Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito tutti i lemmi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di riccardo (del 31/03/2014 @ 17:39:27, in Lettera E, visto n. 1092 volte)
Tumore maligno che ha origine dagli epiteli di rivestimento della cute delle mucose e degli organi parenchimatosi. Le due tipologie principali sono l'epitelioma basocellulare e l'epitelioma spinocellulare. La terapia è di carattere chirurgico o radiante. La chirurgia classica escissionale può essere sostituita dalla chirurgia micrografica. Lesioni molto piccole possono invece essere eliminate mediante diatermocoagulazione laserterapia o azoto liquido. L'epitelioma basocellulare o basalioma colpisce adulti o anziani, con una maggiore incidenza nei maschi di età compresa fra i 60 e i 70 anni. La sede maggiormente interessata è quella del viso anche se può essere investita qualsiasi area cutanea con prevalenza per le zone fotoesposte. Le mucose non vengono colpite. Il basalioma può manifestarsi sotto molteplici forme cliniche, l'aspetto più comune è quello di piccoli noduli duri traslucidi con una tendenza alla ulcerazione centrale. Tale ulcera presenta cronicità e tendenza a estendersi. Durante l'incremento di tale formazione può insorgere al di sopra dell'erosione una crosta. Le lesioni non sono sintomatiche e il sanguinamento è l unico sintomo manifesto. In altre forme cliniche si presenta una notevole tendenza alla progressione in profondità dell'ulcerazione e conseguente distruzione di tessuti e complicazioni emorragiche oppure al contrario la lesione è molto superficiale come una chiazza eritemato-squamo-crostosa. Il basalioma può anche essere caratterizzato da una spiccata pigmentazione per cui diviene necessaria la diagnosi differenziale rispetto al melanoma. Il basalioma evolve molto lentamente e nonostante si tratti di un tumore maligno, la comparsa di metastasi è eccezionale. La diagnosi è istologica. L'epitelioma spinocellulare, detto anche spinalioma, può investire sia la cute sia le mucose con netta preferenza per le aree fotoesposte soprattutto quelle del capo. La sua incidenza aumenta con l'eta specialmente dopo i 60 anni ed è due volte superiore negli uomini rispetto alle donne. Le condizioni potenzialmente predisponenti allo sviluppo di uno spinalioma sono soprattutto: prolungata esposizione alla luce solare, contatto con catrame, arsenicismo cronico, tabagismo, pregressa radioterapia, infezione da HIV. L'epitelioma può avere origine su cute sana o alterata da precedenti lesioni precancerosi, come ad esempio nella cheratosi attinica, e prendere un aspetto nodulare con consistenza dura e precoci ulcerazioni papillomatoso vegetante o superficiale. possiede inoltre una tendenza alla distruzione dei tessuti vicini e a diffondersi ai linfonodi metastatizzandoli. Segni evolutivi della patologia sono la comparsa di infiltrazione profonda, l' ulcerazione e l' accentuazione dei fenomeni infiammatori. La diagnosi è di carattere istologico.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 19/12/2013 @ 13:31:19, in Lettera E, visto n. 1599 volte)
Tipo di epitelio formato da cellule appiattite e disposte in uno o più strati (epitelio pavimentoso semplice o stratificato. L'Epitelio pavimentoso semplice o monostratificato presenta un solo strato di cellule appiattite a contatto con la membrana basale. Dall'alto, le cellule sono strettamente giustapposte, con forme geometriche poligonali irregolari. In sezione trasversale appaiono sottili, con un lieve rigonfiamento al centro generato dal nucleo. Regola la filtrazione e la diffusione del rene e negli alveoli polmonari, dove forma delle barriere facilmente attraversabili per gli scambi con i fluidi interstiziali e tra il sangue e l'aria atmosferica. Nell'uomo si trova sulla superficie degli alveoli polmonari dove regola lo scambio di gas tra il sangue e l'aria, nell'apparato urinario in alcune parti della capsula di Bowman, riveste la superficie interna della membrana del timpano nell'orecchio, etc. L'endotelio che riveste i vasi sanguigni e il mesotelio che riveste le cavità sierose (pleura e pericardio e peritoneo) sono anche epiteli pavimentosi semplici. L'Epitelio pavimentoso composto o pluristratificato riveste le parti umide del corpo. Presenta due o più strati di cellule, di cui solo il più profondo è a contatto con la membrana basale, le cellule degli strati più profondi spesso non sono di forma appiattita, ma per convenzione l'epitelio viene classificato in base allo strato superficiale. Lo strato più profondo o basale presenta cellule con spiccate caratteristiche staminali, metabolicamente molto attive e proliferanti, si possono trovare anche numerose invaginazioni chiamate creste epiteliali che formano le papille connettivali all'interno delle quali si inseriscono i capillari che nutrono l'epitelio, altrimenti privo di vascolarizzazione. Nello strato intermedio o spinoso le cellule iniziano a differenziarsi, le cellule sono unite da desmosomi che al microscopio ottico appaiono come dei sottili ponti tra le cellule e prendono il nome di spine. Gli strati superficiali differenziano l'epitelio pavimentoso in cheratinizzato e non cheratinizzato. Nell'epitelio pavimentoso non cheratinizzato, detto più propriamente non corneificato, le cellule dello strato superficiale sono appiattite e la loro protezione e idratazione è dovuta alle secrezioni mucose riversate dalle ghiandole sulla superficie epiteliale. Si trova nella mucosa di bocca, faringe, esofago e retto, nell'uretra, sulla superficie anteriore della cornea e nella vagina. Le cellule degli epiteli pavimentosi non cheratinizzati possono contenere tracce di cheratina a prova della loro capacità di esprimere i geni per tale proteina, infatti a seguito di traumi o patologie si può assistere ad una cheratinizzazione. L'epitelio cheratinizzato per eccellenza è l'epidermide (cioè la cute), le cellule dello strato spinoso sintetizzano numerosi cheratinosomi e tonofibrille. Avvicinandosi agli strati superficiali (strato granuloso e strato lucido) si creano accumuli di cheratina e la cellula inizia un processo di apoptosi trasformandosi in lamelle appiattite di cheratina. Gli spazi intercellulari vengono riempiti da lipidi secreti dalle stesse cellule che impermeabilizzano la struttura. Questo strato superficiale impermeabile è detto strato corneo e può variare di spessore a seconda delle sollecitazione meccaniche a cui è esposto il distretto anatomico.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 31/03/2014 @ 17:28:42, in Lettera E, visto n. 603 volte)
Tessuto di rivestimento della superficie esterna del corpo e delle cavità interne degli organismi animali e vegetali pluricellulari. Negli epiteli le cellule sono di forma geometrica ben definita e si trovano a stretto contatto fra loro, separate da spazi intercellulari di 10-30 mm, dal momento che risulta scarsa o assente la sostanza intercellulare. Le cellule sono inoltre strettamente legate tra loro attraverso numerose giunzioni cellulari, che rendono il tessuto compatto e resistente a traumi o strappi. Un'altra caratteristica delle cellule epiteliali è li loro essere polarizzate, ossia provviste di due superfici distinte: una rivolta verso la membrana basale sottostante, chiamata superficie basale, e l'altra rivolta invece verso il lato superiore dell'epitelio, detta superficie apico-laterale; quest'ultima è dotata spesso di specializzazioni funzionali distintive, come ad esempio la presenza di invaginazioni e protuberanze come microvilli o ciglia. Un'altra specializzazione funzionale, fondamentalmente delle cellule dello strato più esterno della cute, è la cheratinizzazione; le cellule cheratinizzate contengono cheratina, una molecola organica che, attraverso la creazione di ponti disolfuro le rende più resistenti ai traumi ed impermeabili ai liquidi come le unghie. Gli epiteli, in genere, non sono attraversati da capillari sanguigni e le sostanze utili per il loro mantenimento sono trasportate mediante liquidi interstiziali, dove gli elementi nutritivi passano per diffusione dai capillari sanguigni dei tessuti connettivi sottostanti. In istologia, i tessuti epiteliali possono essere classificati a seconda del ruolo che svolgono all'interno del corpo: si possono distinguere l'epitelio di rivestimento, l'epitelio sensoriale e l'epitelio ghiandolare o secretorio.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 31/03/2014 @ 17:22:20, in Lettera E, visto n. 2806 volte)
