Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito tutti i lemmi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di medicinasalute (del 08/07/2012 @ 23:07:51, in Lettera L, visto n. 588 volte)
Leucemie caratterizzate da un andamento relativamente stabile nel tempo, in forme mieloidi e in forme linfoidi; sono patologie meno aggressive delle leucemie acute. La diagnosi è simile a quella delle leucemie acute come esame emocromocitometrico, striscio di sangue periferico, biopsia del midollo osseo e analisi cromosomica a questi si possono aggiungere gli esami strumentali utili per la valutazione del grado di compromissione sistemica come ecografia, TAC, scintigrafia. La leucemìa crònica mieloide è una patologia mieloproliferativa (vedi mieloproliferative, sindromi) dell'età adulta; caratterizzata da un aumento delle dimensioni della milza (splenomegalia) e da un'aumentata produzione di granulociti. Il decorso è inizialmente asintomatico, ma sfocia invariabilmente verso un'acutizzazione detta crisi blastica. Il 95% dei pazienti è caratterizzata da un’ alterazione cromosomica. Durante la fase di acutizzazione appaiono blasti leucemici, di tipo sia linfoide sia mieloide. La fase cronica della patologia invece risponde piuttosto bene ai medicinali usati per ridurre il numero di granulociti leucemici, mentre la crisi blastica non risponde bene alla maggior parte dei tentativi terapeutici. Durante la fase cronica l'esecuzione del trapianto di midollo osseo migliora la prognosi. La leucemìa crònica linfoide è anch'essa tipica dell'età adulta, generalmente dopo la quinta decade, ed è caratterizzata dall’accumulo di linfociti maturi, nella maggior parte dei casi sono i linfociti B nel sangue e nel midollo osseo, che causa pancitopenia. Le cellule leucemiche possono infiltrare la milza e i linfonodi. Questa patologia ha spesso un decorso torpido, tanto che spesso costituisce un riscontro casuale all'esame emocromocitometrico, e in tal caso non richiede la somministrazione di alcun farmaco. Tipicamente i pazienti presentano una riduzione delle gammaglobuline e quindi risultano più suscettibili alle infezioni. In caso di necessità si rende necessaria la somministrazione di immunoglobuline, cortisonici o agenti alchilanti. Talora la malattia può evolvere in un linfoma(sindrome di Richter).
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di medicinasalute (del 09/07/2012 @ 08:25:32, in Lettera L, visto n. 731 volte)
Leucemìe in cui si ha la proliferazione di elementi cellulari immaturi della serie mieloide come granulociti e monociti; ma rientrano in questo gruppo anche le leucemie in cui c'è interessamento anche della serie eritroide o di quella linfoide come i linfociti. La leucemia si manifesta in seguito alla trasformazione maligna di un singolo progenitore emopoietico, a cui segue la replicazione cellulare e l’ espansione del clone trasformato. Le cellule leucemiche hanno la caratteristica di proliferare molto velocemente poiché non maturano facilmente negli elementi cellulari adulti. I blasti, ovvero le cellule indifferenziate, raccolte nei tessuti omeopatici provocano la sintesi delle cellule normali del sangue e cioè i blobuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine. Le cellule leucemiche crescono inizialmente nel midollo osseo, e attraverso il circolo vascolare si depositano a livello di vari tessuti e organi: linfonodi, fegato, milza, cute, visceri, sistema nervoso centrale. Questa malattia inizia gradualmente e si manifesta con semplici disturbi legati alla minor produzione delle cellule normali del sangue quali anemia, infezioni, emorragie. Sono le infezioni le complicazioni più temute poiché la loro presenza è strettamente legata alla diminuzione del numero di granulociti normali che svolgono un ruolo importante nella difesa immunitaria. Le zone infette durante le leucemie acute in genere la pelle, le gengive, i polmoni e le vie urinarie. Si ha emorragia quando si ha una sostanziale diminuzione di piastrine, quando cioè si hanno valori di piastrine sotto le 20000 per ml. Nel caso in cui vengano attaccati anche fegato e milza allora si ha un ingrandimento degli stessi. In presenza di forme linfoidi si ha un ingrossamento delle ghiandole linfatiche; in questi casi viene interessato anche il sistema nervoso centrale con attacco alle meningi e al parenchima nervoso. Sulla base dei diversi aspetti morfologici delle cellule blastiche le leucemie acute mieloidi si distinguono in sette sottotipi, M1, M2, M3, M4, M5, M6, M7, nell’ambito dei quali si hanno differenze nel decorso clinico e nel modo in cui si formano. In base all’aspetto morfologico, le leucemìe acute linfoidi, si dividono in tre sottotipi: L1, L2, L3. Come diagnosi è fondamentale l’esame emocromocitometrico con il quale si riscontrano anemia, piastrinopenia e leucocitosi. La presenza di blasti si può però già riscontrare con lo striscio di sangue periferico o con la biopsia del midollo osseo; con l'esame morfologico si è in gradi di vedere l’infiltrazione da parte dei blasti leucemici. Presenza di anomalie nei cromosomi si possono riscontrare negli sierologici e con l'analisi del cariotipo. Non manca poi l’utilizzo degli esami strumentali, come tac, ecografia, scintigrafia ecc, con i quali si è in grado di verificare il grado di compromissione sistemica. Se non curata, la leucemìa acuta, sia mieloide che linfoide, è sempre una malattia mortale. Grazie alle moderne strategie terapeutiche si è in gradi di modificare la prognosi della malattia poiché si riscontra, in una percentuale discreta di pazienti, remissioni della malattia per periodi spesso prolungati. Si inizia con la polichemioterapia, che è spesso in grado di indurre la remissione. In particolare nelle leucemìe acute linfoidi dei bambini si hanno buoni risulatati: più del 50% dei bambini malati guariscono in via definitiva. Nelle leucemìe acute mieloidi la percentuale di remissione è molto elevata; si hanno però alte percentuali di ricadute quindi basse possibilità di guarigione. Per ovviare a ciò negli ultimi anni si effettua il trapianto di midollo osseo da un donatore compatibile, efficace sia nelle forme mieloidi sia in quelle linfoidi: si hanno risultati confortanti sia nei soggetti giovani e nei bambini. Altri strumenti poi per combattere la leucemia acuta sono l'immunoterapia a base di anticorpi monoclonali diretti contro i blasti leucemici, l'uso di interleuchina-2 come attivante dell'azione delle cellule natural-killer e l'utilizzo dei fattori di crescita. Oltre alla terapia specifica nel trattamento delle leucemìe acute importanti sono i provvedimenti di supporto quali trasfusioni di globuli rossi, di piastrine, e la prevenzione o cura delle infezioni.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 14:06:18, in Lettera L, visto n. 1029 volte)
Con questo termine si indica un vasto gruppo di forme tumorali delle cellule del sangue e del sistema omopoietico. A seconda del tipo di cellula coinvolta si differenziano in leucemie mieloidi e leucemie linfoidi. Entrambe sono caratterizzate dall'eccessiva emissione nel sangue di globuli bianchi e interessano in un caso le popolazioni granulocitarie e monocitarie del sangue e nell'altro elementi della serie linfoide. Un'altra possibile classificazione è data dall'aggressività e dalla durata che permette di distinguere le leucemie acute da quelle croniche. La leucemia è una delle grandi scommesse della medicina dei prossimi venti anni: si suppone che nel 2020 il 90% delle leucemie sarà guarito. Non mancano gli scettici e la loro posizione è pienamente giustificata perché se per alcune forme leucemiche si sono fatti molti passi avanti, per altre la situazione è in fase di stallo. Vediamo come si agisce oggi contro la leucemia. Leucemia acuta promielocitica - È abbastanza rara (100 casi all'anno in Italia) e fino a qualche anno fa era letale per otto malati su dieci. Gli studi di P. G. Pellicci hanno evidenziato il guasto genetico (la fusione di elementi cellulari che normalmente vivono separati) alla base della leucemia; successivamente l'impiego di acido retinoico, della chemioterapia e la realizzazione di un anticorpo monoclonale per la diagnosi veloce (qualche ora) permettono di guarire il 70% ca. di pazienti con meno di sessanta anni. Leucemia linfatica acuta - Esiste in varie forma ed è quella dove si sono registrati i minori progressi terapeutici. Nella variante legata al cromosoma Filadelfia (25% degli adulti e fino al 35% degli anziani malati) si stanno sperimentando le stesse vie terapeutiche della leucemia mieloide cronica; nella variante Burkitt una terapia d'urto breve, ma molto intensa guarisce il 70% dei casi. Leucemia linfatica cronica - In Italia sono 1.200 ca. i casi annui. Una volta colpiva di preferenza gli ultrasessantenni; attualmente la soglia si è abbassata e si registrano casi anche di giovani sotto ai trent'anni. A. Cerutti (2001) ha scoperto che l'indebolimento del sistema immunitario è dovuto all'intervento di una molecola (Cd30), bloccando la quale si potrebbero evitare le infezioni, causa prima di morte in questo tipo di leucemia. È una patologia molto diversificata: da casi di pazienti malati che non necessitano di terapie e conducono una vita paranormale a casi molto aggressivi. Lo stadio intermedio è quello più comune. Oltre al trapianto da donatore (che attualmente è l'unico mezzo di guarigione totale) o all'autotrapianto, si ricorre a farmaci specifici (come la fludarabina). Leucemia mieloide acuta - Regredisce facilmente nel 75% dei casi in seguito alla terapia d'urto iniziale. Purtroppo dopo qualche anno recidiva con esito spesso mortale. Si stanno sperimentando anticorpi monoclonali capaci di veicolare sulle cellule tumorali farmaci chemioterapici efficaci, altrimenti tossici se assunti per via generale. Leucemia mieloide cronica - In Italia sono 600 i casi annui. Causata da un guasto genetico, il cromosoma Filadelfia che produce un enzima capace di trasformare le cellule sane in malate, è una delle leucemie per le quali si stanno sperimentando farmaci intelligenti (come l'STI571, sviluppato dal gruppo di C. Gambacorti-Passerini) in grado di riparare i problemi genetici. Terapia principale è il trapianto di midollo che assicura una guarigione nel 60% dei casi; per gli altri malati la sopravivenza è di sei anni ca. Terapie particolari che usano l'interferone sembrano promettere un miglioramento della sopravvivenza anche in assenza di trapianto. In pazienti anziani si utilizza il miniallotrapianto, un trapianto normale, ma con chemioterapia non aggressiva che non distrugge tutte le cellule tumorali, ma prepara l'attecchimento del nuovo midollo. Nel 2002 in Italia è iniziata la sperimentazione dell'imatinib (nome commerciale Glivec) che ha ottenuto risultati positivi nel 90% dei casi.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 14/01/2011 @ 12:57:48, in Lettera L, visto n. 2142 volte)
Alterazioni della cute che si presentano nel corso di leucemie ma indipendenti dalle cellule leucemiche. Possono assumere carattere di rush, eruzioni cutanee orticarioidi, foruncoli, vescicole, o anche di semplici pruriti diffusi.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 14/01/2011 @ 12:58:19, in Lettera L, visto n. 745 volte)
Forma rara e severa di istiocitosi X. Si manifesta nei bambini sotto i 2 anni di età con eczema seborroico, rush squamoso, ingrossamento delle ghiandole linfatiche e disfunzioni epatiche.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 14/01/2011 @ 13:00:12, in Lettera L, visto n. 737 volte)
Condizione patologica di sonno profondo e continuo, con totale rilassamento muscolare e insensibilità, che di solito evolve verso lo stato di coma. Può avere origini diverse come lesioni cerebrali, dell'area ipotalamo-mesencefalica (encefalite letargica, encefaliti infettive da virus o da protozoi, lesioni tumorali o vascolari) o alterazioni metaboliche (ipoglicemia, insufficienza epatica, acidosi, alcolismo, avvelenamento cronico da monossido di carbonio) o alterazioni endocrine (ipotiroidismo) o alterazioni del sangue (anemia, policitemia, poliglobulie secondarie).
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Dr.ssa Maglioni (del 14/01/2011 @ 12:59:39, in Lettera L, visto n. 711 volte)
Valore che si ottiene moltiplicando per cento il numero dei decessi causati da una certa malattia e dividendolo per il numero dei casi accertati della stessa. Tale valore rappresenta la pericolosità di una malattia.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 634 635 636 637 638 639 640 641 642 643 644 645 646 647 648 649 650 651 652 653 654 655 656 657 658 659 660 661 662 663 664 665 666 667 668 669 670 671 672 673 674 675 676 677 678 679 680 681 682 683 684 685 686 687 688 689 690 691 692 693 694 695 696 697 698 699 700 701 702 703 704 705 706 707 708 709 710 711 712 713 714 715 716 717 718 719 720 721 722 723 724 725 726 727 728 729 730 731 732 733 734 735 736 737 738 739 740 741 742 743 744 745 746 747 748 749 750 751 752 753 754 755 756 757 758 759 760 761 762 763 764 765 766 767 768 769 770 771 772 773 774 775 776 777 778 779 780 781 782 783 784 785 786 787 788 789 790 791 792 793 794 795 796 797 798 799 800 801 802 803 804 805 806 807 808 809 810 811 812 813 814 815 816 817 818 819 820 821 822 823 824 825 826 827 828 829 830 831 832 833 834 835 836 837 838 839 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (179)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (398)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (345)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (245)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (41)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< aprile 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate