(Torna alla 1° pagina..)(2° pagina) anatomica ma non sulla stessa pelle. Premere con forza sul cerotto finché i bordi aderiscano, non applicare creme, trucchi, lozioni, talchi o altro sulla zona in cui è applicato il cerotto. Controllare ogni giorno se è ben attaccato. Se non si usava nulla nel ciclo precedente, mettere il primo cerotto il primo giorno della mestruazione e seguire le istruzioni sopra scritte.
Funziona da subito ma, se si comincia dopo il primo giorno, per 7 giorni bisogna usare un altra precauzione contraccettiva (profilattico). Se si prendeva una pillola con due ormoni, mettere il primo cerotto il primo giorno della mestruazione o se si ritarda, usare un'altra precauzione per i primi 7 giorni. Se sono passati più di sette giorni dall'ultima pillola, attendere la prossima mestruazione. Se non c'è la mestruazione, farsi controllare prima di mettere il cerotto. Se si prendeva una pillola con un solo progestinico, cominciare subito ma usare un'altra precauzione nei primi 7 giorni. Dopo un aborto è possibile cominciare il giorno stesso senza ricorrere a misure supplementari. Dopo un parto, se non si allatta, attendere 4 settimane, usare un'altra precauzione sia prima che nei 7 giorni dopo l'applicazione del cerotto. L'uso di contraccettivi combinati è in genere sconsigliato durante l'allattamento.
Se si stacca parzialmente o completamente e ci se ne accorge entro 24 ore a qualunque ora, è possibile sostituirlo con uno nuovo e non cambia nulla. Se sono passate più di 24 ore dal distacco o non è possibile ricostruire quando è avvenuto, ci potrebbero essere dei rischi: cominciare subito un nuovo ciclo e usare un altro sistema contraccettivo per 7 giorni. Se il cerotto dimenticato è il primo dei tre mensili non si è più protetti per 7 giorni. Applicare il cerotto non appena ci si ricorda. Se si hanno avuto rapporti durante la sospensione considerare la possibilità di una gravidanza. Se invece hai dimenticato il secondo o il terzo e ti ricordi di metterlo entro 48 ore non succede niente, funziona lo stesso.
Se sono passate più di 48 ore, la protezione non è più garantita. Bisogna iniziare immediatamente un nuovo ciclo da 4 settimane e per 7 giorni usare un'altra precauzione. Attenzione sopra ai 90 kg di peso corporeo non è più garantita l'efficacia. Le controindicazioni ( le malattie e i problemi che preesistono all'uso del cerotto e che fanno si che sia meglio non usarlo) e gli effetti collaterali (malattie e disturbi che non esistevano prima ma che possono essere provocati dal cerotto) sono gli stessi che con la pillola. Parlate con il vostro medico di medicina generale per valutare se è adatto a voi. Anche se il vomito e la diarrea non creano problemi i farmaci che vengono smaltiti tramite il fegato possono interferire.
Il primo timore nei confronti di Evra riguarda l'adesività: "Ma si stacca se sfrega contro i vestiti? E quando faccio la doccia o vado in piscina? Mi si sono scollati i lati: funziona comunque?". Il cerotto offre un'ottima adesività. Naturalmente, per garantirne la durata, occorre accertarsi che la parte scelta per l'applicazione sia pulita e asciutta. E' meglio evitare di applicare creme, lozioni, oli, borotalchi o trucco sulla pelle dove si sta applicando il cerotto e nelle sue vicinanze. Se comunque il cerotto dovesse sollevarsi parzialmente prima del giorno di sostituzione, è sufficiente premere fermamente il cerotto con il palmo della mano per 10 secondi, accertandosi che i bordi aderiscano bene facendo scorrere il dito lungo i bordi.
Quando si utilizza il cerotto non è assolutamente necessario modificare le attività che si svolgono normalmente. Il bagno, la doccia, il nuoto, la ginnastica, l'aumento di sudorazione, l'umidità causata da condizioni atmosferiche non dovrebbero avere alcun effetto sul cerotto. L'adesività del cerotto è garantita anche in evenienze come quelle descritte. Ma come detto prima è estremamente importante che al momento in cui si applica il cerotto, la pelle sia completamente asciutta e priva di creme o altre sostanze che possano ridurne la perfetta adesione. Una volta che sia stato ben applicato, l'umidità esterna non interferisce più, si possono quindi applicare senza problemi lozioni abbronzanti o protettive.
La caratteristica fondamentale del cerotto contraccettivo transdermico è quella di rilasciare una quantità di sostanze ormonali che rimane costante durante tutta la durata del ciclo. In altre parole, non vi sono più i cosiddetti "picchi ormonali", responsabili di alcune modificazioni temporanee a livello sia fisico che emotivo nella donna. Gli sbalzi d'umore e l'aumento di ritenzione idrica, che caratterizzano l'andamento del ciclo mestruale anche durante l'assunzione di contraccettivi orali, si attenuano considerevolmente con l'uso del cerotto contraccettivo.
Per passare dalla pillola anticoncezionale al cerotto non occorre fare una pausa tra l'uno e l'altro. Inoltre il passaggio non fa insorgere problematiche specifiche. Occorre semplicemente completare il ciclo in corso con la pillola contraccettiva e il primo giorno delle mestruazioni si potrà applicare il cerotto. Nel caso in cui si dovesse applicare il primo cerotto dopo le prime 24 ore dall'inizio delle mestruazioni, ma entro e non oltre 7 giorni, sarà opportuno usare un metodo di controllo di tipo non ormonale (per esempio preservativi o spermicida) per i primi 7 giorni di applicazione del cerotto. Se le mestruazioni non dovessero comparire entro 5 giorni dall'assunzione dell'ultima pillola, è consigliabile consultare il ginecologo o il medico di fiducia prima di applicare il cerotto, per avere la certezza di non essere incinta.
Analizzando i dati provenienti da 3 studi si è ricavato per Evra un tasso totale di gravidanze pari a 0,88 ogni 100 donne-anno e un tasso di fallimento del metodo contraccettivo pari a 0,7 ogni 100 donne-anno. In donne con peso uguale o superiore a 90 kg l'efficacia contraccettiva di Evra è invece ridotta. I dati combinati di 2 studi randomizzati controllati e di uno studio non randomizzato indicano che l'emorragia da sospensione col cerotto è iniziata in media un giorno dopo rispetto ai contraccettivi orali combinati ed è durata 5-6 giorni (un giorno in più rispetto ai contraccettivi orali). Durante i primi cicli, lo spotting è stato più frequente tra le donne che utilizzavano il cerotto rispetto a quelle che assumevano un contraccettivo orale combinato. Si è verificata amenorrea nello 0,1% delle donne che utilizzavano il cerotto rispetto allo 0,2% dei contraccettivi orali combinati.
In uno studio randomizzato in aperto gli autori hanno calcolato che il numero medio di cicli in cui l'adesione al trattamento era stata completa era superiore per Evra rispetto al contraccettivo orale combinato. Tuttavia, lo studio non era disegnato per rilevare una differenza nell'adesione ai due trattamenti e i dati erano ottenuti da registrazioni soggettive delle partecipanti. Inoltre, dato che il tasso di adesione completa calcolato nello studio non tiene conto dei tassi di abbandono, è possibile che la reale adesione a lungo termine non sia migliore con Evra rispetto ai contraccettivi orali combinati. In uno studio controllato randomizzato coinvolgente circa 1400 donne sane tra i 18 e i 45 anni, si è ottenuta una migliore compliance per il cerotto rispetto al contraccettivo orale combinato.
Gli effetti indesiderati di Evra sembrano simili a quelli dei contraccettivi orali combinati, anche se tensione mammaria e dismenorrea, sono stati più frequenti con Evra. Nella maggior parte dei casi, i sintomi mammari si sono verificati durante i primi due cicli. Non è noto se il rischio di tromboembolismo associato all'uso di Evra sia diverso rispetto ai contraccettivi orali combinati. L'analisi dell'insieme dei dati dei tre studi ha rilevato che circa il 2% dei cerotti si è staccato completamente e un altro 3% parzialmente. La comparsa di reazioni al sito di applicazione (riferite da circa il 20% delle donne) è stata la causa più frequente di abbandono (2,6%), in uno degli studi randomizzati. La scheda tecnica di Evra avverte che è necessario utilizzare un metodo contraccettivo di barriera in caso di assunzione di farmaci induttori degli enzimi epatici, sia durante il trattamento che per i 28 giorni successivi alla sua sospensione. La terapia con tetracicline non sembra ridurre le concentrazioni sieriche di etinilestradiolo o norelgestromin. Le donne trattate con antibiotici (diversi dalle tetracicline) dovrebbero utilizzare un metodo contraccettivo di barriera fino al settimo giorno dopo la sospensione della terapia.
Evra è il primo contraccettivo combinato formulato come cerotto. Nelle donne che lo utilizzano i sintomi mammari, lo spotting durante i primi cicli e la dismenorrea sono più frequenti rispetto alle utilizzatrici dei contraccettivi orali combinati. Gli altri effetti indesiderati risultano sovrapponibili per i due trattamenti. Mancano dati convincenti riguardo a una miglior adesione al trattamento a lungo termine per Evra rispetto a un contraccettivo orale combinato, così come a una maggiore o minore efficacia del cerotto rispetto a un contraccettivo orale combinato nel prevenire l'instaurarsi di una gravidanza. Gli studi disponibili sono insufficienti per stabilire se Evra offre qualche vantaggio clinicamente significativo rispetto ai contraccettivi orali combinati ed ha un costo molto più elevato.

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook
Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante