Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito tutti i lemmi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di dermatologia (del 10/09/2010 @ 10:26:51, in Lettera D, visto n. 860 volte)
La dermatite atopica può interessare tutte le fascie di età ma è molto più frequente in dermatologia pediatrica. Essa di presenta solitamente con prurito e rossore del viso e delle pieghe cutanee. La dermatite atopica tende a migliorare durante la stagione balneare. In una buona parte dei casi, essa regredisce prima dei quattro anni di età. Le terapie topiche e sistemiche, possono variare da paziente a paziente, al momento della visita dermatologica.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di dr.rogato (del 03/10/2007 @ 22:13:29, in Lettera D, visto n. 4483 volte)
Sotto l’epidermide si trova il derma, un tessuto connettivo fibroso denso. La porzione più superficiale viene definita derma papillare, mentre quella più profonda derma reticolare. Nel derma papillare le fibre sono fini, a maglie strette, mentre in quello reticolare le fibre sono più grossolane e a maglie larghe. Il derma contiene una grande quantità di matrice extracellulare, rappresentata sia da fibre che da una componente amorfa (sostanza fondamentale). Le fibre più rappresentate sono quelle collagene, polimeri di una proteina, il protocollagene che una volta secrete dalle cellule si organizzano in fibrille visibili al microscopio elettronico; diverse fibrille si associano a creare una fibra visibile al microscopio ottico. Queste fibre sono inestensibili e molto resistenti alla tensione. La possibilità di deformarsi del derma dipende dalla capacità di queste fibre di raddrizzarsi e di cambiare angolazione tra loro. Quando queste fibre arrivano al grado massimo di distensione, diventando dritte e allineate con la forza esercitata il derma non può estendersi ulteriormente. Le seconde fibre più abbondanti sono quelle elastiche. Anch’esse costituite da una impalcatura di microfibrille tubulari di fibrillino sono inestensibili. La matrice amorfa è costituita da un’altra proteina detta elastina, responsabile del comportamento elastico. Le fibre elastiche non sono perfettamente rilasciate, ma rimangono in una certa tensione di base, diversa nelle diverse direzioni dello spazio e nei diversi distretti corporei. Esiste infatti un asse lungo cui la tensione è maggiore ed è perpendicolare alla precedente in cui la tensione è minore. La sostanza fondamentale amorfa è costituita per la maggior parte da acqua in cui sono sospese grosse molecole di glicoproteine e proteoglicani, ed è responsabile del turgore della cute. Il derma contiene anche numerose cellule. In particolare fibroblasti e macrofagi. I fibroblasti sintetizzano la matrice extracellulare e sono anche responsabili del rinnovamento della matrice extracellulare. Alcuni fibroblasti hanno una capacità contrattile (miofibroblasti) e agiscono nei processi di cicatrizzazione ed in alcune condizioni patologiche. I macrofagi, invece, hanno lo scopo di assorbire il materiale estraneo e le cellule danneggiate.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 18/02/2011 @ 12:54:17, in Lettera D, visto n. 1298 volte)
Interventi chirurgico in cui viene deviato il flusso di un liquido organico (come il sangue o il liquido cerebrospinale). Lo scopo di questo tipo di intervento è quello di superare un ostacolo e far defluire il liquido o all'esterno del corpo o in un altro viscere, in modo di ridurre la pressione in un determinato distretto.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 18/02/2011 @ 12:34:02, in Lettera D, visto n. 1322 volte)
Vedi Adiposi dolorosa.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardosimoni (del 13/03/2014 @ 23:40:07, in Lettera D, visto n. 695 volte)
