Un biomarcatore della dipendenza

Studio individua uno specifico meccanismo cerebrale

Esiste un preciso meccanismo cerebrale alla base dei fenomeni di dipendenza. All'origine c'è il craving, ovvero il desiderio irrefrenabile di qualcosa, sia essa una sostanza o un comportamento che provochi eccitazione, come il gioco d'azzardo o l'uso smodato di internet.
Uno studio pubblicato su Nature Neuroscience da scienziati dell'Institut national de la santé et de la recherche médicale di Parigi mostra l'esistenza di una specifica configurazione neurobiologica che espone alcuni soggetti al rischio di cadere in una forma di dipendenza.
Il meccanismo individuato è stato definito Neurobiological Craving Signature, a partire dal quale si innescherebbe un percorso che porta alla dipendenza da sostanze o da comportamenti ad alta gratificazione. Un vero e proprio biomarcatore della dipendenza, un segnale neurobiologico utile per attuare programmi di prevenzione e anche per verificare ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: biomarcatore, cervello, dipendenza, craving,

Notizie correlate


Il fumo ha effetti a lungo termine sul sistema immunitario La risposta adattativa viene influenzata per molto tempo





Il fumo fa anche ingrassare Ha un’influenza evidente sulla distribuzione del grasso viscerale





La cocaina interrompe le comunicazioni nel cervello L'uso prolungato della droga influenza le connessioni cerebrali





Un biomarcatore della dipendenza Studio individua uno specifico meccanismo cerebrale





Smettere di fumare riduce il rischio di mortalità Nuova ricerca evidenzia il nesso





Ludopatia, l'area del cervello che innesca la dipendenza Possibili nuovi trattamenti per il contrasto alla malattia





Cannabis, la legalizzazione aumenta i casi di avvelenamento Il rischio aumenta soprattutto per i bambini





Le sigarette elettroniche fanno male agli occhi e ai denti Fastidi oculari e danni orali più probabili per chi le utilizza





Chi inizia a fumare da giovane rischia di più Maggiori probabilità di diventare dipendenti





Il rischio dei cannabinoidi tagliati con droghe sintetiche Effetti della cannabis amplificati dalle nuove sostanze





La nicotina che si scioglie in bocca Nuova modalità di assunzione che comporta molti rischi





L'alcol rimpicciolisce il cervello degli adolescenti Assottiglia la corteccia cerebrale e altera le connessioni fra neuroni





Smettere di fumare non pregiudica la salute mentale Ansia e depressione non sembrano essere influenzate dalla scelta





Il fumo è un fattore di rischio internistico La lotta alle sigarette va mirata soprattutto ai giovanissimi





La stimolazione magnetica transcranica contro il fumo La tecnica può aiutare i fumatori a smettere





Le sigarette elettroniche al mentolo sono tossiche Più pericolose di quelle con altri aromi





Due nuovi farmaci per le dipendenze Sviluppati a partire da una pianta psichedelica





Alcol, 8 milioni di consumatori a rischio In tanti hanno già un danno da alcol non intercettato





I pericoli del chemsex L'assunzione di droghe per aumentare le performance sessuali