Zona dell'encefalo collocata al disopra del talamo e sede dell'epifisi. Appartiene al diencefalo.E' formato da: stria midollare, trigono dell'abenula, epifisi, commessura posteriore. La sua funzione è strettamente olfattiva ed ha un ruolo anche nella produzione di liquido cerebrospinale, assunzione di acqua e cibo e nel controllo dei comportamenti ritmici e stagionali. La stria midollare è costituita da fibre nervose della via olfattiva provenienti dai nuclei del setto; il trigono dell'abenula è è un triangolo posto tra il talamo e la lamina quadrigemina, ed accoglie il nucleo dell'abenula. Da qui nasce il fascio abenulo interpeduncolare che si estende al nucleo interpeduncolare, e dà fibre per la formazione reticolare del mesencefalo. Dal nucleo dell'abenula hanno origine, inoltre, fibre abenulo tegmentali per la formazione reticolare del mesencefalo dal quale partono fibre per il fascio longitudinale dorsale (dello Schütz); l'Epifisi (o ghiandola pineale)è situata sotto lo splenio del corpo calloso con la base rivolta verso il terzo ventricolo ed ha la commessura abenulare. Formato dalle cellule della nevroglia, dopo il ventesimo anno di vita si generano concrezioni calcaree che costituiscono la sabbia cerebrale. Produce melatonina che viene poi rilasciata nel sangue (produzione regolata dalla durata del periodo di luce del giorno) e perciò svolge un ruolo nel controllo del ciclo sonno/veglia; la Commessura posteriore è un cordone bianco collocato sotto l'epifisi, da cui nascono fibre che arrivano nel fascio longitudinale mediale.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 31/03/2014 @ 17:00:40, in Lettera E, visto n. 757 volte)
La seconda vertebra cervicale denominata anche asse e caratterizzata da una particolare apofisi dente dell'epistrofeo, articolata con la prima vertebra atlante rendendo così possibili i movimenti di rotazione del capo. La caratteristica fondamentale, grazie alla quale viene distinta dalle altre vertebre cervicali, è la presenza di un rilievo osseo dalla forma cilindrica, connessa alla faccia superiore del corpo atraverso una larga base, da cui si forma, superiormente un collo stretto, un corpo piuttosto voluminoso, terminante con un apice smusso. Il dente o processo odontoideo dell'epistrofeo corrisponde, a livello filogenetico, al corpo dell'atlante, che ne è privo, fuso con quello dell'epistrofeo. Il processo odontoideo costituisce infatti l'asse attorno al quale l'atlante è in grado di girare, nei movimenti di rotazione della testa. Pertanto sono presenti due faccette articolari convesse rivestite di cartilagine ialina sul dente: una anteriore, articolata con la fossetta per il dente dell'epistrofeo presente nell'arco anteriore dell'atlante, e una posteriore, che si articola con il legamento trasverso dell'atlante, e sorregge il dente nella posizione eretta. L'articolazione dell'epistrofeo con l'atlante costituisce un ginglimo laterale, responsabile dei movimenti di rotazione del cranio rispetto all'asse del corpo. Altra peculiarità consiste nella mancanza di una incisura vertebrale superiore sulla faccia superiore, la quale nelle altre vertebre è sovrapposta all'incisura vertebrale inferiore della vertebra soprastante, così da formare il foro intervertebrale (o foro di coniugazione). Tuttavia, dietro alla faccetta articolare superiore, è localizzato un solco che consente il passaggio del secondo nervo spinale. Le fratture a carico del dente dell'epistrofeo sono di tre tipi: I frattura dell'apice del dente; II frattura della base del dente; III frattura del corpo di C2.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di dr.AlisaManca (del 28/09/2007 @ 16:52:19, in Lettera E, visto n. 6803 volte)
È un’emorragia nasale. La zona che è maggiormente sede di epistassi è il LOCUS VALSAVAE,una zona situata davanti al setto nasale ed è frequente sede di epistassi perché è proprio qui che è più evidente l’anastomosi tra i rami della carotide interna e i rami della carotide esterna; in particolare a questo livello si ha l’anastomosi tra i rami dell’arteria facciale e mascellare(che derivano dalla carotide esterna) e le arterie etmoidale anteriore,posteriore e sfeno-palatina(che derivano dalla carotide interna);spesso sono proprio queste a dare origine a della varici che poi sanguinano,dando epistassi. Altre cause di epistassi possono essere: -ulcera cronica del setto(che può essere provocata dal ripetuto toccarsi il naso,malattie autoimmuni,persone che sniffano); -polipo sanguinante del setto; -fibroma del rinofaringe; -malattia di Rendu Osler Weber(detta anche teleangectasia emorragica ereditaria). Inoltre le cause di epistassi possono suddividersi in: -cause locali(traumatiche;iatrogene:derivanti da interventi di chirurgia maxillo facciale o interventi di otorinolaringoiatria;tumorali;infiammatorie:riniti o sinusiti). –cause generali(vasculiti:Rendu Osler Weber, Von Willembrand,granulomatosi di Wagner; alterazioni della coagulazione: per assunzione di farmaci,porpora trombocitopenica) Il paziente con epistassi bisogna metterlo seduto,per diminuire la pressione delle zone alte; non si mette il paziente a testa indietro perché c’è rischio di inalare il sangue e questo è pericoloso per vari motivi: non riusciamo a sapere l’esatta quantità di sangue perso; si possono formare coaguli che rendono difficile la respirazione; il sangue può provocare il vomito,perché è un potente emetizzante. Quindi,mettiamo il paziente seduto per far diminuire la pressione sanguigna; possiamo utilizzare un tamponino che,una volta infilato nel naso,stringiamo le narici. Davanti ad episodi di epistassi più gravi esistono altri tipi di trattamenti:1) tamponamento anteriore:si esegue per epistassi anteriori come,per esempio,quelle che derivano dal locus valsavae; utilizziamo tamponcini tipo il merocel,tabotamp,clauden; 2) tamponamento posteriore se l’epistassi deriva posteriormente come,per esempio,da un fibroma o tumore del rinofaringe,sanguinamento della sfenopalatina; 3) tamponamento antero-posteriore:viene effettuata attraverso una cannula dotata di due palloncini; questa cannula viene infilata sgonfia e una volta entrati viene gonfiata d’acqua;in questo modo si riempiono i due palloncini di cui uno situato a livello del rinofaringe e uno a livello della cavità nasale; in questo modo i palloncini gonfiati premono contro le pareti,bloccando l’emorragia; 4)cauterizzazione o causticazione: viene eseguita con una pinza bipolare sotto controllo endoscopico; 5) embolizzazione selettiva: si esegue prima un’arteriografia con mezzo di contrasto,in modo da individuare la sede dell’epistassi. Si iniettano delle sostanze che che andranno ad embolizzare l’arteria responsabile.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardo (del 31/03/2014 @ 16:55:23, in Lettera E, visto n. 545 volte)
Malformazione congenita che interessa l'uretra maschile caratterizzata dallo sblocco anomalo dell uretra meato uretrale esterno sul dorso del pene anziché sulla cima del glande. In base alla sede e quindi anche alla sua gravità, lo sbocco può trovarsi sul corpo del glande epispadia balanica oppure sul pene epispadia peniena o penieno-pubica se arretrata verso il pube. E' molto più rara rispetto all'ipospadia e in genere ha origine da un' alterazione piu elaborata dello sviluppo della parte ventrale dell'embrione. Può essere associata ad altre malformazioni come ad esempio l'ernia e causare disturbi della minzione, incontinenza urinaria, disturbi sessuali, incapacità al coito e infertilità. La terapia è chirurgica.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 634 635 636 637 638 639 640 641 642 643 644 645 646 647 648 649 650 651 652 653 654 655 656 657 658 659 660 661 662 663 664 665 666 667 668 669 670 671 672 673 674 675 676 677 678 679 680 681 682 683 684 685 686 687 688 689 690 691 692 693 694 695 696 697 698 699 700 701 702 703 704 705 706 707 708 709 710 711 712 713 714 715 716 717 718 719 720 721 722 723 724 725 726 727 728 729 730 731 732 733 734 735 736 737 738 739 740 741 742 743 744 745 746 747 748 749 750 751 752 753 754 755 756 757 758 759 760 761 762 763 764 765 766 767 768 769 770 771 772 773 774 775 776 777 778 779 780 781 782 783 784 785 786 787 788 789 790 791 792 793 794 795 796 797 798 799 800 801 802 803 804 805 806 807 808 809 810 811 812 813 814 815 816 817 818 819 820 821 822 823 824 825 826 827 828 829 830 831 832 833 834 835 836 837 838 839 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859 860
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (346)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate