Malattie pediatriche
Di medicinasalute (del 14/05/2012 @ 14:16:54, in Lettera M, visto n. 708 volte)
Le malattie infettive delle vie respiratorie come tonsilliti, bronchiti, otiti, oltre che alla pertosse sono le più frequenti durante l’infanzia che combaciano con l’accesso nella scuola materna. Successivamente, con il naturale rafforzamento del sistema immunitario, si ha un netta decrescita delle infezioni. Il morbillo, la varicella e la parotite, dette malattie esantematiche, sono patologie diffuse tra i bambini, ma a causa di vaccinazioni sono più limitate; la mononucleosi infettiva è invece caratteristica del periodo adolescenziale. Durante l’infanzia compaiono anche le patologie infiammatorie come la malattia reumatica e le glomerulonefriti post-streptococciche. L’acetone, patologia metabolica, è la malattia più diffusa tra i bambini, a differenza,forme più rare sono il diabete mellito e anche i tumori pediatrici, ma purtroppo non eccezionali come leucemie, neuroblastoma, tumore di Wilms. La sindrome di Down, la spina bifida, le convulsioni febbrili, l’epilessia, le sindromi spastiche da sofferenza fetale, l’anemia da carenza di ferro, lo strabismo e la miopia, sono le principali patologie congenite, mentre tra quelle di interesse chirurgico c’è l’appendicite acuta. La prevenzione di queste patologie comincia in età pediatrica: igiene personale, alimentare, vaccinazioni, aspetti psicologici, scolarizzazione, esercizio fisico, sono tutti fattori che possono portare uno sviluppo psicofisico armonico e promuovere la salute. Le terapie consigliate devono essere seguite con precisione, in particolare il dosaggio degli antibiotici, la durata della cura e i controlli andrebbero rispettati con diligenza.