(Torna alla 1° pagina..)(2° pagina) loro di alimentarsi e sopravvivere.

Purtroppo, nei tumori al cervello, le metastasi sono molto frequenti e, spesso, letali: una volta che si sono diffuse nei tessuti cerebrali la sopravvivenza media dei pazienti non supera di norma i 9 mesi.
L'equipe del dott.Carbonell ha scoperto che il 95% delle cellule tumorali metastatiche cerebrali si sviluppa intorno ai vasi sanguigni del cervello, non attorno ai neuroni. In seguito gli studiosi britannici hanno osservato che, rimuovendo l'integrina, le cellule del cancro metastatiche smettevano di legarsi ai vasi sanguigni e, quindi, interrompevano la loro crescita. In questo modo si evitava il diffondersi delle metastasi nel cervello.

Il dott.Carbonell afferma che questa scoperta ci offre una maggiore comprensione delle dinamiche con le quali i tumori si sviluppano e nuove opportunità per elaborare trattamenti mirati per rallentarne la crescita.
Partirà da Bologna la sperimentazione clinica mondiale del cilengitide, una nuova terapia per combattere il glioblastoma, il più aggressivo dei tumori cerebrali.

L'unità operativa complessa di Oncologia Medica dell'ospedale Bellaria-Maggiore di Bologna, diretta dalla dott.ssa Alba Brandes, sarà il primo centro al mondo a testare su pazienti umani il farmaco cilengitide, studiato per affamare il tumore diminuendo l'afflusso di sangue alle cellule maligne.

Nel trial clinico saranno coinvolti i principali ospedali specializzati nella cura delle neoplasie encefaliche.

Cilengitide agisce inibendo le integrine, proteine che favoriscono la vascolarizzazione tumorale, portando il nutrimento e l'ossigeno necessari al cancro per crescere: l'azione del nuovo farmaco contrasta la capacità espansiva e metastatica del glioblastoma, impedendogli di colonizzare altre zone del cervello.

Cilengitide sarà dunque usato per la prima volta in Italia nella sperimentazione clinica di fase III in svolgimento a Bologna e condotta sotto il coordinamento dell'Eortc (European Organisation for Research and Treatment of Cancer).

La dottoressa Brandes spiega che cilengitide sarà associato ai trattamenti chemio e radioterapici già in uso, come quelli con temozolomide e radioterapia, in maniera da rendere il tumore più debole e vulnerabile all'attacco delle cure classiche.

L'esperta spiega che lo studio, partito recentemente, prevede che il tumore cerebrale, dopo essere stato asportato chirurgicamente, sia valutato a livello centralizzato in Europa in termini di caratteristiche genetiche e in particolare per lo stato di metilazione di un gene chiamato MGMT.

Queste le modalità di svolgimento dell'indagine clinica. Si formeranno due gruppi di pazienti: al primo gruppo di controllo verrà somministrata la chemio-radioterapia standard per 8 mesi, mentre al secondo verrà aggiunto a queste cure tradizionali il cilengitide per un periodo di 18 mesi.

Per controllare l'efficacia delle diverse terapie, le persone verranno sottoposte ogni due o tre mesi a una risonanza magnetica cerebrale. In questo modo, afferma la dottoressa Brandes, il medico potrà valutare se continuare o meno con quello specifico trattamento sulla base della risposta ottenuta.

È importantissimo sapere per tempo quali persone siano o meno portatori di un gene metilato coinvolto nel glioblastoma: per questo motivo, ricorda la Brandes, si deve immediatamente poter analizzare le caratteristiche genetiche del tessuto tumorale ottenuto dall'intervento d'asportazione, prima di iniziare la terapia sperimentale.

La cilengitide però non ha raggiunto l’endpoint prinicipale dello studio di fase III CENTRIC, ovvero l’estensione della sopravvivenza generale quando aggiunto a temozolomide e radioterapia, rispetto alla sola chemio radioterapia, in pazienti con glioblastoma multiforme di nuova diagnosi e promotore metilato del gene MGMT.

CENTRIC è un trial clinico di fase III, multicentrico, randomizzato, in aperto e controllato, condotto sotto l'egida dell'EORTC (European Organisation for Research and Treatment of Cancer). Lo studio ha valutato l’efficacia e la sicurezza di cilengitide in 500 pazienti provenienti da 23 Paesi in tutto il mondo, con glioblastoma di nuova diagnosi e promotore metilato del gene MGMT.

Nello studio, l’aggiunta del farmaco alla chemio radioterapia standard (temozolomide e radioterapia) non ha aumentato la sopravvivenza rispetto alla sola chemio radioterapia. Nello studio non sono stati osservati nuovi eventi avversi associati al farmaco rispetto a quelli osservati negli studi precedenti condotti sul medicinale (nausea e fatigue).

Attualmente Merck Serono sta valutando i dati dello studio di fase II ancora in corso, denominato CORE, che sta analizzando efficacia e sicurezza del medicinale in pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi, con promotore non metilato del gene MGMT.

Lo status di metilazione del promotore del gene MGMT è un fattore molecolare importante nei glioblastomi. Il gene MGMT è coinvolto nel processo di riparazione del DNA. La metilazione del promotore di MGMT nel tessuto tumorale silenzia l’espressione del gene ed è un marker prognostico e potenzialmente predittivo della risposta a temozolomide nei pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi.

Il glioblastoma, noto anche come glioblastoma multiforme, è il tumore cerebrale più frequente, coprendo approssimativamente il 12-15% di tutte le neoplasie intracraniche e il 50-60% di tutti i tumori astrocitari. Il glioblastoma multiforme è il tumore cerebrale più aggressivo, costituisce, infatti, il IV grado della classificazione dei gliomi, ed è anche il tumore cerebrale più frequente.
Leggi altre informazioni
11/06/2013 Riccardo Antinori

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante