Camomilla
Di prova (del 29/05/2007 @ 14:32:25, in Lettera C, visto n. 1107 volte)
(Matricaria chamomilla, famiglia Composite), pianta erbacea, comune e abbondante. I fiori sono usati in terapia come calmante antinevralgico e antispastico. I principali costituenti sono un principio amaro, acido antemico e azulene. È usata sia per affezioni nevralgiche (sciatalgie, mialgie, dolori reumatici) sia per fenomeni spastici dell’apparato gastrointestinale e degli annessi (gastrite, crampi di stomaco, enterite, dismenorrea e metrorragia). Si usa l’infuso dei fiori, tanto più efficace quanto più prolungato; alcuni consigliano la macerazione per almeno un’ora. Si usa anche esternamente, in impacchi e lavaggi, come collutorio, collirio e per irrigazioni.