L'uomo che ha resistito all'Alzheimer

Il suo Dna ha rallentato lo sviluppo della malattia

Le mutazioni genetiche tolgono, le mutazioni genetiche danno. In questo caso si parla di anni di vita, quelli di cui ha beneficiato un uomo colombiano che, portatore della variante genetica Presenillina 1, avrebbe dovuto sviluppare una forma precoce di Alzheimer entro i 40 anni.
Non è andata così. L'uomo ha condotto una vita normale fino a 67 anni, quando effettivamente sono comparsi i primi segnali del declino cognitivo moderato. L'uomo è poi morto nel 2019 a 74 anni.
Quello che è successo è stato descritto su Nature Medicine da un team dell'Università di Antioquia di Medellin. Dalle scansioni cerebrali è emerso il processo di atrofizzazione del cervello, con la presenza di placche di beta amiloide e grovigli di proteina tau tipiche di persone che soffrono di demenza grave.
Ma tutto ci√≤ √® avvenuto decenni dopo il previsto grazie a una seconda mutazione genetica, che ha di fatto ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: Alzheimer, memoria, mutazione,

Notizie correlate


Cancro alla prostata, rischio di recidiva anche dopo 10 anni Speranze dalla nuova terapia enzalutamide





La dieta MIND per il cervello Regime alimentare protettivo contro le malattie neurologiche





La depressione aumenta il rischio di Alzheimer Probabilit√† pi√Ļ alte anche per chi soffre di stress





Alzheimer, ecco perché i neuroni muoiono Una reazione del cervello all'accumulo dell'amiloide





Le ondate di calore favoriscono l'Alzheimer Il cambiamento climatico mette a rischio anche chi soffre di demenza





Alzheimer, un vaccino sembra funzionare Risultati preliminari mostrano dati positivi





Nuovo farmaco per l'Alzheimer Donanemab mostra efficacia in fase di sperimentazione





La terapia ormonale aumenta il rischio di demenza? Studi giungono a conclusioni opposte sul trattamento per la menopausa





Alzheimer, fondamentali gli astrociti Le alterazioni molecolari a loro carico condizionano il cervello





Parkinson, l'accumulo di una proteina causa la demenza La complicanza non si presenta se il Parkinson ha origine nell'ippocampo





Alcuni batteri possono predire la comparsa dell'Alzheimer La composizione del microbioma può essere un marcatore precoce





L'uomo che ha resistito all'Alzheimer Il suo Dna ha rallentato lo sviluppo della malattia





Lecanemab per l'Alzheimer Ricercatori fanno luce sul suo funzionamento





Un test della memoria per anticipare l'Alzheimer L'analisi mnemonica può aiutare a prevedere chi si ammalerà





I farmaci anti-Alzheimer rimpiccioliscono il cervello Perdita di volume cerebrale nei pazienti che li assumono





Negli occhi gli indizi dell'Alzheimer Significative alterazioni della retina nei pazienti





L'isolamento sociale aumenta il rischio di demenza Nesso comprovato da una nuova ricerca





Alzheimer, fondamentale il sonno I disturbi del sonno possono peggiorare l'andamento clinico





L'obesità favorisce l'Alzheimer La neurodegenerazione legata all'obesità ricalca i meccanismi della malattia