Cuore
Di dr.psico (del 08/09/2007 @ 12:29:34, in Lettera C, visto n. 1018 volte)
Il flusso del sangue nell'organismo umano è strutturato secondo un dispositivo a doppia circolazione, imperniato sull'attività del cuore. La piccola circolazione provvede al compito fondamentale di riossigenare il sangue, e ha luogo nei polmoni. La grande circolazione invece convoglia il sangue in tutto il resto del corpo. Il cuore è dunque l'organo deputato alla circolazione del sangue. ╚ un muscolo situato nel mediastino, la cavità fra i polmoni, ed è composto da quattro cavità: atrio destro e sinistro, ventricolo destro e sinistro. La parte destra del cuore è divisa dalla sinistra da un setto. Gli atri occupano la parte superiore dell'organo e comunicano con i rispettivi ventricoli per mezzo delle valvole atrioventricolari (a destra la tricuspide, a sinistra la bicuspide, o mitrale). Atri e ventricoli comunicano poi con il resto dell'organismo mediante una serie di vene e arterie: dal ventricolo destro parte l'arteria polmonare, dal sinistro l'arteria aorta; nell'atrio destro sboccano le vene cave e la grande vena coronarica, nel sinistro le quattro vene polmonari. Si può dunque parlare di una sezione venosa del cuore, quella destra, e di una arteriosa, quella sinistra. I ventricoli hanno pareti più spesse rispetto agli atri, così come l'atrio sinistro rispetto al destro. Inoltre la struttura delle fibre muscolari è differente nelle varie aree cardiache; ad esempio, l'atrio destro presenta i muscoli pettinati, mentre nei ventricoli si hanno formazioni di fascetti di muscoli che hanno inserzioni tendinee a livello delle valvole atrioventricolari. L'epicardio riveste il cuore all'esterno, mentre le cavità interne sono ricoperte dall'endocardio. Il cuore stesso viene irrorato dalle arterie coronariche, che partono dall'aorta. L'attività del cuore viene regolata sia da fattori interni alle fibrocellule del tessuto miocardico specializzato, sia dall'azione del sistema nervoso periferico, che tuttavia agisce solo nella modulazione dell'intensità, della forza e della frequenza delle contrazioni. In particolare, la propagazione delle contrazioni è assicurata dal tessuto di conduzione e da alcune sue strutture: nodo del seno (nell'atrio destro, dà origine all'impulso), nodo atrioventricolare (si trova nel setto che divide gli atri), fascio di His (si diffonde dal setto interventricolare alle pareti muscolari dei ventricoli). Il ciclo cardiaco può essere suddiviso in tre fasi: quella presistolica (gli atri si contraggono e il sangue fluisce da atri a ventricoli), la sistole ventricolare (le valvole atrioventricolari si chiudono e il sangue viene immesso in circolo), e la presistole (fase di riposo del cuore).