Un nuovo farmaco per la schizofrenia

Bitopertin riduce i sintomi della patologia

Keywords | schizofrenia, bitopertin, glicina,

Per contrastare i sintomi negativi della schizofrenia è in arrivo un nuovo farmaco, bitopertin, sviluppato da Roche e Chugai. Si tratta di un farmaco orale, la cui sigla è RG1678, che inibisce il trasportatore di tipo 1 della glicina, alla base dell'aumento dei livelli del neurotrasmettitore glicina attraverso la sua ricaptazione dalla fessura sinaptica.
La glicina agisce come un co-agonista, insieme al glutammato, dei recettori NMDA. La disfunzione dei recettori NMDA può giocare un ruolo chiave nella patogenesi della schizofrenia e nella modulazione della segnalazione glutammatergica. L’aumento della concentrazioni di glicina nella fessura sinaptica può essere di aiuto nel potenziare la funzione del recettore NMDA e migliorare i sintomi della schizofrenia.
In uno studio di fase II proof-of-concept i pazienti trattati con bitopertin hanno sperimentato un significativo miglioramento nel cambiamento della scala per la valutazione dei sintomi negativi dal basale entro 8 settimane (da -4,6 nel gruppo placebo a -6,65 nel gruppo di trattamento, p <0,05 , popolazione per-protocol). Inoltre, l'83% dei pazienti trattati con bitopertin ha descritto un miglioramento dei sintomi negativi sulla CGI-I1 vs 66% nel gruppo placebo (p <0.05, popolazione per-protocol).
I dati hanno mostrato una riduzione clinicamente significativa dei sintomi negativi della schizofrenia, accompagnati da cambiamenti positivi nel funzionamento personale e sociale dei pazienti. Lo studio ha misurato miglioramenti nei pazienti con sintomi prevalentemente negativi della schizofrenia che hanno ricevuto bitopertin in combinazione con antipsicotici di seconda generazione.
Sono attualmente in corso sei studi di fase III che hanno arruolato circa 3600 pazienti e che saranno completati nel 2015. Secondo alcuni opinion leader intervistati da Decision Resources, con il suo nuovo meccanismo d’azione, bitopertin potrebbe essere un’opzione efficace contro i sintomi negativi della schizofrenia e dovrebbe essere utilizzato come terapia aggiuntiva ai farmaci già disponibili per la patologia. Inoltre, il medicinale non sembra interferire con le terapie attuali per la schizofrenia. C'è quindi molta attesa nei confronti del farmaco tra gli specialisti impegnati nella lotta alla schizofrenia. La schizofrenia colpisce circa lo 0,3-0,7% delle persone ad un certo punto della loro vita. Ciò corrisponde a 24 milioni di persone in tutto il mondo.
Essa si verifica 1,4 volte più frequente nei maschi rispetto alle femmine e di solito appare prima negli uomini. L'età di picco di insorgenza è tra i 20 e i 28 anni per i maschi e tra i 26 e i 32 anni per le femmine.
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
09/09/2013



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  50768
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Gonartrosi, cos'è e come si cura  25928
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

Dapoxetina contro l’eiaculazione precoce  25604
Il primo e unico farmaco orale contro una delle più comuni disfunzioni sessuali

Come superare la depressione post separazione  25211
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Un avatar cura schizofrenia e depressione  25078
Alter ego virtuale come cardine di terapie innovative

Ospedale italiano leader mondiale per i tumori al fegato  24654

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante