Distrofia muscolare, scoperte cellule che aiutano i muscoli

Evitano l’indebolimento muscolare e rallentano la malattia

Malattie ereditarie_14350C.jpg
Keywords | distrofia, muscoli, cellule,

Nella distrofia muscolare i pazienti perdono progressivamente la capacità di utilizzare i muscoli e quindi di compiere i movimenti, persino quelli più elementari.
Questo accade perché i muscoli danneggiati dalla malattia vanno incontro alla formazione di 'cicatrici' (fibrosi muscolare) che riducono l'elasticità e la capacità di contrarsi, e si riempiono di cellule adipose, vero e proprio grasso che si infiltra e a sua volta ostacola il movimento. Ora un nuovo studio ha scoperto che nelle persone sane esiste una popolazione di cellule del muscolo che impedisce l’accumulo di questo grasso: un risultato che migliora la conoscenza della patologia e che potrebbe aprire la strada a un possibile trattamento per le distrofie muscolari.
Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Cell Reports, nasce da una collaborazione tra il gruppo di ricerca dell’Università di Leuven diretto Maurilio Sampaolesi e i ricercatori guidati da Yvan Torrente, responsabile del Laboratorio di Cellule Staminali del Centro Dino Ferrari, al Policlinico di Milano – Università degli Studi di Milano. “In questo studio – spiega il professor Torrente – abbiamo evidenziato una popolazione cellulare del muscolo scheletrico sano che è in grado di inibire la formazione di grasso: queste cellule sono quasi totalmente assenti nei muscoli distrofici”.
La distrofia muscolare di Duchenne è la più grave tra le distrofie muscolari ed è causata da mutazioni del gene della distrofina. È caratterizzata da una degenerazione progressiva e irreversibile del tessuto muscolare scheletrico, compresi i muscoli respiratori e del cuore: per questa malattia non esiste al momento nessuna cura efficace. Il tessuto muscolare degenerato viene sostituito dalla fibrosi e dal tessuto adiposo, indebolendo i movimenti e portando a numerosi problemi, sia nella deambulazione sia nella perdita dell’autonomia.
“Diversi studi avevano messo in evidenza le proprietà rigenerative delle cellule staminali muscolari - prosegue Torrente – ma il loro ruolo nella sostituzione adiposa dei muscoli distrofici rimane ancora da chiarire. Con la nostra ricerca abbiamo analizzato l’RNA di singole cellule per trovare le eventuali differenze tra quelle isolate da muscoli di persone sane e quelle di pazienti con distrofia muscolare. I risultati ci hanno permesso di identificare delle cellule in grado di regolare la formazione di grasso nel muscolo scheletrico: questo – conclude l’esperto - migliora la nostra conoscenza sulle cause della sostituzione adiposa presente nei muscoli distrofici e apre la strada a nuovi trattamenti in grado di contrastare la degenerazione in pazienti con distrofia muscolare”.

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
20/05/2020



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  165744
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Arriva il lifting del sopracciglio  128027
Ultima novità in fatto di tecniche mininvasive di chirurgia estetica

16 decessi, casi in calo  122904
Segnali di ripresa nella circolazione del virus

I consigli per combattere il caldo  106332
Superare l'afa grazie ai suggerimenti del ministero

Un test per evitare la gastroscopia  95466
Diagnosi con un test ematologico in caso di dispepsia funzionale

Il laser che ferma la maculopatia senile  75419
Ha dimostrato di rallentare la progressione della malattia

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.