Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito tutti i lemmi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 03/02/2014 @ 17:17:49, in Lettera S, visto n. 292 volte)
Inspirazione lenta e profonda e apertura forzata della bocca, delle fauci e della glottide. Pandiculazione è il termine che viene usato per definire l'insieme delle contrazioni muscolari che generalmente accompagnano lo sbadiglio, e che portano a "stiracchiarsi".Considerato come un atto respiratorio accessorio, può essere provocato sia da fattori organici (ad esempio fame, sonno) che psichici (come noia, stanchezza, astenia ecc.). Tra gli esseri umani, lo sbadiglio è contagioso, per cui in generale, è più probabile che una persona sbadigli dopo aver percepito (con la vista, l'udito, o entrambi i sensi) lo sbadiglio di un'altra persona.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di salute (del 06/10/2007 @ 17:23:38, in Lettera S, visto n. 699 volte)
In origine lo sbrinz veniva prodotto solo nella regione di Brienz (Svizzera centrale), ma in seguito si è diffuso anche in altre aree della nazione elvetica. Attualmente la zona di produzione comprende anche i cantoni di Nid Walden, Obwalden, Svitto e Zug. Si tratta di un formaggio a pasta dura, che può essere consumato al naturale oppure grattugiato sugli alimenti. Molto ricco di calcio, si conserva a lungo anche dopo il taglio. INFO AL. - Carboidrati: 0; proteine: 30; grassi: 33; acqua: 32; calorie: 429
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di salute (del 25/06/2007 @ 11:44:47, in Lettera S, visto n. 17687 volte)
La scabbia è una delle più antiche malattie parassitarie, essendosi trovate tracce del parassita nelle mummie egiziane. La scoperta dell’agente causale, l’acaro, risale al 1687 e pertanto la scabbia può essere classificata come la prima malattia del genere umano della quale si conosceva la causa. Sfortunatamente passarono due secoli prima che tale scoperta fosse accettata dal mondo scientifico. Comunemente si ritiene che essa sia appannaggio delle classi sociali più disagiate o in condizioni igieniche scadenti: parzialmente vero in quanto le condizioni socioeconomiche dei pazienti affetti da scabbia sono oramai rappresentative della popolazione in generale. Per meglio comprendere tale infestazione analizzeremo: 1) l’agente causale ed il suo ciclo biologico; 2) le modalità di trasmissione; 3) gli aspetti clinici; 4) la terapia. Agente causale ed il suo ciclo biologico La scabbia è causata da un acaro, il Sarcoptes Scabiei var. hominis (famiglia Sarcoptidae, sottordine Astigmata, ordine Acarina, classe Arachnida). E’ un parassita obbligato dell’uomo (l’uomo è il suo ambiente naturale), di forma ovalare, di piccole dimensioni (la femmina adulta è lunga 0.4mm e larga 0.3mm, mentre il maschio ha una lunghezza di 0.2 mm e una larghezza di 0.15 mm), invisibile ad occhio nudo. Si muove con rapidità sulla cute, percorrendo 2.5 cm al minuto. Sono contagianti le femmine gravide, le larve e le uova; i maschi (vivono per circa 45 giorni e non penetrano nella pelle) muoiono poco dopo l’accoppiamento. La femmina fecondata resta sulla superficie cutanea sino a quando le uova sono quasi mature (è questo il periodo durante il quale esse possono contagiare per contatto altri individui) dopodichè scava nello strato corneo della pelle delle gallerie (alla velocità di 0.5-5mm al giorno) depositandovi 2-3 uova al giorno, con un massimo di 50, dopodiché muore. Nell’arco di 4-7 giorni le uova si schiudono e le larve escono dal cunicolo sulla superficie cutanea: scavano a loro volta altri cunicoli dove si trasformano in ninfe diventando adulte in 3 settimane: si ha una nuova generazione in meno di un mese. Modalità di trasmissione La femmina adulta sopravvive in un ambiente umido (tra il 40 e 80% di umidità) e temperature comprese tra 25° e 35°C: al di sotto dei 20°C ed al di sopra dei 55°C muore. Al di fuori dell’ospite umano l’acaro non sopravvive più di 2-5 giorni. Questa premessa è doverosa per comprendere come il contagio sia prevalentemente interumano nella grande maggioranza dei casi. Così vi deve essere un contatto diretto con la persona ammalata, con i rapporti sessuali ( la scabbia viene inclusa nelle malattie sessualmente trasmissibili: a differenza però della sifilide o della gonorrea la cui trasmissione avviene frequentemente dopo breve contatto sessuale, la scabbia si trasmette quando i partners trascorrono la notte assieme) o condividendo lo stesso letto, tramite l’allattamento oppure medicando senza precauzioni individui affetti. Maggiore è il numero dei parassiti presenti su di un individuo, maggiore è la possibilità della trasmissione. Il lungo periodo di incubazione, in soggetti con una prima infezione, rende spesso difficile rintracciare la fonte di contagio. Il