Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2113

Risultati da 881 a 890 DI 2113

28/02/2013 Nuova scoperta sulle ragioni di una fame esagerata

Appetito regolato da cellule del midollo osseo
Una scoperta degli scienziati del Baylor College of Medicine potrebbe gettare nuova luce sui meccanismi che regolano l'appetito. La ragione per cui alcuni hanno più fame di altri e quindi rischiano maggiormente di divenire obesi risiederebbe nelle cellule del midollo osseo, che producono un fattore eutrofico derivato dal cervello (Bdnf), legato alla regolazione dell'appetito. Le cellule, viaggiando verso l'ipotalamo, stabiliscono così il livello di fame di ogni organismo.
La ricerca, ... (Continua)

28/02/2013 Studio individua un polimorfismo utile a predire l'efficacia di un trattamento
Alterazione genetica aiuta la chemio in caso di leucemia
Un team di ricerca dell'Università del Minnesota ha scoperto una variante genetica che aumenta l'efficacia del trattamento chemioterapico in caso di leucemia mieloide acuta. Il risultato, pubblicato su Clinical Cancer Research, aiuta a delineare quelle situazioni in cui gli agenti antileucemici potrebbero o meno esercitare la propria efficacia.
Nello specifico, i ricercatori americani hanno studiato gli effetti di un polimorfismo ereditario della proteina CD33, presente nella maggior parte ... (Continua)
27/02/2013 Caso di trapianto del polmone senza trasfusione negli Stati Uniti

Trapianti senza trasfusioni meno difficili
Una strada alternativa per trapianti senza trasfusioni. È il messaggio che arriva dagli Stati Uniti, dove il chirurgo Scott Scheinin dell'Ospedale Metodista di Houston ha operato una paziente affetta da sarcoidosi, malattia infiammatoria che produce danni irreversibili ai polmoni.
Per via della sua fede religiosa (Testimone di Geova), la donna non accettava l'idea della trasfusione e quindi aveva il 50 per cento di possibilità di sopravvivere un altro anno senza trapianto. Dopo una serie di ... (Continua)

27/02/2013 Per la diagnosi presentato nuovo marcatore

Radioterapia mirata per il tumore alla prostata
Grazie a sole 5 sedute di radioterapia il tumore alla prostata può essere sconfitto. È ciò che propone il centro di radioterapia Arc dello Ieo, che ha messo a punto un tipo di trattamento definito “give me five”, una radioterapia mirata al tumore prostatico che consiste in un ciclo di 5 sedute, nelle quali vengono somministrati al paziente 7 Gy al giorno (Gy è l'unità di misura della dose assorbita di radiazione) fino a 35 Gy, biologicamente equivalente a circa 84 Gy con un frazionamento di ... (Continua)

25/02/2013 Fra i bambini nati con parto naturale un'incidenza inferiore

Il parto cesareo aumenta le allergie
Naturale è meglio, anche se si tratta di partorire. A dirlo è una ricerca dell'Henry Ford Hospital che segnala come il parto cesareo aumenti l'incidenza delle allergie fra i bambini nati grazie a tale tecnica a partire dai due anni in poi.
La ricerca, firmata da Christine Cole Johnson, dimostra come i neonati dati alla luce con il parto cesareo abbiano una possibilità cinque volte maggiore di sviluppare allergie durante l'infanzia rispetto alla media dei bambini nati in maniera ... (Continua)

22/02/2013 Gli integratori per l'osteoporosi possono diventare pericolosi

Troppo calcio aumenta il rischio di ischemia
Assumere troppo calcio può trasformarsi in un rischio e aumentare la mortalità dovuta a casi di ischemia. A determinarlo è una ricerca dell'Università di Uppsala, in Svezia, pubblicata sul British Medical Journal.
Il coordinatore dello studio Karl Michaëlsson, professore presso l'ateneo svedese, spiega: “un elevato apporto di calcio viene spesso consigliato per il ruolo fondamentale che l'elemento svolge nell'organismo”, in particolare per la prevenzione dell'osteoporosi.
Tuttavia, questo ... (Continua)

22/02/2013 Coagulazione del sangue come parametro per scovare deficit mnemonici

Problemi di memoria se il sangue coagula troppo in menopausa
Durante la menopausa un test del sangue potrebbe rivelare una maggior tendenza a incorrere in problemi di memoria. A dirlo è una ricerca della Mayo Clinic pubblicata su Neurology. Stando agli esiti dello studio, una tendenza più sviluppata alla coagulazione del sangue può segnalare un aumento del rischio di ictus e di danni al cervello, ma anche di deficit di memoria nelle donne che hanno superato i 45 anni.
Nello specifico, la ricerca ha sottolineato la correlazione fra coagulazione del ... (Continua)

21/02/2013 Nessuna relazione fra le due patologie
Nuovo studio smentisce nesso fra sclerosi multipla e Ccsvi
Nella consueta alternanza fra studi a favore e studi contro una possibile associazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, stavolta è il turno di una ricerca “scettica”. Secondo quanto emerso da una sperimentazione condotta dal Centro Sclerosi Multipla del reparto di Neurologia dell'Ospedale Maria Vittoria di Torino, infatti, non vi sarebbe alcuna correlazione tra la malattia autoimmune e la condizione patologica individuata dal dott. Paolo ... (Continua)
15/02/2013 Molecola riattiva le funzioni mitocondriali nei pazienti affetti dalla sindrome
Dalla natura una speranza per le persone Down
Sono trascorsi più di 50 anni dall’individuazione della causa genetica della sindrome di Down (Ds), ovvero la presenza di una terza copia del cromosoma 21, ma i meccanismi molecolari mediante i quali tale alterazione genetica produce il quadro clinico della malattia sono ancora poco chiari.
Di certo, nei pazienti aumenta lo stress ossidativo ed è fortemente compromessa la funzionalità mitocondriale, cause determinanti del deficit cognitivo associato a questa sindrome.
È però possibile ... (Continua)
15/02/2013 Ma una scoperta sui meccanismi cellulari può portare a nuove cure

La malattia di Cushing mette a rischio il cuore
La malattia di Cushing aumenta le probabilità di insorgenza di cardiopatie e il numero di decessi a causa di crisi cardiache anche sul lungo periodo. A dirlo è una ricerca condotta dal Mount Sinai Medical Center e pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.
La ricerca mostra come il rischio rimanga alto anche a distanza di tempo, se il paziente è stato esposto a livelli eccessivi di cortisolo. “più il paziente è stato esposto all'eccesso di cortisolo e più era anziano al ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale