Urecolina
Di Admin (del 12/01/2012 @ 12:21:18, in Lettera U, visto n. 1326 volte)
Estere della colina nella struttura simile alla acetilicolina di cui possiede parte delle azioni farmacologiche. Viene somministrata per via orale o per via sottocutanea. Produce vasodilatazione, diminuzione della frequenza cardiaca, aumento del tono e della motilità della muscolatura liscia gastrointestinale e delle vie urinarie, stimolazione della secrezione salivare, lacrimale, sudoripara, gastrica (sia di pepsina che di acido cloridrico). Si differenzia dalla acetilcolina in quanto non viene scissa idroliticamente dalle colinesterasi, per cui ha un’azione prolungata. L’azione parasimpaticomimetica è particolarmente forte a livello dell’apparato gastroenterico e della vescica urinaria, per cui il suo impiego è utile nella ipotonia gastrointestinale, nell’ileo paralitico, nella ritenzione urinaria e in tutti i disturbi gastrointestinali in cui si richieda stimolazione del parasimpatico.