contagio indiretto tramite oggetti venuti in contatto con il malato (lenzuola, vestiti, asciugamani,coperte ecc.) o attraverso una frettolosa stretta di mano od un abbraccio è più raro. Aspetti clinici Il sintomo d’esordio caratterizzante la scabbia è il prurito: è un prurito generalizzato caratteristicamente notturno. L’incubazione dura in media 3-4 settimane nel caso di prima infezione mentre è più breve (1-3 giorni) nel caso di reinfestazione. Il perché intercorrano parecchi giorni prima che la malattia si manifesti è legato al fatto che il prurito che disturba il paziente è di origine allergica, ossia legato ad una risposta immunitaria del soggetto nei confronti dell’acaro; quindi, specialmente nella prima infezione, la presenza del parassita viene svelata dopo parecchi giorni dal contagio, premettendogli di moltiplicarsi indisturbato. Classicamente la lesione caratteristica della malattia è il cunicolo scabbioso: si tratta di una piccola zona rilevata, sinuosa, filiforme, lunga qualche millimetro localizzata in prevalenza in aree scarse di follicoli pilo-sebacei quali gli spazi interdigitali delle mani e la superficie flessoria dei polsi, dove la pelle è più sottile. Esso corrisponde al tragitto compiuto dalla femmina adulta nello strato corneo. Ad una estremità del cunicolo si può apprezzare un piccolo rilievo simile ad una capocchia di spillo denominato vescicola perlacea per il suo aspetto traslucido: qui si trova l’acaro mentre il resto del percorso è occupato dalle uova e dalle feci da lui deposte. Altre lesioni proprie della malattia sono le papule e i noduli infiammatori oltre a manifestazioni aspecifiche quali eczema ed escoriazioni Si osservano, nell’adulto, a livello della parte inferiore dei glutei nella piega dove si congiungono con la parte superiore delle cosce, della regione genitale maschile, della zona areolare mammaria femminile, della regione ombelicale, dei pilastri anteriori delle ascelle, dei fianchi, della superficie estensoria dei gomiti. Nel bambino è facile osservare la prevalenza di escoriazioni talora infette rispetto alle lesioni tipiche, mentre nel lattante è caratteristico l’interessamento palmo-plantare, del viso e del cuoio capelluto. La scabbia è l’esempio di una malattia nella quale sono solitamente presenti contemporaneamente vari tipi di lesioni (malattia polimorfa). Purtroppo però non sempre è così obiettivo il quadro clinico della malattia: l’igiene della persona oggi è consuetudine e trovare lesioni specifiche è sempre più raro. Occorre prestare molta attenzione alla descrizione del prurito (massimo di notte, tale da impedire talvolta il sonno), al tipo e localizzazione delle lesioni (es. lesioni crostose impetiginizzate pruriginose sulle natiche devono far sorgere il sospetto della scabbia), all’anamnesi (presenza in famiglia di altre persone con prurito o frequentazione di persone che lamentano prurito), occorre osservare con estrema accuratezza ogni singola lesione ma soprattutto conviene avvalersi di un esame di laboratorio che consiste nella ricerca diretta del parassita, delle sue uova e/o delle sue feci su frammenti di tessuto corneo prelevato con un bisturi in corrispondenza di una lesione sospetta. Altresì l’uso di corticosteroidi per via topica o sistemica determina un miglioramento dei sintomi e dei segni della scabbia, confondendo quindi le manifestazioni cliniche della malattia, lasciandone però intatta la capacità infestante. La terapia La terapia attualmente si basa sull’uso di sostanze da applicare sulla cute, con varie modalità a seconda del composto chimico. L’applicazione, dal collo in giù (tronco e arti superiori e inferiori), deve essere effettuata con particolare attenzione alle mani, ai piedi ed alle aree intertiginose. Il trattamento deve essere eseguito contemporaneamente da tutti i membri del nucleo familiare in stretto contatto con il paziente e il partner sessuale, anche in assenza di prurito, per evitare possibili reinfezioni. E’ importante che vengano seguite fedelmente le istruzioni al fine di evitare applicazioni per periodi superiori a quelli prescritti: infatti capita che il paziente, lamentando ancora un po’ di prurito al temine del ciclo terapeutico, scambi la lieve dermatite pruriginosa che segue la terapia come persistenza della malattia e tenda a prolungare le applicazioni di qualche giorno, peggiorando il quadro. La biancheria intima di cotone, le calze, le federe dei cuscini, le lenzuola, gli asciugamani del paziente vanno lavati a 60°C e stirati con il ferro a vapore; ciò che non può essere lavato a questa temperatura verrà messo in un sacco di plastica per 3 giorni contenente un insetticida. Valido anche il lavaggio "a secco". Per i materassi e le coperte si utilizzerà un antiparassitario in polvere (trattati per 48 ore).
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 23/06/2007 @ 13:26:18, in Lettera S, visto n. 1287 volte)
malattia parassitaria della pelle dovuta all’ acaro Sarcoptes scabiei; detta anche rogna. La scabbia assume aspetti clinici diversi in rapporto all’estensione del processo morboso o all’eventuale sovrapposizione di complicazioni dovute al grattamento. Il sintomo caratteristico è dato dal cunicolo scavato dall’acaro, che ha forma lineare o ad arco di cerchio, di uno o più millimetri di lunghezza, di colore bianco o roseo, simile alla cute vicina. Accanto al cunicolo si possono osservare, specie nelle forme che durano da tempo, alcune vescichette perlacee a contenuto limpido e prive di alone infiammatorio. Il contagio avviene attraverso la biancheria del letto oppure mediante il contatto diretto tra malato e sano. Le sedi elettive sono: spazi interdigitali, lato flessorio dei gomiti, pilastro anteriore dell’ascella, areola mammaria, dorso del pene, scroto, glande; nei bambini, regioni glutee e piedi; capo e collo sono risparmiati. L’eruzione scabbiosa è accompagnata da prurito, specie notturno, a volte intenso. Le possibili complicazioni sono provocate da grattamento: vesciche da batteri piogeni, pustole impetiginoidi, eczemi ecc. In mancanza di cure la malattia si cronicizza. Una forma clinica particolare è costituita dalla scabbia norvegese, caratterizzata da ipercheratosi, croste ed eritrodermia estesa, con possibile localizzazione al capo e al collo. La scabbia si cura con l’applicazione su tutta la superficie cutanea di farmaci antiacarici (permetrina, crotamitonum, benzoato di benzile), disinfestando biancheria, coperte, vestiti ecc. Dopo 24-48 ore di appropriata terapia il paziente non è, abitualmente, più contagioso, anche se nel 50% dei casi il prurito potrà persistere più a lungo e richiedere il trattamento con antistaminici per via sistemica
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 03/02/2014 @ 17:27:00, in Lettera S, visto n. 285 volte)
Nome con cui vengono indicate due ossa corte, di forma cuboide,che fanno parte una del carpo e l'altra del tarso.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 03/02/2014 @ 17:30:12, in Lettera S, visto n. 366 volte)
Nome di tre muscoli (anteriore, medio, posteriore) situati in profondità nella regione laterale del collo. Inseriti da un lato alle apofisi trasverse delle vertebre cervicali e dall'altro lato alle prime due costole, con la loro contrazione si provvede all'innalzamento di queste nella fase inspiratoria e alla flessione laterale del collo.Nel 30% circa delle persone è presente anche un quarto muscolo scaleno, lo scaleno minimo, che inizia dal tubercolo anteriore del processo trasverso della vertebra prominente (C7) e si inserisce anch'esso sulla prima costa, oltre che sulla cupola pleurica. I muscoli scaleni vengono innervati dai rami anteriori del nervi spinali cervicali da C3 a C8. Dal momento che hanno azione elevatoria sulle coste, fanno parte del gruppo dei muscoli inspiratori.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di salute (del 06/10/2007 @ 17:29:20, in Lettera S, visto n. 851 volte)
Lo scalogno è un parente stretto della cipolla, tanto da essere considerato il suo sostituto nelle ricette più raffinate. Infatti lo scalogno non è molto diffuso e viene proposto nella cucina più attenta ai gusti delicati. Infatti ha un sapore più deciso della cipolla, ma meno intenso dell’aglio e può essere una buona base per un soffritto da un sapore meno convenzionale. Dal punto di vista botanico, è una pianta arborea (Allium ascalonicum) leggermente più piccola della cipolla ma di aspetto simile, non solo nei bulbi ma anche nel fusto. Ne esistono due varietà, una più piccola e gustosa, precoce, e una più grande ma meno pregiata. Non si conosce una forma spontanea di questa pianta, quindi non sono ben chiare le sue origini e provenienza. Sembra tuttavia che fosse già coltivata dai romani, in quanto il nome sembra derivare da quello dell’antica città di Allium Ascolicum, al confine tra Egitto e Siria. In passato è stata molto coltivata in Francia, ma ora risulta più rara e difficile da reperire. Lo scalogno ha un bulbo più affusolato della cipolla e un colore oro più intenso. INFO AL. - Carboidrati: 5,7; proteine: 1; grassi: 0,1; acqua: 92,1; calorie: 28. Parte edibile: 72; calorie al lordo: 20.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 634 635 636 637 638 639 640 641 642 643 644 645 646 647 648 649 650 651 652 653 654 655 656 657 658 659 660 661 662 663 664 665 666 667 668 669 670 671 672 673 674 675 676 677 678 679 680 681 682 683 684 685 686 687 688 689 690 691 692 693 694 695 696 697 698 699 700 701 702 703 704 705 706 707 708 709 710 711 712 713 714 715 716 717 718 719 720 721 722 723 724 725 726 727 728 729 730 731 732 733 734 735 736 737 738 739 740 741 742 743 744 745 746 747 748 749 750 751 752 753 754 755 756 757 758 759 760 761 762 763 764 765 766 767 768 769 770 771 772 773 774 775 776 777 778 779 780 781 782 783 784 785 786 787 788 789 790 791 792 793 794 795 796 797 798 799 800 801 802 803 804 805 806 807 808 809 810 811 812 813 814 815 816 817 818 819 820 821 822 823 824 825 826 827 828 829 830 831 832 833 834 835 836 837 838 839 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (179)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (398)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (345)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (245)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (41)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate