Il talidomide aiuta in caso di Crohn

Effetto positivo nei confronti di bambini e adolescenti

Keywords | talidomide, Crohn, sintomi,
Chiedi al medico!

Il talidomide è irrimediabilmente legato alla triste vicenda dei bambini nati malformati alla fine degli anni cinquanta a causa dell'assunzione di questo farmaco, prescritto allora per alleviare la nausea in gravidanza.
Tuttavia, il medicinale continua ad essere studiato e rivela anche lati positivi. Una ricerca pubblicata su Jama da scienziati dell'Istituto per la salute materno-infantile di Trieste ha segnalato il potenziale effetto benefico del farmaco nei bambini affetti da malattia di Crohn che non rispondono ai trattamenti comuni.
Secondo lo studio firmato da Marzia Lazzerini, talidomide permette una remissione clinica maggiore dopo due mesi di terapia rispetto al placebo.
Spiega la dott.ssa Lazzerini: “ben 1,2 milioni di persone in Europa hanno la malattia di Crohn, un'infiammazione cronica del sistema digestivo”. Nel 25 per cento dei casi si tratta di giovani pazienti, con sintomi in genere più gravi rispetto agli adulti. Inoltre, fra bambini e adolescenti la resistenza e l'intolleranza alla cura sono comuni e nel 18 per cento dei casi si rende necessario l'intervento chirurgico.
Lo studio, che si è svolto fra il 2008 e il 2012 in 6 centri pediatrici italiani, ha coinvolto 56 bambini, alcuni dei quali hanno assunto talidomide e altri placebo, una volta al giorno per 8 settimane. I ricercatori si sono serviti del Pediatric Crohn Disease Activity Index per valutare l'efficacia o meno della terapia. Stando ai dati, la riduzione del parametro era maggiore del 75 per cento alla quarta e all'ottava settimana, il che equivale a una remissione clinica della malattia. Chi ha risposto in maniera positiva al talidomide ha continuato con la terapia per altre 52 settimane.
“La remissione clinica è stata raggiunta da 13 su 28 bambini trattati con talidomide, il 46,4%, contro i tre su 26, 11,5%, del gruppo placebo”, spiega Lazzerini. In conclusione, dei 49 bambini trattati con talidomide, 32, cioè il 63,3 per cento, hanno raggiunto la remissione clinica completa.
La durata media della remissione clinica è stata di 181 settimane nel gruppo talidomide e di sole 6,3 nel gruppo placebo.
“I risultati sono promettenti, ma servono ulteriori studi di conferma per determinare in via definitiva l'utilità del trattamento”, conclude Lazzerini.
http://www.italiasalute.it/Gastroenterologia.asp Domanda al medico specialista gratis

Arturo Bandini
02/12/2013

Condividi la notizia Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Vota su Wikio Salva su OKNO Salva su Delicius Invia ad un amico My Web Yahoo
Commenta con facebook Facebook box

Più lette

In vacanza con i bambini nei paesi esotici  609923
Consigli, profilassi, terapie e vaccini per prevenire le malattie infettive

La morte improvvisa fra i bambini si può prevenire  81322
Lo screening in età pediatrica può salvare delle vite

Gonartrosi, cos'è e come si cura  60593
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

Celiachia, informazioni e un menu ad hoc  49107

Come superare la depressione post separazione  40684
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Coxartrosi, cos'è e come si cura  37903
I rischi legati alla coxartosi e le nuove tecniche chirurgiche mininvasive

Ebola, primi risultati positivi dal vaccino italiano  37616
Il prodotto si rivela efficace sulle scimmie e sicuro per gli uomini

Calazio, cosa è e come si cura  36294
Come guarire e dove curarsi

La dieta del supermetabolismo  34298
Regime alimentare che promette di far perdere 10 chili in 4 settimane

Il cerotto anticoncezionale: confronto con la pillola   31131

Lo zucchero è un killer per il cuore  28853
Pericoloso quanto il tabacco

Scoperto come far morire di fame il cancro  28249
Individuato un bersaglio terapeutico promettente

Attenti al grande freddo  28154
Come evitare influenza e malanni muscolari

Nuova cura per prostatiti e malattia di Peyronie  26293
Induratio penis plastica, colpisce 1 uomo su 100 ma la chirurgia si può evitare

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute Seguimi su Libero Mobile Avvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante