Dimagranti da banco
Di medicina (del 17/09/2007 @ 21:21:11, in Lettera D, visto n. 3494 volte)
Si definiscono dimagranti da banco quei prodotti rivolti a persone i sovrappeso e che non necessitano di prescrizione medica. Si basano in sostanza su tre principi: un'accelerazione del metabolismo, l'eliminazione parziale di zuccheri e grassi e la riduzione dell'appetito. Per quanto riguarda l'accelerazione del metabolismo, essa è ottenuta attraverso un innalzamento della temperatura corporea e lo stimolo dell'azione tiroidea. L'organismo tuttavia tende a reagire provocando assuefazione e vanificando i benefici iniziali. I prodotti che puntano sull'eliminazione o la riduzione degli zuccheri funzionano soltanto su soggetti che hanno un regime alimentare fortemente ipercalorico, riuscendo a bruciare circa il 10 per cento delle calorie introdotte. Durante una dieta ipocalorica volta a perdere peso, l'introduzione di questi prodotti ha invece un'efficacia scarsissima. Il senso di fame viene ridotto attraverso sostanze quali il chitosano o il glucomannano, che si gonfiano in presenza di acqua e rendendo sazio il soggetto. Il loro utilizzo non può però essere prolungato nel tempo causa disturbi gastrici e intestinali.