Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito i lemmi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di medicina (del 06/10/2007 @ 18:33:26, in Lettera A, visto n. 766 volte)
Percezione di oggetti non esistenti, ma ritenuti reali dal soggetto.
 
Di dr.psico (del 10/07/2007 @ 22:15:39, in Lettera A, visto n. 888 volte)
Percezione in assenza di eccitamento dei recettori sensoriali. L'allucinazione può essere semplice o multipla e può essere costituita da percezioni visive, uditive, olfattive, gustative e cenestesiche, cioè di movimento. Chi soffre di allucinazioni può vedere persone, udire voci, sentire odori e gusti, percepire sensazioni provenienti da organi interni, senza che in realtà esistano i corrispondenti stimoli.
 
Di medicina (del 06/10/2007 @ 18:34:27, in Lettera A, visto n. 689 volte)
Sostanza naturale o sintetica, che provoca disturbi del sistema nervoso centrale con conseguente comparsa di allucinazioni. In Asia e nelle Americhe, le popolazioni autoctone utilizzano fin dall'antichità allucinogeni di origine vegetale (come la mescalina) a scopo rituale durante le cerimonie religiose. I conquistatori e i mercanti europei li diffusero anche nel vecchio continente a partire dal XVII sec. Tali sostanze, utilizzate in medicina a scopo psicoterapeutico, si sono in seguito diffuse con fini esclusivamente voluttuari. Attualmente gli allucinogeni più diffusi sono le anfetamine e il potentissimo LSD (composto dell'acido lisergico, derivato dalla segale cornuta).
 
Di dr.psico (del 10/07/2007 @ 22:17:47, in Lettera A, visto n. 1410 volte)
Stato di allucinazione in una persona per altro normale.
 
Di medicina (del 06/10/2007 @ 18:35:10, in Lettera A, visto n. 872 volte)
Sale costituito da solfati doppi di metalli monovalenti e trivalenti. I metalli trivalenti possono essere alluminio, cromo, manganese, ferro, cobalto, titanio, vanadio, rodio, gallio, indio, iridio. Il più noto e tipico degli allumi è l'allume di rocca o potassico, che è il solfato doppio di alluminio e potassio; viene utilizzato come astringente, emostatico e caustico.
 
Di medicina (del 06/10/2007 @ 18:39:31, in Lettera A, visto n. 801 volte)
1 Pianta perenne della famiglia delle Liliacee a cui appartengono molte specie soprattutto africane. 2 Denominazione dell'agave americana che ha foglie molto simili a quelle delle piante di aloe. 3 Droga medicinale che si ricava dal succo delle foglie di alcune specie di aloe che viene condensato tramite evaporazione. Aloe vera Varietà di aloe (Aloe Barbadensis Miller). I riferimenti terapeutici risalgono a 5.000 anni fa (nel 1862 G. Ebers ne scoprì traccia in un papiro egiziano). L'unico campo in cui l'aloe vera ha dimostrato un'efficacia reale e notevole è quello dermatologico. Il suo impiego risale al 1942 quando un ingegnere chimico americano, R. Stockton curò una grave ustione dovuta al sole della Florida con una polpa gelatinosa estratta dall'aloe vera. Proseguì le ricerche e riuscì a stabilizzare il gel (per evitarne l'ossidazione). Dagli anni '50 sono moltissime le ricerche sull'impiego dell'aloe in dermatologia, in particolare nella cura delle ustioni dove i risultati sono eccellenti (da citare nel 1995 la cura delle vittime dell'attentato di Oklahoma City da parte di T. Moore che aveva all'attivo già 4.000 casi di ustioni trattati in tal modo). Attualmente l'aloe vera è utilizzata per curare ustioni, escoriazioni, scottature ed eritemi solari e come idratante per pelli secche, arrossate e screpolate. Molti prodotti con nomi commerciali blasonati si basano su aloe vera.
 
Di medicina (del 17/09/2007 @ 21:57:28, in Lettera A, visto n. 996 volte)
L'aloe è una pianta succulenta perenne a portamento arbustivo. È una pianta autosterile, si riproduce perciò solo con l'impollinazione incrociata, in quanto i fiori maschili e quelli femminili della stessa pianta non si incrociano tra loro. Da millenni l'aloe viene utilizzata per le sue proprietà, ma un suo sfruttamento di natura farmaceutica parte soltanto nel 1959, quando un farmacista americano, Bill Coats, mise a punto un procedimento per dar vita a una commercializzazione senza più problemi di ossidazione e fermentazione. Tra le varie proprietà mediche riconosciute, l'aloe: 1) stimola la crescita dell'epitelio sulle ferite; 2) dona un senso di energia e di benessere generale; 3) ha proprietà cicatrizzanti e antiinfiammatorie; 4) dà sollievo in caso di ustione; 5) favorisce l'idratazione dell'epidermide; 6) dà sollievo in caso di prurito e presenta qualità analgesiche. Le uniche controindicazioni riguardano la presenza al suo interno dell'aloina, una sostanza con effetto lassativo e irritativo del colon che si ritiene abbia anche un potere abortivo in caso di gravidanza.
 
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (179)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (398)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (345)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (245)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (41)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< giugno 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate