Una proteina per bloccare l'herpes che causa il cancro

Possibile cura per il sarcoma di Kaposi

Un team di ricercatori inglesi ha scoperto una proteina in grado di contrastare un tipo di herpes virus collegato all'insorgenza del sarcoma di Kaposi, una temibile forma di cancro.
L'HHV-8 causerebbe questo tipo di cancro che produce gravi lesioni a carico della cute, degli organi interni e delle mucose.
Lo studio, pubblicato su Plos Pathogens, è stato realizzato dai ricercatori dell'Università di Manchester e mostra i meccanismi con i quali l'herpes virus mette a repentaglio il corretto funzionamento cellulare.
Il dott. Richard B. Tunnicliffe spiega: “i virus non possono sopravvivere o replicarsi in proprio hanno bisogno di risorse e strumenti all’interno di una cellula ospite per farlo. Abbiamo sviluppato una nuova tecnica che rivela come le molecole flessibili lavorano insieme. Questo ci ha permesso di avere un assaggio di come il virus è in grado di compromettere il ... (Continua) leggi la 2° pagina

Keywords | herpes, Kaposi, sarcoma,
  • Herpes_1550.jpg
    Scoperte le cellule che fermano l'herpes
  • Herpes_279.jpg
    L'herpes e i problemi cognitivi
  • Herpes_5667.jpg
    Un vaccino contro l'herpes zoster
  • Herpes_8222.jpg
    L'herpes si cura con il gel
  • Herpes_9701.jpg
    Herpes, la terapia non ferma il virus
  • Herpes_10468.jpg
    Herpes, un farmaco per l'Aids potrebbe sconfiggerlo
  • Influenza_6855.jpg
    Herpes: siamo quasi tutti contagiati
commenta l'articolo
   
nickname    
email    

effettua il login oppure

Notizie correlate

Hai un dubbio? Chiedi allo specialista!
Puoi prenotare una visita medica presso i nostri laboratori

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute Seguimi su Libero Mobile Avvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante