Helicobacter pylori, meglio la terapia sequenziale

Revisione italiana mostra la maggiore efficacia del trattamento sequenziale

Keywords | helicobacter, terapia, sequenziale,

Per curare l'infezione da helicobacter pylori è meglio affidarsi alla terapia sequenziale piuttosto che alla “triplice” terapia. A dirlo è una revisione italiana firmata da Angelo Zullo e dai suoi colleghi del Nuovo Regina Margherita di Roma.
Il trattamento sequenziale, basato su 7 giorni di somministrazione di IPP (Inibitori di Pompa Protonica) e amoxicillina e altri 7 giorni di IPP e tetraciclina con diverse posologie, ha mostrato un'efficacia di eradicazione pari al 73,3 per cento, superiore al 63,6 per cento della terapia classica.
Il trattamento sequenziale, basato su 5 giorni di IPP e amoxicillina e altri 5 con IPP e levofloxacina, ha mostrato un'eradicazione complessiva del 95,8 per cento quando il chinolonico è stato utilizzato a 500 mg bid e del 90% alla posologia di 250 mg bid. Si tratta di numeri superiori alla terapia sequenziale standard e alla “triplice” non sequenziale.
Da ciò emerge la maggiore efficacia di levofloxacina somministrata in maniera sequenziale dopo un primo periodo di PPI + amoxicillina rispetto alla terapia classica.
La revisione si basa tra l'altro su un precedente trial clinico che ha coinvolto un totale di mille pazienti. I ricercatori hanno sperimentato le due terapie su pazienti dispeptici con infezione da Helicobacter.
Metà è stata trattata con terapia sequenziale: cinque giorni con rabeprazolo (20 mg) e amoxicillina (1 g), somministrati due volte al giorno e cinque giorni con rabeprazolo (20 mg), claritromicina (500 mg) e tinidazolo (500 mg), somministrati due volte al giorno.
L'altra metà dei pazienti seguiva la classica tripla terapia: rabeprazolo (20 mg), claritromicina (500 mg) e amoxicillina (1 g), somministrati due volte al giorno per sette giorni. Dopo la cura, le analisi sulla presenza dell'Helicobacter (test dell'ureasi e del 13C nell'aria espirata) hanno indicato che la cura sequenziale dava un 95% di successo. Una percentuale significativamente migliore rispetto alla terapia standard, in cui l'eradicazione del batterio veniva ottenuta solo nel 77% dei pazienti.
I ricercatori fanno anche notare che entrambe le terapie provocavano pochi effetti collaterali, di lieve entità. E le percentuali di pazienti che interrompeva la cura a causa dei disagi erano simili nei due gruppi (inferiori al 10%).
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
30/11/2012



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

In vacanza con i bambini nei paesi esotici  315975
Consigli, profilassi, terapie e vaccini per prevenire le malattie infettive

Gonartrosi, cos'è e come si cura  64977
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

La morte improvvisa fra i bambini si può prevenire  57619
Lo screening in età pediatrica può salvare delle vite

L'emiblocco anteriore sinistro all'ECG è marker di rischio  47306
Più probabili fibrillazione atriale ed insufficienza cardiaca congestizia

Come superare la depressione post separazione  46249
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

L'acido ialuronico per il naso chiuso  45164
Aiuta a ridurre la congestione nasale

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante