Fertilità a rischio per il telefonino

Compromessa la capacità riproduttiva con un uso eccessivo

Sterilit%C3%A0_10169C.jpg
Keywords | fertilità, telefonini, spermatozoi,

Da diversi anni si dibatte sui rischi per la salute derivanti dall’esposizione alle onde elettromagnetiche, in particolare a quelle emesse dai telefoni cellulari, sempre più alla portata di adulti e adolescenti soprattutto nei paesi occidentali.
Uno dei temi di particolare interesse è legato all’influenza sulla qualità dello sperma e quindi alla compromissione della capacità riproduttiva. Uno studio recentemente condotto da esperti dell’Università di Catania e pubblicato sulla rivista internazionale Journal of Andrology analizza diverse ricerche realizzate su animali ed esseri umani per osservare gli effetti sulla capacità riproduttiva che possono essere determinati dall’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche dei telefoni cellulari.
“La comunità scientifica continua a riflettere sulle conseguenze negative delle onde elettromagnetiche, soprattutto alla luce della sempre maggiore diffusione dell’utilizzo dei telefoni cellulari nelle popolazioni occidentali e alla contemporanea riduzione della fertilità – spiega Pirozzi Farina – Nella nostra penisola, dagli anni '70 ad oggi, i maschi hanno visto diminuire il numero di spermatozoi: in un millilitro di sperma si è passati da 71 milioni a 60 milioni. E se trent'anni fa uno spermatozoo su due era mobile, ora lo è appena il 30%. Un problema fertilità dunque esiste, ma è importante fare chiarezza su quelli che possono essere considerati elementi e sostanze realmente pericolose per la salute generale e sessuale, così da non creare inutili allarmismi”.
I danni causati dalle radiazioni dei cellulari, attraverso ipertermia e stress ossidativo, vengono principalmente localizzati nelle cellule di Leydig, nei tubuli seminifere e negli spermatozoi. L’esposizione riduce in particolare la biosintesi del testosterone, compromette la spermatogenesi e danneggia il DNA dello sperma. “La prima raccomandazione da fare è di evitare di tenere il cellulare nella tasca dei pantaloni – aggiunge Pirozzi Farina - Lo stesso accorgimento deve essere preso con altri apparecchi, quando ad esempio si utilizza il computer portatile poggiandolo sulle gambe. Altrettanto importante è contenerne l’utilizzo. Alcuni studi, infatti, evidenziano come il grado di danneggiamento dello sperma sia direttamente collegato al tempo di esposizione alle radiazioni elettromagnetiche. Entrambe queste cattive abitudini possono determinare ipertermia e stress ossidativo”.
Le conseguenze sono riscontrabili sia nella mobilità che nella morfologia degli spermatozoi. L’incremento dello stress ossidativo, inoltre, danneggia la membrana lipidica e il DNA degli spermatozoi. “Si tratta di alterazioni che sembrano essere direttamente connesse all’utilizzo prolungato del telefono cellulare. Ad oggi, però, non esistono studi così approfonditi da decretare l’interferenza negativa sulla funzione riproduttiva. Esistono, invece, evidenze su altri fattori di rischio per la riproduzione, quali ad esempio l’inquinamento ambientale. Piombo, ossido di carbonio e polveri sottili si accumulano nei testicoli con effetti sul liquido seminale. Lo provano studi condotti su chi è molto esposto, come i vigili urbani o i casellanti” - conclude Pirozzi Farina. Diversi studi, inoltre, mostrano come negli uomini che vivono nei grandi centri urbani, in aree inquinate da rifiuti industriali o zone agricole dove si fa uso di pesticidi, gli spermatozoi sono meno mobili del 20% rispetto a quelli di chi abita nelle piccole città.
Per favorire una maggiore informazione in campo andrologico e diffondere una cultura preventiva, la Società Italiana di Andrologia, da sempre impegnata sul fronte della divulgazione e della prevenzione, oltre alla Settimana della Prevenzione Andrologica, iniziativa giunta nel 2011 all’11° edizione, distribuisce gratuitamente in tutte le farmacie italiane a partire da novembre il magazine “Io Uomo”, la prima testata dedicata all’informazione, educazione e prevenzione andrologica. Nella rivista, grazie alla collaborazione con i più importanti specialisti andrologi italiani, il lettore potrà trovare informazioni utili e sempre attuali sui più importanti temi relativi alla sfera sessuale e riproduttiva in tutte le età della vita, dal bambino all’anziano, quali disturbi dell’eiaculazione e dell’orgasmo, problemi di erezione, malattie sessualmente trasmissibili ed infezioni sessuali, infertilità.
Domanda al medico specialista gratis


20/01/2012



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  98540
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ogni malattia ha il suo odore  46643
Alito, sudore e urine indicano la presenza o meno di patologie

Come superare la depressione post separazione  43234
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Psicologia dell’uomo che non vuole impegnarsi  42862
Narcisismo e incapacità di amare

Sciroppo e sprite, la nuova droga si chiama Purple Drank  42215
Noto anche come Sizzurp, il miscuglio assicura lo sballo a prezzi modici

Maculopatia, dispositivo biodegradabile per curarla  41215
Iniettabile nella camera posteriore dell’occhio

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.