(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) Ldl. In quel frangente, i ricercatori avevano individuato GlycA, scoprendone la capacità di marcare uno stato infiammatorio. Utilizzando un totale di oltre 30mila campioni Dna raccolti nel corso di 25 anni, gli studiosi americani hanno analizzato i due valori e la loro efficacia nel predire infarti, ictus e morte precoce.
Circa 3mila pazienti sono stati sottoposti ad angiografia coronarica, due terzi dei quali erano maschi. Nel 65 per cento dei casi, è stata diagnosticata la malattia coronarica, nel 42 per cento la sindrome coronarica, e in un altro 26 per cento anche il diabete.
J. Brent Muhlestein, autore dello studio, commenta: «La correlazione tra GlycA e Crp è stata modesta. Alcuni pazienti avevano alti livelli di un marker e bassi livelli dell'altro, o viceversa. Ma le due proteine hanno predetto in modo indipendente il futuro rischio. E se entrambi i valori erano elevati, lo scenario era peggiore».
Leggi altre informazioni
21/03/2017 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante