Enterotossina
Di riccardo (del 17/03/2014 @ 13:18:44, in Lettera E, visto n. 601 volte)
Termine che indica in modo generico una tossina prodotta all'interno dell'intestino, più spesso una tossina generata da alcuni ceppi di stafilococco, che è all'origine di intossicazioni alimentari acute. In genere è termostabile, di basso peso molecolare e solubile in acqua. L'enterotossina tende ad essere citotossica e distrugge le cellule alterando la permeabilità della membrana plasmatica delle cellule epiteliali della mucosa intestinale. Le enterotossine hanno un effetto molto marcato sul tratto gastrointestinale, e causano vomito, diarrea e dolore addominale. L'aumentata permeabilità agli ioni cloruro porta perdite nel lume ed è seguita dal movimento di sodio e acqua. Dopo poche ore dall'ingestione di enterotossina si genera una diarrea secretoria. Numerosi e diversi batteri producono enterotossine capaci di creare un simile effetto, fra questi lo Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Vibrio cholerae ed altri.