La cannella migliora la memoria e cura il Parkinson

Proprietà neuroprotettive evidenti per la spezia

Parkinson_12925C.jpg
Keywords | Parkinson, cannella, cervello,

La natura ci offre una nuova opzione terapeutica per migliorare la memoria e trattare una malattia grave come il Parkinson. Si tratta della cannella che, secondo uno studio del Rush University Medical Center di Chicago, avrebbe la capacità di invertire le alterazioni biochimiche e cellulari che caratterizzano il cervello dei topi con capacità di apprendimento limitate.
Lo studio, pubblicato sul Journal of Neuroimmune Pharmacology, è stato coordinato dal dott. Kalipada Pahan, che spiega: «Se questi risultati venissero replicati anche sugli esseri umani con le stesse caratteristiche, sarebbe un notevole passo in avanti».
Nell'ippocampo dei soggetti con difficoltà di apprendimento vi sarebbero livelli meno elevati di Creb, una proteina coinvolta nei processi mnemonici, e più subunità alfa-5 di recettori Gabaa (Gabra5, le proteine che generano segnali inibitori).
Nel corso della sperimentazione, i topi hanno assunto cannella in polvere. Una volta nell'organismo, la spezia viene metabolizzata in benzoato di sodio, sostanza chimica impiegata come farmaco in caso di danni cerebrali. Arrivato nel cervello dei topi, il benzoato di sodio ha aumentato i livelli di Creb, ridotto quelli di Gabra5 e stimolato la plasticità neuronale dell'ippocampo. Il risultato è stato un miglioramento chiaro delle capacità mnemoniche e di apprendimento.
Lo stesso team di ricerca ha anche scoperto un effetto positivo della spezia in caso di Parkinson. In questo caso, il benzoato di sodio previene la perdita delle proteine Parkin e DJ-1, che nei soggetti affetti da Parkinson sono carenti.
La sostanza, inoltre, protegge i neuroni, normalizza i livelli dei neurotrasmettitori e migliora le funzioni motorie. Secondo il dott. Floyd A. Davis, un altro ricercatore dell'ateneo statunitense, la cannella potrebbe effettivamente essere utilizzata per ostacolare la progressione della malattia.
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
14/07/2016



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  28238
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

In vacanza con i bambini nei paesi esotici  21708
Consigli, profilassi, terapie e vaccini per prevenire le malattie infettive

Alzheimer, ecco cosa succede alla proteina Tau  20784
Scoperta fondamentale per la messa a punto di nuovi farmaci

Nuovo farmaco per la sclerosi laterale amiotrofica  20579
Approvato e disponibile in Italia Radicut

Ocrelizumab, nuovo farmaco per la sclerosi multipla  19781
L'efficacia di Ocrelizumab e del suo meccanismo d'azione

Obesità, diabete e cancro al seno: la firma genetica è una  19771
Ricercatori italiani svelano il nesso comune alle tre malattie

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante