Tamponamento nasale.
Di riccardo (del 25/02/2014 @ 16:54:02, in Lettera T, visto n. 1121 volte)
Intervento chirur­gico per il trattamento delle emorragie nasali, praticato in caso di epistassi di forte entità. Può essere anteriore o posteriore, a seconda della sede dell'emorragia. Normalmente il tamponamento anteriore viene eseguito in anestesia locale da personale competente dopo aver pulito ed aspirato per bene le fosse nasali applicando poi per per qualche minuto nella fossa nasale sanguinante una cialdina di cotone imbevuto di anestetico locale per procedere al tamponamento vero e proprio che avviene con una garza impregnata di una polvere antisettica (garza iodroformica) e a seconda delle tecniche, può consistere nella introduzione tramite le narici di strisce di garza con l'ausilio di pinzette apposite per farle scorrere lungo il pavimento nasale, per spingerle delicatamente verso l'alto e grazie ad alcuni passaggi queste si stratificano sino a riempire completamente la fossa nasale ottenendo come risultato un tamponamento più o meno profondo a seconda della necessità. Il tamponamento nasale posteriore invece si esegue nelle epistassi che hanno origine dalla parte più alta e posteriore delle fosse nasali, nel quale il professionista partendo con la preparazione di garza apposita dalla dimensione della falange del pollice, che viene introdotta tramite un apposito strumento di gomma nella fossa nasale attraverso attraverso la narice da tamponare che si vuole tamponare per poi recuperarlo dalla bocca al quale viene collegato il tampone che una volta ritirato si posizionerà al suo posto e tenuto in trazione dal tiramento del filo. Mentre il sanguinamento anteriore si può monitorare facilmente, un'insufficiente controllo del tamponamento posteriore sfugge facilmente e un continuo sanguinamento, specie notturno, deve essere tenuto in considerazione.