università di Parma, mediante cromatografia accoppiata alla massa (UPLC/ESI-MS), una tecnica che permette, appunto, di separare, identificare e quantificare i peptidi.
Per quanto riguarda le componenti prebiotiche, in particolare per l’amido resistente, sulla base di uno screening iniziale effettuato su ciascun campione macinato, il CREA ha selezionato un grano antico e uno moderno, caratterizzati da valori contrastanti per quantità di fibra e/o amido resistente, ed è stata prodotta la pasta da ciascuno di essi, a diverse condizioni di essiccamento. Su ogni tipologia di pasta così ottenuta è stato valutato dal gruppo dell’Università di Reggio Emilia l’amido resistente, prima e dopo la cottura.
Partendo dal presupposto che nessun celiaco possa assumere prodotti derivanti da grano, segale, farro, orzo e avena, dallo studio è emerso che i grani antichi sono caratterizzati da una maggiore componente proteica e rilasciano una maggiore quantità di peptidi scatenanti la celiachia rispetto ai moderni. Per cui, anch’essi devono essere esclusi dalla dieta dei celiaci. In aggiunta, nessuna differenza sostanziale è stata riscontrata per quanto riguarda il contenuto di amido resistente dopo la cottura della pasta, quindi non sembra esserci un potenziale prebiotico in più nei grani antichi. “Sebbene l’indagine sia stata condotta su un numero limitato di genotipi – afferma Donatella Ficco coordinatore del team CREA - rappresenta un importante contributo di conoscenza su un argomento molto dibattuto, su cui il consumatore fa fatica a distinguere la moda dalla scienza e in cui spesso, purtroppo, la disinformazione regna sovrana, a danno del portafoglio e della salute”.
Leggi altre informazioni
10/12/2018 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Le mandorle possono causare infiammazione da cibo

  • Le mandorle possono causare infiammazione da cibo Contengono un acido grasso che stimola il processo infiammatorio
    (Leggi)


Celiaci si diventa

  • Celiaci si diventa L'intolleranza al glutine spesso prodotta da errori alimentari
    (Leggi)


Intolleranza al lattosio, a volte è solo immaginata

  • Intolleranza al lattosio, a volte è solo immaginata L’eliminazione del lattosio aumenta il rischio di malnutrizione
    (Leggi)


Diagnosi più facile per la celiachia

  • Diagnosi più facile per la celiachia Le nuove raccomandazioni eliminano la necessità della biopsia intestinale
    (Leggi)


Celiachia e rischio Covid

  • Celiachia e rischio Covid Nessun aumento del rischio, forse grazie allo stile di vita
    (Leggi)


Il glutine fa più male alle donne

  • Il glutine fa più male alle donne A rischio la salute riproduttiva femminile
    (Leggi)


Quando il glutine diventa affare

  • Quando il glutine diventa affare Gli alimenti privi di glutine si trasformano in business
    (Leggi)


Celiachia, le nuove linee guida

  • Celiachia, le nuove linee guida Mirano a combattere capillarmente il problema dei celiaci nascosti
    (Leggi)


Diagnosi di celiachia dall’esame del sangue

  • Diagnosi di celiachia dall’esame del sangue L'esame potrebbe scongiurare la gastroduodenoscopia
    (Leggi)


Celiachia, grano antico o moderno?

Celiachia, possibile cura grazie a Ivacaftor

  • Celiachia, possibile cura grazie a Ivacaftor Il farmaco per la fibrosi cistica mostra efficacia sui topi
    (Leggi)


Bene la dieta senza glutine ma con molte fibre vegetali

  • Bene la dieta senza glutine ma con molte fibre vegetali In concomitanza con un consumo differente di fibre
    (Leggi)


Celiachia, effetto positivo dei probiotici

  • Celiachia, effetto positivo dei probiotici Riducono i disturbi della Sindrome dell’intestino irritabile
    (Leggi)


Gli alimenti senza glutine sono solo business

  • Gli alimenti senza glutine sono solo business L’assenza di glutine non è di per sé un fattore positivo
    (Leggi)


Bambini con diabete, attenzione alla celiachia

  • Bambini con diabete, attenzione alla celiachia Rischio di sviluppare l’intolleranza triplo rispetto alla media
    (Leggi)


La dieta senza glutine non fa bene al cuore

Infezioni e celiachia, un nesso?

  • Studio avanza l’ipotesi del coinvolgimento di un virus
    (Leggi)


La celiachia si associa a depressione nei bambini

  • La celiachia si associa a depressione nei bambini Anche ansia e disturbi del sonno fra le conseguenze
    (Leggi)


Intolleranza al lattosio, nuova etichettatura dei cibi

  • Intolleranza al lattosio, nuova etichettatura dei cibi Più facile per i consumatori scegliere i prodotti privi dello zucchero
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante