Casi di encefalomielite dopo il vaiolo delle scimmie

In due uomini l’infezione ha provocato la complicanza neurologica

Varie_10582.jpg

L’infezione da vaiolo delle scimmie potrebbe favorire l’insorgenza di un’encefalomielite. Lo afferma un rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicato su Morbidity and Mortality Weekly Report e firmato da Daniel Pastula, infettivologo e neurologo presso la Scuola di medicina dell'Università del Colorado ad Aurora.
Il primo caso riguarda un uomo gay non vaccinato. A 9 giorni dai primi sintomi l’uomo ha accusato un intorpidimento del braccio e della gamba sinistra con difficoltĂ  alla minzione. Dalla risonanza magnetica sono emerse lesioni cerebrali e alla colonna vertebrale, in assenza di Dna virale nel liquido cerebrospinale. L’uomo è stato trattato con tecovirimat orale, metilprednisolone endovena, immunoglobuline e penicillina. Dopo 2 settimane, l’intorpidimento si è stabilizzato, mentre l’ipostenia alla gamba sinistra è migliorata dopo la ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | vaiolo, encefalomielite, contagio,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicitŕ su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 189403 volte