Il wireless mette ko gli spermatozoi

I dispositivi senza fili pregiudicano la qualità del liquido seminale

Sterilit%C3%A0_10418C.jpg
Keywords | fertilità, spermatozoi, wi-fi,

Mentre la comunità scientifica si interroga ancora sulla possibilità che i dispositivi wireless possano favorire il cancro, una ricerca spagnola mette in guardia sull'influenza negativa delle nuove tecnologie rispetto alla fertilità maschile.
Secondo uno studio della Nascentis Medicina Reproductiva di Cordoba, infatti, il wireless pregiudica la qualità del liquido seminale influenzando la capacità fecondativa dell'uomo. Per dimostrarlo, i ricercatori iberici hanno prelevato campioni di sperma da un gruppo di volontari senza problemi di salute, applicandone alcune gocce sotto a un computer portatile connesso a internet tramite il wi-fi. Dopo quattro ore, il controllo degli scienziati ha appurato che il 25 per cento degli spermatozoi risultava immobile, mentre la percentuale scendeva al 14 per cento nel campione di controllo posto a distanza di sicurezza dal laptop.
Non solo; il 9 per cento degli spermatozoi presentava danni genetici, una percentuale tre volte maggiore rispetto al campione di controllo. La causa, stando alla tesi dei ricercatori spagnoli, è da attribuire alle radiazioni elettromagnetiche prodotte dagli strumenti senza fili: “i nostri dati suggeriscono che l'uso di un computer portatile connesso in modalità wireless a Internet e posizionato vicino agli organi riproduttivi maschili può ridurre la qualità dello sperma umano", spiega Conrado Avendano, coordinatore della ricerca.
I medici, che hanno pubblicato il loro lavoro sulla rivista di settore Fertility and Sterility, hanno successivamente effettuato un test utilizzando un pc portatile ma connesso via cavo, verificando in questo caso l'assenza di compromissioni significative del liquido seminale.

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
30/11/2011



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

La crisi mette a rischio la salute  57833
Il consumo di cibi sani diminuisce, si alza quello degli antidepressivi

Cancro alla vescica, perché la cura funziona solo su alcuni  56275
Scoperto il meccanismo di azione della mitomicina C

Alzheimer, donanemab rallenta il declino cognitivo  56268
Risultati positivi per il farmaco in sperimentazione

Rifamicina per la sindrome dell’intestino irritabile  56261
Indicata nei pazienti con diarrea predominante

Contagi e decessi stabili, ancora in calo i ricoveri  56142
Ormai nel pieno della seconda ondata. Rimanete a casa, è ora di capirlo

Lupus, efficace daratumumab  55894
Opzione per i pazienti che non rispondono alla terapia standard

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.