Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

Di seguito tutti i lemmi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di salute (del 25/06/2007 @ 11:54:03, in Lettera M, visto n. 13715 volte)
Il melasma è una condizione cutanea acquisita caratterizzata da una ipermelanosi delle aree fotoesposte. Si tratta di chiazze irregolari, a margini netti, intensamente pigmentate, localizzate comunemente al viso, in tre tipiche disposizioni: centrofaciale, malare e mandibolare. Il bordo del cuoio capelluto è sempre indenne. Si sviluppa spesso insidiosamente con disposizione bilaterale, non simmetrica. Cloasma è il sinonimo con cui si definisce la condizione quando si manifesta durante la gravidanza. Tuttavia tale termine è improprio: infatti cloasma deriva dal greco cloazein che significa "essere verde", mentre "melas", sempre di origine greca, significa "nero". Dal momento che la pigmentazione non è mai verde, è più corretta la dizione di melasma. Il melasma si osserva nel 90% dei casi nelle donne in età riproduttiva, che assumono la pillola anticoncezionale o in corso di gravidanza (da cui il termine di maschera gravidica). Sono però riportati casi in corso di disfunzione ovarica o tiroidea o a seguito di assunzione di farmaco forosensibilizzante (fenitoina). La pigmentazione, di colore marrone scuro, può localizzarsi a due livelli: confinata allo strato superficiale della cute, l’epidermide, oppure nello strato più profondo, il derma. La lampada di Wood (lampada che emette ultravioletti nella frequenza 340-400 nm, utilizzata in ambiente scuro) può permettere di visualizzarne la distribuzione: infatti il pigmento epidermico si accentua quando è esaminato con tale luce, diversamente da quello dermico. Non sempre però è così agevole la differenziazione in quanto la pigmentazione può essere presente, in maggiore o minore grado, in entrambi gli strati cutanei. Riguardo all’etiopatogenesi, la predisposizione genetica (nel 30% dei casi vi è familiarità per il melasma, i soggetti affetti hanno cute marrone chiaro) e l’influenza ormonale ( la comparsa del melasma in gravidanza o in soggetti che assumono i contraccettivi orali ne sono testimonianza) sono sicuramente due importanti fattori. Ma il ruolo fondamentale nello sviluppo di questa pigmentazione è l’esposizione al sole. Tutte le lunghezze d’onda delle radiazioni solari compreso lo spettro visibile sono in grado di indurre il melasma. Inoltre le radiazioni ultraviolette, causando la perossidazione dei lipidi nelle membrane cellulari, generano la formazione di radicali liberi che possono stimolare i melanociti a produrre melanina in eccesso. La cura del melasma può riservare delle difficoltà legate in gran parte al livello dove si colloca il pigmento: sarà infatti relativamente più agevole e rapida se la pigmentazione è epidermica. Il pigmento dermico invece, mancando una efficace terapia per rimuoverlo, impone tempi lunghi (mesi o anni). Tuttavia ciò non deve scoraggiare. Infatti la fonte del pigmento dermico è l’epidermide: pertanto se si riesce a inibire la melanogenesi epidermica per un periodo sufficientemente lungo, il pigmento dermico non sarà sostituito e quindi, pur lentamente, si risolverà. Fondamentale, qualunque sia il livello della pigmentazione, è evitare il sole, nel limite del praticabile, e usare dei protettori solari ad ampio spettro (SPF 15 o più) ogni mattino, tutti i giorni dell’anno, indipendentemente se vi sia o meno il sole. Un giorno di esposizione al sole senza fotoprotezione può pregiudicare mesi di trattamento, specie in soggetti con tendenza alla forma dermica. Utile anche l’uso di copricapo. Alla fotoprotezione si affiancherà l’uso di prodotti topici sbiancanti, oltre ad eventuali peeling superficiali nell’intento di accelerarne la risoluzione attraverso una tenue esfoliazione. Il successo della terapia richiede comunque grande disciplina e molta pazienza. Il melasma si sviluppa gradualmente ed anche la risoluzione è graduale: possono volerci mesi. RIASSUMENDO Che cos’è? E’ una condizione cutanea caratterizzata dallo sviluppo sul viso di macchie marroni. In quali zone del viso? Principalmente sulle zone malari, sulla fronte, sul labbro superiore. Come si presenta? Si tratta di macchie di colore marrone uniforme, di forma irregolare, con margini netti che si accentuano in maniera marcata durante l’estate. Può dare dei sintomi? No. Quali sono le cause? Tre sono i fattori causali fondamentali: predisposizione genetica, attività ormonale e soprattutto esposizione al sole. Chi ne è colpito? Nella maggioranza dei casi le donne che stanno assumendo la pillola anticoncezionale o in stato di gravidanza: infatti il melasma viene anche definito "maschera della gravidanza". Come viene diagnosticato? La diagnosi si basa sull’osservazione clinica. Il cloasma è la stessa cosa? Si. E’ il termine che spesso si usa per le pigmentazioni che si presentano sul viso delle donne gravide. Ci sono rischi per chi vive a contatto con chi è affetto da melasma? No, perché non è contagioso. Si può curare? La cura del melasma non sempre è agevole. Fondamentale è l’uso di un protettore solare con SPF pari o superiore a 15, evitare l’esposizione solare e utilizzare schiarenti cutanei. Mai "il fai da te", ma sentire il parere di uno specialista dermatologo. Occorre tanto tempo per avere dei risultati? La risoluzione è graduale: nell’ordine di mesi (talvolta tanti). Si può prevenire? Si può ridurre il rischio non assumendo la pillola ed evitando il sole oltre a proteggere la cute con un prodotto efficace. Ciò vale soprattutto per quelle donne nella cui famiglia vi sono già stati casi di melasma. Il melasma può dare effetti a lungo termine? No, è un problema puramente estetico
Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di dr.psico (del 15/07/2007 @ 17:31:28, in Lettera M, visto n. 688 volte)
Ormone prodotto dall’epifisi secondo un ciclo circadiano (con il massimo di notte e il minimo di giorno), la cui produzione rallenta con il progredire dell’età. Può essere influenzato da fattori ereditari o ambientali. Il ritmo giornaliero di secrezione della melatonina è scandito dall’alternanza luce-buio: la luce, colpendo i fotorecettori della retina, ne inibisce la sintesi. Ha proprietà antiossidanti.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di bob (del 02/02/2012 @ 16:03:27, in Lettera M, visto n. 596 volte)
Emissione di feci dal colore nerastro e di consistenza attaccaticcia che si manifesta in seguito a una grave emorragia a livello dello stomaco o dei tratti intestinali. Il colore è dovuto alla trasformazione dell’emoglobina del sangue in ematina. Le cause più frequenti sono ulcere gastriche e duodenali, neoplasie, o abuso di farmaci antinfiammatori . Se la perdita di sangue avviene nelle ultime parti del tubo digerente (intestino crasso, sigma, retto), l’emoglobina non viene trasformata in ematina, le feci hanno color rosso vivo e in questo caso si parla di enterorragia. La melena rappresenta un segno clinico importante da non trascurare. Il paziente deve sottoporsi con urgenza ad accertamenti al fine di stabilire la sede d’origine dell’emorragia. L'esofagogastroduodenoscopia permette di evidenziare la presenza di un’ulcera gastrica o duodenale sanguinante o di un tumore gastrico ulcerato, la colonscopia permette di diagnosticare masse o ulcere a livello del colon ascendendente e l’angiografia dei vasi arteriosi addominali riscontra l’eventuale presenza di angiodisplasie.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di bob (del 02/02/2012 @ 16:10:33, in Lettera M, visto n. 444 volte)
Farmaco antineoplastico appartenente alla categoria degli agenti alchilanti, utilizzato nel trattamento del carcinoma ovarico, testicolare e del mieloma multiplo. Ha tossicità ematologica e renale.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di medicinasalute (del 22/05/2012 @ 19:58:28, in Lettera M, visto n. 428 volte)
Melissa officinalis, appartenente alla famiglia delle Labiate, è un’erba perenne molto diffusa negli orti e nei giardini. Dai fiori è estratto un olio essenziale ricco di terpeni, tra cui citronella e citrale, e tannini, quest’olio è utilizzato nei casi d’insonnia, nervosismo, irrequietezza; è un ottimo antispasmodico, calmante, coleretico, regolatore della secrezione gastrica e anche antivirale.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di salute (del 06/10/2007 @ 13:11:31, in Lettera M, visto n. 703 volte)
Il melone (Cucumis melo) è una pianta erbacea annua, a fusto rampicante, probabilmente originaria delle zone caucasiche, coltivata nei paesi temperati per i suoi frutti commestibili e dolci. Forse originario dell'Asia (i cinesi ne usano le virtù terapeutiche), secondo altre fonti è di origine africana. In Italia fu introdotto in età cristiana, come testimoniano alcuni dipinti di Ercolano. Plinio definisce i meloni popones, facendoci sapere che l'imperatore Tiberio ne era ghiottissimo; per Columella erano i melones. I due termini sono rimasti con il primo più usato nell'Italia meridionale e il secondo al nord. In Europa si diffuse più tardi (fu Carlo VIII a introdurlo in Francia) e dopo il XV sec. arrivò anche nel nord fino alla Svezia. Il melone è un frutto succoso, dolce e profumato, a forma rotonda o ovale, con buccia giallognola e polpa verdastra, gialla o arancione che nella parte centrale ha molti semi piatti. Vi sono due tipi di meloni: quelli estivi (quelli retati, con la superficie percorsa da linee rilevate, e i cantalupi dalla scorza liscia, più profumati, fra cui si deve ricordare lo charentais) e quelli invernali. Vengono consumati come frutta o come antipasto, di solito insieme al prosciutto crudo. Il 60% della produzione mondiale proviene dall'Asia; in Europa i maggiori produttori sono Spagna, Romania, Francia e Italia (soprattutto nel mantovano e a Pachino in Sicilia).Il melone è un ottimo frutto, con un buon potere saziante, ma meno dissetante dell'anguria (e per questo meno appetibile) le cui scorpacciate estive spesso non sono salutari. Abbinato classicamente al prosciutto crudo, consente di mantenere nei limiti del buon senso l'antipasto prima di un pranzo importante. A causa delle tante varietà,d ei metodi e delle zone di coltivazione è uno dei pochi esemplari di frutta dinamici dal punto di vista delle informazioni nutrizionali. Ved. anche Frutta (calorie). INFO AL. – CIBO DINAMICO - Carboidrati: 6,5; proteine: 1; grassi: 0,2; acqua: 92; calorie: 33. Parte edibile: 48; calorie al lordo: 17.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di medicina (del 16/09/2007 @ 14:41:19, in Lettera M, visto n. 815 volte)
Farmaci Leutrol, Mobic. Indicazioni Usato come trattamento sintomatico di breve durata negli stati acuti dolorosi della osteoartrosi. Come trattamento sintomatico a lungo termine nei soggetti affetti dall'artrite reumatoide (poliartrite cronica). Controindicazioni Da non usarsi in stato di gravidanza, durante il periodo dell'allattamento, nei bambini al di sotto dei 15 anni, nei soggetti affetti da gastrite e duodenite di tipo ulceroso e allergici all'ASA o ad altri FANS. Da evitare in presenza di grave insufficienza renale ed epatica. Interazioni Interagisce con altri FANS, con alte dosi di salicilati, anticoagulanti orali, eparina, ticlopidina, litio, metotrexato, dispositivi contraccettivi uterini, diuretici, ciclosporina, betabloccanti, ACE-inibitori, colestiramina e altri antidiabetici orali.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596 597 598 599 600 601 602 603 604 605 606 607 608 609 610 611 612 613 614 615 616 617 618 619 620 621 622 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 634 635 636 637 638 639 640 641 642 643 644 645 646 647 648 649 650 651 652 653 654 655 656 657 658 659 660 661 662 663 664 665 666 667 668 669 670 671 672 673 674 675 676 677 678 679 680 681 682 683 684 685 686 687 688 689 690 691 692 693 694 695 696 697 698 699 700 701 702 703 704 705 706 707 708 709 710 711 712 713 714 715 716 717 718 719 720 721 722 723 724 725 726 727 728 729 730 731 732 733 734 735 736 737 738 739 740 741 742 743 744 745 746 747 748 749 750 751 752 753 754 755 756 757 758 759 760 761 762 763 764 765 766 767 768 769 770 771 772 773 774 775 776 777 778 779 780 781 782 783 784 785 786 787 788 789 790 791 792 793 794 795 796 797 798 799 800 801 802 803 804 805 806 807 808 809 810 811 812 813 814 815 816 817 818 819 820 821 822 823 824 825 826 827 828 829 830 831 832 833 834 835 836 837 838 839 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859
Cerca per parola chiave
 



Titolo
Lettera A (360)
Lettera B (241)
Lettera C (505)
Lettera D (255)
Lettera E (440)
Lettera F (170)
Lettera G (179)
Lettera H (56)
Lettera I (187)
Lettera J (5)
Lettera K (30)
Lettera L (398)
Lettera M (1056)
Lettera N (283)
Lettera O (348)
Lettera P (345)
Lettera Q (51)
Lettera R (339)
Lettera S (245)
Lettera T (313)
Lettera U (92)
Lettera V (41)
Lettera W (28)
Lettera X (15)
Lettera Y (2)
Lettera Z (28)

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
x monica se hai face...
07/03/2011 @ 14:51:33
Di filocell
X FILOCELL se clicci...
07/03/2011 @ 14:42:31
Di monica
x monica il messaggi...
07/03/2011 @ 13:25:51
Di filocell


< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
Enciclopedia (1)

Le fotografie più cliccate