Oggi possiamo affermare che la depressione è legata alla diminuzione dei fattori neurotrofici neuronali: 1) per cause primitivamente genetiche predeterminate 2) per azione dello stress dovuto al fattore ambientale che causa una neuro tossicità mediata dalle catecolamine che inibiscono a livello del DNA la produzione dei fattori neurotrofici stessi). Lo stress agisce come cause acquisita, non predeterminata, non solo nei soggetti che hanno una predisposizione ma anche nei non predisposti. Traumi di livello tale da poter indurre un PTSD si verificano nel 55% della popolazione generale e più frequentemente si verificano in individui di sesso maschile mentre il PTSD si riscontra più frequentemente nel sesso femminile con un rapporto di 2:1 a dimostrazione di una maggiore suscettibilità delle donne a sviluppare il disturbo. Lo stupro rappresenta l’evento che più facilmente induce il PTSD, mentre l’evento che più frequentemente viene riscontrato in pazienti affetti è la morte improvvisa e traumatica di un parente o un conoscente. Il quadro clinico che ne deriva si caratterizza per: - ripetuta esperienza di rivivere l’evento (sintomi intrusivi): l’evento traumatico è rivissuto durante la veglia attraverso ricordi ricorrenti ed invasivi e flashback (esperienza di rivivere l’evento riprovando le stesse sensazioni terrificanti),o durante il sonno tramite incubi notturni riferiti all’evento traumatizzante. - evitamento degli stimoli associati al trauma (pensieri e situazioni che ricordano il trauma) con intenso malessere per l’esposizione ad eventi che ricordano il trauma (scene simili, anniversari dell’evento scatenante, ecc.); anche l’amnesia psicogena (difficoltà a ricordare importanti aspetti del trauma) che spesso si verifica nei pazienti affetti rientra nel fenomeno dell’evitamento - distacco emotivo dall’ambiente o numbing con anedonia, apatia, abulia, depersonalizzazione affettiva - sintomi di ipervigilanza (difficoltà ad addormentarsi, irritabilità, iperallerta, esagerata risposta agli stimoli, disturbi di concentrazione/memoria) I pazienti affetti dal PTSD presentano episodi in cui si verifica un’intromissione nella vita attuale dell’evento: durante la veglia, può trattarsi di vividi ricordi o immagini che irrompono nella mente con carattere scenico, vissuti con intensa partecipazione affettiva, fino a veri e propri fenomeni di flashback ovvero episodi dissociativi in cui il paziente si sente ed agisce come se l’evento si stesse verificando di nuovo; durante il sonno possono, invece, aversi incubi così intensi da far svegliare la persona di “soprassalto” in preda al terrore da cui deriva una forte angoscia prima di andare a dormire. .Anche l’amnesia psicogena rientra nei fenomeni di evitamento anche se ad un livello inconscio. Il termine “numbing” significa paralisi emozionale-affettiva e si caratterizza per un senso di intorpidimento ed insensibilità al mondo circostante. Il paziente non presenta più le normali reazioni emozionali cosicché sono annullate paura ed orrore, ma anche gioia e felicità. E’ inoltre presente un senso di distacco ed estraneamento dagli altri che comporta una progressiva compromissione delle relazioni interpersonali con il paziente che risulta freddo e distaccato nei confronti dei suoi cari. Lo stato di “ipervigilanza” consegue alla perdita della normale capacità di modulazione del grado di arousal cosicché il paziente risponde a stimoli lievi con reazioni abnormi. Si sentono continuamente sul “fili del rasoio”, tesi, come se stesse per succedere qualcosa di terribile, vivono come se fossero ancora minacciati dallo stress. Inquadrabili in questo contesto risultano anche l’irritabilità, gli scoppi d’ira e l’esplosività, l’insonnia, la difficoltà di concentrazione e della memoria di fissazione.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardosimoni (del 13/03/2014 @ 23:40:07, in Lettera D, visto n. 1091 volte)
Oggi possiamo affermare che la depressione è legata alla diminuzione dei fattori neurotrofici neuronali: 1) per cause primitivamente genetiche predeterminate 2) per azione dello stress dovuto al fattore ambientale che causa una neuro tossicità mediata dalle catecolamine che inibiscono a livello del DNA la produzione dei fattori neurotrofici stessi). Lo stress agisce come cause acquisita, non predeterminata, non solo nei soggetti che hanno una predisposizione ma anche nei non predisposti. Traumi di livello tale da poter indurre un PTSD si verificano nel 55% della popolazione generale e più frequentemente si verificano in individui di sesso maschile mentre il PTSD si riscontra più frequentemente nel sesso femminile con un rapporto di 2:1 a dimostrazione di una maggiore suscettibilità delle donne a sviluppare il disturbo. Lo stupro rappresenta l’evento che più facilmente induce il PTSD, mentre l’evento che più frequentemente viene riscontrato in pazienti affetti è la morte improvvisa e traumatica di un parente o un conoscente. Il quadro clinico che ne deriva si caratterizza per: - ripetuta esperienza di rivivere l’evento (sintomi intrusivi): l’evento traumatico è rivissuto durante la veglia attraverso ricordi ricorrenti ed invasivi e flashback (esperienza di rivivere l’evento riprovando le stesse sensazioni terrificanti),o durante il sonno tramite incubi notturni riferiti all’evento traumatizzante. - evitamento degli stimoli associati al trauma (pensieri e situazioni che ricordano il trauma) con intenso malessere per l’esposizione ad eventi che ricordano il trauma (scene simili, anniversari dell’evento scatenante, ecc.); anche l’amnesia psicogena (difficoltà a ricordare importanti aspetti del trauma) che spesso si verifica nei pazienti affetti rientra nel fenomeno dell’evitamento - distacco emotivo dall’ambiente o numbing con anedonia, apatia, abulia, depersonalizzazione affettiva - sintomi di ipervigilanza (difficoltà ad addormentarsi, irritabilità, iperallerta, esagerata risposta agli stimoli, disturbi di concentrazione/memoria) I pazienti affetti dal PTSD presentano episodi in cui si verifica un’intromissione nella vita attuale dell’evento: durante la veglia, può trattarsi di vividi ricordi o immagini che irrompono nella mente con carattere scenico, vissuti con intensa partecipazione affettiva, fino a veri e propri fenomeni di flashback ovvero episodi dissociativi in cui il paziente si sente ed agisce come se l’evento si stesse verificando di nuovo; durante il sonno possono, invece, aversi incubi così intensi da far svegliare la persona di “soprassalto” in preda al terrore da cui deriva una forte angoscia prima di andare a dormire. .Anche l’amnesia psicogena rientra nei fenomeni di evitamento anche se ad un livello inconscio. Il termine “numbing” significa paralisi emozionale-affettiva e si caratterizza per un senso di intorpidimento ed insensibilità al mondo circostante. Il paziente non presenta più le normali reazioni emozionali cosicché sono annullate paura ed orrore, ma anche gioia e felicità. E’ inoltre presente un senso di distacco ed estraneamento dagli altri che comporta una progressiva compromissione delle relazioni interpersonali con il paziente che risulta freddo e distaccato nei confronti dei suoi cari. Lo stato di “ipervigilanza” consegue alla perdita della normale capacità di modulazione del grado di arousal cosicché il paziente risponde a stimoli lievi con reazioni abnormi. Si sentono continuamente sul “fili del rasoio”, tesi, come se stesse per succedere qualcosa di terribile, vivono come se fossero ancora minacciati dallo stress. Inquadrabili in questo contesto risultano anche l’irritabilità, gli scoppi d’ira e l’esplosività, l’insonnia, la difficoltà di concentrazione e della memoria di fissazione.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 18/02/2011 @ 12:06:18, in Lettera D, visto n. 1074 volte)
Stato psicopatologico contrassegnato da abbassamento del tono dell'umore, abbattimento, prostrazione fisica e psichica. Un certo grado di malinconia deve essere considerato un normale turbamento dell'umore, ma scade nella depressione quando non è più possibile ripristinare un adeguato equilibrio affettivo. Esistono forme diverse di depressione, in parte differenziabili sulla base delle diverse possibili cause o concause (lesioni organiche, malattie generali concomitanti, substrati biologici come deficit di neuromediatori, fattori genetici e psicodinamici). Accanto alla tristezza, alla disistima, al disinteresse e alla scarsa capacità di iniziativa, sono spesso presenti nel depresso sentimenti di insicurezza, senso di indegnità, irrequietezza, ansia; quasi costanti l'insonnia (risvegli precoci), la diminuzione del desiderio sessuale, l'affaticabilità; frequenti i disturbi neurovegetativi (mal di testa, vertigini, turbe funzionali cardiovascolari). Spesso, specie nelle forme maggiori, si accompagna a fantasie autolesive che possono sfociare in tentativi di suicidio. Una classificazione delle depressioni permette di distinguere forme maggiori (depressione endogena) e forme minori (depressioni nevrotiche e reattive). Le prime rientrano nell'ambito delle psicosi e sono caratterizzate da un andamento ad accessi, con episodi depressivi di durata variabile, che possono intercorrere più volte nella vita del paziente: l'angoscia di questi depressi è disperata, incomprensibile e non riconducibile a un evento esistenziale penoso (anche se talvolta esiste un fattore scatenante), sono presenti un senso di dolore e di vuoto interiore ineluttabile, coesistono convinzioni deliranti e autoaccusatorie, rimorso e bisogno di espiazione. Il rischio del suicidio in questi casi è molto elevato. Viceversa, le forme minori sono sempre riconducibili a conflittualità interiori del paziente, ovvero a difficoltà di adattamento a vicissitudini esistenziali: il malessere non raggiunge mai il livello psicotico di vera e propria alienazione, tutto appare ancorato a eventi della vita che rendono i sintomi della depressione relativamente comprensibili; prevalgono scontento, irritabilità, lamentosità, pessimismo. Alcune condizioni si sono rivelate capaci di scatenare depressione con una certa frequenza: il climaterio (probabilmente per una sorta di declino del proprio ruolo socio-familiare o delle proprie capacità di performance), l'età avanzata (almeno in parte per effetto dell'isolamento e della perdita di una finalità esistenziale identificata in un ruolo), la gravidanza o il periodo del puerperio e dell'allattamento (per una duplice componente biologica e psicologica). In tutte le forme gli analisti riconoscono un ruolo determinante alla «perdita», riferita a un vasto numero di oggetti di investimento affettivo (la perdita può dunque essere una separazione, una rottura di legami, una proibizione, ecc.): la psicanalisi sottolinea l'importanza di lutti inconsci infantili o precoci, la cui mancata elaborazione può costituire la premessa della d. adulta clinicamente manifesta. Il trattamento della depressione si basa sulla psicoterapia, sulla psicanalisi e su terapie farmacologiche (che mirano a incrementare la quantità di neurotrasmettitori utilizzabili dai recettori cerebrali, secondo l'ipotesi che un deficit di queste sostanze sia alla base della depressione). Per sapere tutte le ultime scoperte riguardo le cause e la cura della depressione visita la sezione: http://italiasalute.leonardo.it/Centro_Malattie.asp?Sezione=Depressione
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 634 635 636 637 638 639 640 641 642 643 644 645 646 647 648 649 650 651 652 653 654 655 656 657 658 659 660 661 662 663 664 665 666 667 668 669 670 671 672 673 674 675 676 677 678 679 680 681 682 683 684 685 686 687 688 689 690 691 692 693 694 695 696 697 698 699 700 701 702 703 704 705 706 707 708 709 710 711 712 713 714 715 716 717 718 719 720 721 722 723 724 725 726 727 728 729 730 731 732 733 734 735 736 737 738 739 740 741 742 743 744 745 746 747 748 749 750 751 752 753 754 755 756 757 758 759 760 761 762 763 764 765 766 767 768 769 770 771 772 773 774 775 776 777 778 779 780 781 782 783 784 785 786 787 788 789 790 791 792 793 794 795 796 797 798 799 800 801 802 803 804 805 806 807 808 809 810 811 812 813 814 815 816 817 818 819 820 821 822 823 824 825 826 827 828 829 830 831 832 833 834 835 836 837 838 839 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859 860
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (346)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate