Infarto, un marchio nel sangue

Individuato nuovo marcatore genetico da ricercatori italiani

Varie_12922C.jpg
Keywords | infarto, sangue, marcatore,

Un team di ricerca dell’Università di Tor Vergata, a Roma, ha scoperto un nuovo marcatore genetico dell’infarto. Lo studio, pubblicato su Plos One, segnala la presenza nel sangue di chi rischia un infarto di una sorta di “marchio”.
«Non è il primo biomarcatore dell'infarto finora identificato ma è il più importante. Consente, infatti, di individuare in un gruppo di soggetti a rischio quelli a rischio più elevato e che necessitano, pertanto, di interventi terapeutici e preventivi immediati», spiega Giuseppe Novelli, rettore dell'Università di Tor Vergata e tra gli autori principali del lavoro di ricerca.
Allo studio hanno partecipato pazienti con malattia coronarica stabile e pazienti con malattia coronarica instabile, cioè senza e con infarto, allo scopo di individuare le varianti molecolari da usare come biomarcatori.
Gli scienziati si sono serviti in particolare dei microRna, molecole che agiscono da interruttori e controllano processi biologici come la proliferazione cellulare, il metabolismo dei grassi, lo sviluppo di tumori.
L’analisi molecolare ha permesso di identificare il comportamento anomalo di miR-423, molecola che nei pazienti con malattia coronarica dopo l’infarto presentava livelli molto bassi rispetto a chi aveva una malattia coronarica stabile.
«Già oggi - spiega Novelli - vengono utilizzati algoritmi in grado di identificare le persone a rischio di infarto, basati su dati genetici, clinici e comportamentali. Il nuovo marcatore individua un sottogruppo di soggetti ancora più a rischio e può tradursi, nel giro di poco tempo, in un test clinico predittivo da effettuare come screening durante le visite cardiologiche o come test di laboratorio da effettuare nei soggetti che arrivano al pronto soccorso con sospetto di infarto».
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
15/05/2019



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

Emicrania con aura, scoperta una mutazione genetica  57860
Origine genetica per questa forma di mal di testa

33.072 morti. L'Italia prova a ripartire  55637
Nuove disposizioni mentre la curva rallenta

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  52402
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Dagli States arriva il Woga  50025
Yoga in acqua per rilassarsi

Tumore della pelle, cemiplimab efficace  49543
Risposte significative dai pazienti con tumore avanzato

Dal lama una cura per Covid-19?  49246
Nel sangue dell’animale anticorpi utili a evitare l’infezione

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.