Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito tutti i lemmi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Viola Sinismagli (del 22/03/2011 @ 17:53:17, in Lettera F, visto n. 1095 volte)
Deformità congenita caratterizzata dalla mancanza, totale o parziale, del segmento di un arto più prossimo al tronco. Lo sviluppo di mani e piedi risulta pressoché normale. Può essere ereditaria o causata da sostanze tossiche assunte dalla madre durante i primi mesi di gravidanza, da traumi o infezioni subiti dal feto.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di riccardosimoni (del 16/11/2013 @ 15:49:06, in Lettera F, visto n. 665 volte)
Psichiatra Firenze La Fobia Sociale costituisce un Disturbo molto frequente e da sempre conosciuto con il termine di timidezza e associato a un particolare carattere psicologico dell’individuo. In alcune persone l’entità delle manifestazioni di ansia e paura possono risultare sproporzionate rispetto all’importanza della situazione che deve essere affrontata, determinando un disagio marcato e delle limitazioni funzionali; si parla in tal caso di ansia sociale patologica o fobia sociale (FS). Nella realtà clinica i disturbi legati alla presenza di livelli elevati di ansia sociale sono disposti lungo un continuum che va dalle semplice timidezza a quadri clinici complessi e invalidanti. La ricerca psichiatrica e neurobiologica attuale lega inestricabilmente tale disturbo a un più complesso quadro sindromico e la include oggi all’interno dei Disturbi Affettivi: Ansia e Depressione. Altri termini come timidezza, sensitività interpersonale, inibizione comportamentale son utilizzati spesso per indicare esperienze nelle quali sono presenti livelli elevati di ansia sociale. La timidezza è in genere una caratteristica temperamentale stabile, presente fin dall’infanzia, mostra numerosi aspetti in comune con l’ansia e la Fobia Sociale. I contesti in cui si presenta sono gli stessi, come pure le manifestazioni cognitive e neurovegetative. Secondo alcuni le condotte di evitamento sono meno gravi e costanti, mentre secondo altri la distinzione sarebbe solamente quantitativa. La sensitività interpersonale designa la tendenza alla sopravvalutazione del giudizio degli altri, con un esagerato timore di essere respinti, rifiutati o criticati ( i “sensitivi” di Kretschemer che sviluppano il “delirio di rapporto sensitivo”). L’inibizione comportamentale si riferisce alle difficoltà, all’impaccio, talora alla paralisi, che si verificano nel porre in atto i comportamenti richiesti in contesti sociali. La Fobia Sociale è caratterizzata dalla paura e dall’evitamento di situazioni nelle quali l’individuo è esposto al giudizio degli altri, per il timore di mostrarsi imbarazzato, di apparire ridicolo e incapace o di comportarsi in modo goffo, inopportuno e umiliante. Il disturbo è relativamente comune, se così definito, ha un decorso cronico, talora invalidante, e si associa frequentemente a complicanze, quali depressione, abuso di alcool e condotte suicidiarie Le categorie diagnostiche utilizzate per le manifestazioni patologiche legate all’ansia sociale sono oggi ampiamente dibattute. La diagnosi di Fobia Sociale riunisce sotto una stessa etichetta: 1) -La fobia di situazioni specifiche come la paura di parlare di fronte a un uditorio (Public Speaking) o mangiare o scrivere in pubblico 2) -L’ansia sociale di tipo generalizzato ( presente in tutti i contesti che richiedono una interazione con gli altri). L’Ansia Sociale di Tipo Generalizzato appare in continuum con la timidezza e l’inibizione comportamentale. Queste sono meglio definite come tratti temperamentali, caratteriali o di PERSONALITA’ e si definisce: Disturbo Evitante di Personalità (D.E.P) descritto da Millom (1969) è caratterizzato dalla riduzione dell’assertività e dalla resistenza a entrare in contesti che comportino un coinvolgimento interpersonale, indipendentemente dall’evitamento di situazioni specifiche. Questo profilo psico-comportamentale sembra abbastanza indipendente dall’ansia di performance, spesso limitata a compiti particolari eseguiti mentre si è osservati. Al contrario gli individui con DEP sembrano incontrare difficoltà in molte circostanze interpersonali e sociali, tendono a condurre una vita ritirata, talora di isolamento. Con DEP si tende a definire un profilo comprensivo e globale di funzionamento dell’individuo, il quale non sempre giudica esagerati e irrazionali i propri timori (parziale INSIGHT). Il sovrapporsi delle definizioni e dei criteri di diagnosi ha portato a ritenere che , in molti casi, Disturbo Evitante di Personalità e Fobia Sociale rappresentino lo stesso disturbo osservato da punti di vista differenti. Attraverso una attenta disamina effettuata attraverso gli strumenti della psicopatologia descrittiva, su cui si basa l’osservazione clinica psichiatrica, l’interesse odierno si è spostato sulla psicopatologia funzionale che lega i sintoni a precise alterazioni cerebrali. Il processo di distrofia cellulare neurale responsabile della genesi del Disturbo Affettivo è reversibile e guaribile in modo stabile e definitivo con una corretta terapia a termine con antidepressivi triciclici a dosaggio minimo efficace. Le Neuroscienze hanno portato un contributo fondamentale alla fisiopatologia e alla terapia dei disturbi mentali. Grazie al recente notevole sviluppo della neurofisiologia, biochimica, neuroendocrinologia, genetica e psicofarmacologia si è determinato un sostanziale progresso nella conoscenza dei substrati biologici dello psichismo e dei meccanismi di base della patologia mentale, che ci sta consentendo di elaborare suggestive ipotesi interpretative. Un contributo fondamentale è stato offerto dalla psicofarmacologia, che ha aperto una finestra privilegiata sul funzionamento del cervello: gli psicofarmaci consentono non solo una fine dissezione biochimica del cervello, ma anche di mettere in luce alcuni meccanismi di base del funzionamento cerebrale, difficilmente postulabili senza il loro intervento, di chiarire sempre meglio le alterazioni in causa nelle malattie mentali e di indirizzare gli studi verso sostanze psicotrope sempre più attive e terapeuticamente efficaci. Alla luce di quanto detto risulta evidente che il corretto approccio alla Fobia Sociale oggi è da attuarsi tramite una corretta sequenziale: un intervento farmacologico corretto e contemporaneamente un intervento psicoterapeutico.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di dr.psico (del 14/07/2007 @ 21:58:25, in Lettera F, visto n. 962 volte)
La fobia è una paura estrema, irrazionale e sproporzionata per qualcosa che non rappresenta una reale minaccia e con cui gli altri si confrontano senza particolari difficoltà psicologiche.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:19:18, in Lettera F, visto n. 18401 volte)
Farmaci Flixoderm, Flixonase, Flixotide, Fluspiral. Indicazioni Viene usato nel trattamento delle manifestazioni infiammatorie e del prurito nelle dermatosi cortisono-sensibili e per controllare l'evoluzione della malattia asmatica e delle condizioni di broncostenosi. In otorinolaringoitria è usato nella profilassi e nel trattamento delle riniti allergiche stagionali e croniche come ad esempio la febbre da fieno e delle riniti vasomotorie. Controindicazioni Controindicato in caso di ipersensibilità individuale verso i componenti del farmaco. Durante la gravidanza la somministrazione è utile solo nel caso in cui i benefici possibili per la madre sono superiori alle possibilità di rischio a carico del feto e non si conosce l'eventuale passaggio nel latte materno. Se ne sconsiglia anche l'impiego in bambini di età inferiore a un anno. Controindicato anche in soggetti con acne rosacea e vulgaris, dermatite periorale, infezioni primarie virali della pelle, prurito anogenitale, lesioni cutanee micotiche o batteriche. Interazioni Non sono conosciute interazioni con altri principi farmaceutici.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (9)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di salute (del 20/04/2009 @ 15:09:46, in Lettera F, visto n. 7709 volte)
La flussimetria, o velocimetria Doppler, e' una delle tecniche ecografiche che consentono al medico di valutare lo stato di benessere fetale. Questo esame utilizza l'effetto Doppler, cioè la variazione di frequenza che si verifica nel momento in cui il fascio di ultrasuoni emesso dalla sonda ecografica incontra e viene riflesso da un oggetto in movimento. Nel caso della flussimetria, quando gli ultrasuoni attraversano un vaso sanguigno fetale, vengono riflessi dai globuli rossi proprio come la luce in uno specchio, ma, dato che i globuli rossi si muovono, la frequenza del fascio di ultrasuoni di ritorno sara' diversa dalla frequenza originaria. Questa variazione è analizzata dal computer dell'ecografo. L'analisi fornisce dei dati sulla velocità del flusso, attraverso i quali il medico è informato sul grado di vasodilatazione del letto vascolare fetale e, indirettamente, sul livello di ossigenazione e di benessere fetale. Nel corso della gravidanza gli esami flussimetrici piu' frequentemente richiesti sono due: La Flussimetria materna delle Arterie Uterine; La Flussimetria fetale della Arteria Ombelicale e della Arteria Cerebrale Media. La Flussimetria materna, che si effettua di preferenza tra la 22a e la 24a settimana, si usa per valutare lo stato di vascolarizzazione del lato materno della Placenta. È stato infatti osservato che la alterazione della flussimetria delle Arterie Uterine in questo periodo, si associa con elevata frequenza ad una delle patologie caratteristiche del terzo trimestre come la Gestosi e, più in generale, al ritardo di crescita fetale (IUGR). L'esame viene consigliato alle donne alla prima gravidanza con fattori di rischio per ipertensione e diabete, e nelle donne con precedenti gravidanze complicate da diabete gestazionale, gestosi, ritardo di crescita ecc. In presenza di un'alterazione del profilo flussimetrico, il ginecologo potrà, a seconda della patologia, avviare precocemente un protocollo diagnostico e terapeutico per prevenire, per quanto possibile, le temibili complicazioni del terzo trimestre che, soprattutto se non conosciute, possono mettere in grave pericolo la vita della mamma e del bambino. La Flussimetria fetale è un esame da effettuarsi su indicazione medica laddove si sospetti un ritardo di crescita fetale o quando e' presente una malattia materna in grado di limitare lo sviluppo fetale. Questa analisi, normalmente richiesta alla fine del secondo e nel terzo trimestre, consiste nel misurare la velocità del flusso a livello delle Arterie Ombelicali e delle Arterie Cerebrali Medie. La Flussimetria Ombelicale valuta il distretto vascolare del lato fetale della Placenta, mentre la Flussimetria delle Arterie Cerebrali informa sullo stato di dilatazione del letto vascolare del Cervello. Quando il profilo flussimetrico dei due distretti mostra vasocostrizione ombelicale e vasodilatazione cerebrale, ci si trova di fronte a quella che viene chiamata "CENTRALIZZAZIONE DEL FLUSSO" e cioè una condizione in cui la Placenta non riesce ad ossigenare e a nutrire adeguatamente il feto, il quale si difende assicurando al cervello, con la vasodilatazione, una quota maggiore di sangue rispetto agli altri organi e tessuti meno importanti. Infatti Il Cuore e il Cervello sono i cosiddetti Organi Nobili che l'organismo deve proteggere per superare le crisi ipossiche e nutrizionali. La Centralizzazione del flusso, specialmente in associazione a ritardo di crescita del feto, può condurre il ginecologo a ricoverare in ospedale la paziente e, nei casi più gravi, può portare all'interruzione della gravidanza con l'induzione del parto o con il taglio cesareo.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:18:28, in Lettera F, visto n. 3753 volte)
Farmaci Froben, Ocufen, Transact Lat. Indicazioni Trattamento di tutti quegli stati morbosi in cui la componente infiammatoria è caratteristica preponderante ed elettivamente in flebologia, ginecologia, pneumologia, reumatologia, traumatologia e ortopedia. Nella chirurgia occulisti è indicato anche come inibitore della miosi intraopertoria, nella prevenzione della infiammazione oculare conseguente a interventi di estrazione di catararatta o a laser argon e trabeculoplastica. In otorinolangoiatria nel trattamento locale di processi infiammatori orofaringei quali tonsilliti, faringiti e laringiti. Controindicazioni Controindicato nei soggetti sofferenti di gastrite e di colite ulcerosa. Non deve essere somministrato a soggetti con anamnesi di broncospasmo, reazioni anafilattoidi, angiaedema, altre forme di ipersensibilità all'ASA o a altri FANS. Particolare cautela deve essere adottata nell'insufficienza cardiaca, in quella epatica e in caso di grave sofferenza renale. Il farmaco è controindicato anche in pazienti al di sotto dei quattordici anni, in quelli affetti da cheratite e da herpes simplex (ad esempio cheratite dendritica). E' altresì sconsigliato in caso di gravidanza accertata e durante il periodo dell'allattamento. Interazioni Sono conosciute interazioni con ticlopidina, litio, altri FANS.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:17:20, in Lettera F, visto n. 1321 volte)
Farmaci Deprexen, Diesan, Fluotina, Fluoxeren, Fluoxetina, Fluoxin, Prozac, Zafluox. Indicazioni Trattamento della depressione, del disturbo ossessivo compulsivo e della bulimia nervosa. Controindicazioni La fluoxetina è generalmente controindicata in caso di gravidanza e da assumere con particolare attenzione durante il periodo di allattamento.Controindicata anche nei pazienti che assumono inibitori della MAO e con ipersensibilità individuale accertata verso uno dei componenti del prodotto.. Interazioni Sono conosciute interazioni con inibitori della MAO, farmaci metabolizati all'isoenzima P450 IID6 del citocromo P450, fenitoina, carbamazepina, aloperidolo, clozapina, alprazolam, imipramina, desipramina, triptofano, sali di litio, farmaci a forte legame sieroproteico ad esempio warfarin, digossina, e in soggetti sottoposti a terapia elettroconvulsiva.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 634 635 636 637 638 639 640 641 642 643 644 645 646 647 648 649 650 651 652 653 654 655 656 657 658 659 660 661 662 663 664 665 666 667 668 669 670 671 672 673 674 675 676 677 678 679 680 681 682 683 684 685 686 687 688 689 690 691 692 693 694 695 696 697 698 699 700 701 702 703 704 705 706 707 708 709 710 711 712 713 714 715 716 717 718 719 720 721 722 723 724 725 726 727 728 729 730 731 732 733 734 735 736 737 738 739 740 741 742 743 744 745 746 747 748 749 750 751 752 753 754 755 756 757 758 759 760 761 762 763 764 765 766 767 768 769 770 771 772 773 774 775 776 777 778 779 780 781 782 783 784 785 786 787 788 789 790 791 792 793 794 795 796 797 798 799 800 801 802 803 804 805 806 807 808 809 810 811 812 813 814 815 816 817 818 819 820 821 822 823 824 825 826 827 828 829 830 831 832 833 834 835 836 837 838 839 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859 860
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (180)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (399)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (346)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (246)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (43)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate