Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 16/10/2013 @ 12:42:21, in Lettera C, visto n. 1610 volte)
Sperone cartilagineo posto in corrispondenza della divisione della trachea nei due bronchi principali.
 
Di riccardo (del 16/10/2013 @ 12:41:20, in Lettera C, visto n. 479 volte)
Sporgenza a forma di cresta.
 
Di riccardo (del 16/10/2013 @ 12:43:04, in Lettera C, visto n. 433 volte)
Mancata o deficiente assunzione di principi nutritivi. La carenza nutritiva è detta primitiva quando risulta insufficiente la quota alimentare globale; è detta secondaria quando gli alimenti introdotti sono teoricamente sufficienti, ma si determinano talune condizioni (aumentata richiesta da parte dell'organismo di alcuni principi alimentari; aumentata eliminazione degli stessi attraverso le vie urinarie; turbe digestive; malattie del tratto gastrointestinale; vomito, diarrea, dispepsia; malattie endocrine) per cui risulta insufficiente l'apporto di qualche sostanza essenziale. In relazione alla mancanza di singoli elementi alimentari (proteine, carboidrati, grassi) le carenze nutritive si distinguono in protidica, glicidica e lipidica. La terapia tende soprattutto a equilibrare l'apporto alimentare sia attraverso un aumento quantitativo e qualitativo degli alimenti sia utilizzando preparati farmaceutici che contengano proteine, carboidrati e grassi. Se la carenza nutritiva è conseguente a una malattia si deve eliminare quest'ultima.
 
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 12:14:02, in Lettera C, visto n. 902 volte)
La carie è una degenerazione del tessuto duro del dente causata dall'attacco di acidi che provocano la demineralizzazione del dente. Agiscono direttamente oppure favoriti dall'azione di batteri ad azione cariogena. Questi ultimi operano in due modi: possono aderire direttamente allo smalto per modificarne la struttura chimica in modo da favorire l'attecchimento di altri microrganismi della placca dentale oppure possono produrre direttamente gli acidi che attaccano e distruggono la parte dura del dente. La presenza dei batteri non è l'unico fattore determinante l'insorgenza della carie. Sono necessari infatti altre due condizioni: 1) un'insufficiente rimozione della placca batterica e dei residui degli alimenti, causata da una scarsa igiene orale o da particolari configurazioni dei denti che presentano zone difficilmente raggiungibili dallo spazzolino; 2) la presenza di un alto tasso di zuccheri nella cavità orale. Solo in presenza di zuccheri infatti i batteri sono in grado di esplicare la loro produzione di acidi. La prevenzione consiste nella corretta igiene orale, le cui regole sono semplici ma efficaci: la pulizia dei denti dopo ogni pasto (al massimo entro 20 minuti) con un uso corretto dello spazzolino (movimento verticale dalla gengiva alla parte terminale del dente), l'uso del filo interdentale, la sostituzione periodica dello spazzolino, le visite dentistiche ogni 4-6 mesi. Può risultare utile a livello di prevenzione un'integrazione a base di fluoro prima che il processo di mineralizzazione dei denti sia completato (generalmente entro i dodici anni) e l'eliminazione dalla dieta di alimenti in cui gli zuccheri sono in grado di permanere più a lungo nella cavità orale e di attaccarsi più facilmente ai denti, come le caramelle, le gomme da masticare o i cioccolatini.
 
Di riccardo (del 16/10/2013 @ 12:45:18, in Lettera C, visto n. 507 volte)
Vedi mitosi.
 
Di dr.psico (del 07/08/2007 @ 10:30:28, in Lettera C, visto n. 938 volte)
Insieme dei cromosomi che per numero e morfologia sono caratteristici di una specie. Nell’uomo il cariòtipo di tutte le cellule somatiche comprende 46 cromosomi. Generalmente quando l'ovulo è fecondato l'embrione acquisisce 23 cromosomi dalla madre e 23 dal padre.
 
Di riccardo (del 16/10/2013 @ 12:46:44, in Lettera C, visto n. 501 volte)
Farmaci capaci di ostacolare o di rimuovere il ristagno di gas nel tubo digerente. Agiscono con vari meccanismi: aumento della motilità intestinale (anice, finocchio); adsorbimento dei gas (carbone vegetale e animale, caolino); rallentamento della produzione di gas (antisettici, disinfettanti intestinali).
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (346)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate