Un lavoro stimolante protegge dalla demenza

Effetto superiore rispetto al titolo di studio

Uno studio apparso su Neurology e firmato da ricercatori norvegesi e americani mostra che i titoli accademici proteggono solo in parte dal rischio di demenza in tarda età, mentre gli effetti benefici più rilevanti sono associati a un lavoro creativo e stimolante nella fascia d'età fra i 30 e i 65 anni.
Gli scienziati hanno concluso che chi è laureato ma fa un lavoro poco stimolante ha un grado di protezione dalla demenza paragonabile a chi non è laureato ma in compenso fa un lavoro creativo e stimolante.
I ricercatori hanno usato come parametro l'indice RTI, acronimo di routine task intensity index, ovvero indice della routinarietà del lavoro. Più l'RTI è basso, più il lavoro è stimolante dal punto di vista cognitivo. L'RTI più basso è appannaggio degli insegnanti, mentre un RTI medio-basso è associato ad assistenti d'infanzia e infermieri e un RTI medio-alto a commercianti e ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: demenza, lavoro, studio,

Notizie correlate


Maturità, idratarsi migliora concentrazione e memoria L'importanza dell'idratazione anche per ridurre ansia e stress





I tumori cerebrali crescono con l'attività del cervello La crescita è determinata in parte dall'attività cerebrale





Il primo atlante digitalizzato del cervello umano Strumento utile contro i tumori alla testa





Ziapin2 per stimolare le cellule muscolo-scheletriche Le molecole stimolano la contrazione delle cellule





Di notte il cervello si ripulisce Eliminati i prodotti di scarto dell'attività neuronale





Nel cervello il segreto dell'altruismo La tendenza ad aiutare il prossimo risiede in un'area precisa





Gli effetti degli integratori su memoria e declino cognitivo Risultati migliori nei test mnemonici negli over 60





L'effetto protettivo dei flavanoli sulla memoria Perdita di memoria associata a scarsa assunzione del nutriente





Nuove strategie per i disturbi della memoria Identificato un processo cerebrale fondamentale





Gli episodi di delirio aumentano il rischio di demenza A ogni episodio il rischio aumenta del 20 per cento





Un lavoro stimolante protegge dalla demenza Effetto superiore rispetto al titolo di studio





Malattie cardiache e danni cerebrovascolari Studio analizza il nesso fra le due condizioni





Demenza, evitabile quasi un caso su 2 Agire sui fattori di rischio modificabili





I demoni della prosopometamorfopsia Raro disturbo che fa vedere i volti degli altri alterati





Amebe nel cervello, attenzione ai lavaggi nasali Assolutamente da evitare l'uso dell'acqua del rubinetto





Miastenia gravis, efficace batoclimab Benefici dall'anticorpo monoclonale diretto contro le IgG





Mal di testa fortissimo, aveva una tenia nel cervello I parassiti avevano causato la formazione di cisti





La malattia del cervo zombie Centinaia gli esemplari colpiti, potrebbe minacciare anche l'uomo





La nanomedicina per le lesioni del midollo spinale Studio italiano apre la strada a nuovi trattamenti