Figli di due mamme

Ricercatori fanno nascere topi con Dna di due donne

Varie_12989C.jpg
Keywords | dna, embrioni, cellule,

Fra qualche decina di anni è probabile che gli uomini non serviranno più per la riproduzione. Una storica ricerca dell’Accademia Cinese delle Scienze di Pechino, pubblicata su Cell Stem Cell, ha fatto nascere per la prima volta dei topolini sani sfruttando esclusivamente Dna femminile.
I topi sono cresciuti e a loro volta hanno avuto figli sani e fecondi. Gli scienziati, guidati da Qi Zhou, hanno eliminato sequenze chiave del Dna da cellule staminali embrionali (aploidi) prelevate da topi femmina, fondendole poi con una cellula uovo per fecondarle.
Per farlo, gli scienziati hanno dovuto mettere mano a complesse tecniche di editing genetico, affinché in pratica le cellule riuscissero a mimare il comportamento degli spermatozoi.
Dei 210 embrioni prodotti, soltanto 29 hanno dato vita a dei topolini, che a loro volta hanno originato prole feconda che si è riprodotta in maniera naturale. Il team ha provato a replicare il procedimento utilizzando però solo Dna maschile, ma in questo caso senza successo. I topolini nati da materiale genetico maschile sono infatti morti dopo qualche giorno.
"Si tratta di uno studio interessante e tecnicamente molto raffinato, che ci permette di identificare le parti del genoma materno e paterno che contribuiscono al corretto sviluppo dell'embrione", ha dichiarato all'Ansa il professor Carlo Alberto Redi, direttore del Laboratorio di Biologia dello Sviluppo dell'Università di Pavia. "Questo ci aiuterà a capire cosa va storto nelle patologie dello sviluppo perinatale e in che modo influiscono i fattori ambientali: si potranno avere applicazioni utili sia nella medicina riproduttiva umana sia in campo veterinario, per aumentare la produttività degli allevamenti".
“La maggior parte – se non tutti – degli embrioni che hanno creato erano anormali e non potevano sopravvivere”, ha dichiarato Jacob Hanna, un genetista molecolare presso l'Istituto di scienza Weizmann, in Israele.
Stesso scetticismo anche da parte del prof. Allan Spradling, biologo dello sviluppo presso la Carnegie Institution for Science di Baltimora: “Non penso che la tecnica porterà a persone che dal punto di vista genetico hanno due madri o due padri come una cosa di routine. Non la capiamo abbastanza bene, e potrebbe essere troppo rischioso portarla così lontano”.
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
12/10/2018



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  88788
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ogni malattia ha il suo odore  36824
Alito, sudore e urine indicano la presenza o meno di patologie

Come superare la depressione post separazione  34590
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Parto prematuro, come ridurne di un terzo i casi  34220
Presentate le nuove indicazioni terapeutiche

Dapoxetina contro l’eiaculazione precoce  34129
Il primo e unico farmaco orale contro una delle più comuni disfunzioni sessuali

Gonartrosi, cos'è e come si cura  33537
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.