Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2113

Risultati da 851 a 860 DI 2113

11/04/2013 Al via studio sul trattamento della paralisi sopranucleare progressiva (psp)

Staminali per curare la forma più grave di Parkinson
È stato autorizzato l'avvio di una sperimentazione che prevede l'utilizzo delle cellule staminali per il trattamento della Paralisi Supranucleare Progressiva (PSP), uno dei parkinsonismi più gravi.
L'Istituto Superiore di Sanità ha autorizzato il progetto di ricerca finanziato dalla Fondazione Grigioni e realizzato grazie al lavoro della Fondazione Ca' Granda Policlinico di Milano.
“Su richiesta dell’Istituto Superiore di Sanità, lo studio ha recentemente preso il via con una prima fase ... (Continua)

10/04/2013 L'importanza della precocità nell'approccio al trapianto

Un parametro per la buona riuscita del trapianto di fegato
In caso di trapianto in genere, e di quello al fegato in particolare, è fondamentale agire nel più breve tempo possibile. La sopravvivenza dell’organo e quella del paziente trapiantato, nel caso del trapianto di fegato, sono infatti strettamente correlati al MELD del paziente nel momento in cui arriva al trapianto.
Il MELD (Model for End stage Liver Disease), è un punteggio per definire la gravità di un’epatopatia in fase terminale, in vista della pianificazione di un trapianto di fegato; ... (Continua)

09/04/2013 Effetto evidente sul controllo della glicemia

L'aceto previene il diabete
Sono diversi gli studi che incoraggiano l'uso dell'aceto, alimento associato a vari effetti benefici, fra cui proprietà antitumorali e di contrasto sulle riserve di grasso. Ma c'è un altro effetto che appare ancora più evidente, quello sui livelli di glicemia.
Uno studio pubblicato su Diabetes Metabolism Journal da alcuni ricercatori dell'Università di Seul ha analizzato su modello animale l'effetto della sostanza, verificando come nelle cavie sottoposte a dieta a elevato contenuto di ... (Continua)

09/04/2013 È la sostanza che crea problemi quando si mangia carne rossa

La carnitina della carne rossa fa male al cuore
Troppa carne rossa fa male, si sa, ma ora abbiamo un imputato preciso, la carnitina. È questa sostanza, secondo una recente ricerca della Cleveland Clinic Foundation, a determinare problemi per il nostro organismo.
La ricerca coordinata dal dott. Stanley Hazen e pubblicata su Nature Medicine ha individuato nella L-carnitina l'aspetto più preoccupante legato al consumo di carne rossa, spesso associato all'insorgenza di patologie cardiovascolari, cancro e obesità. Secondo i ricercatori ... (Continua)

05/04/2013 18:00:52 Confermate le raccomandazioni che consigliano di aumentarne l'assunzione
Il rischio di ictus è ridotto da una dieta ricca di fibre
Ridurre il rischio di ictus non è un obiettivo di secondo piano. «Nel complesso, i nostri dati supportano le raccomandazioni dietetiche che consigliano di aumentare l'assunzione di fibre alimentari totali» afferma Diane Threapleton, ricercatrice dell'Università di Leeds, Regno Unito, e coautrice di una metanalisi pubblicata sulla rivista Stroke. «Una volta nello stomaco e nell’intestino tenue, le fibre solubili formano un gel, rallentando da un lato il tasso di assorbimento dei nutrienti e ... (Continua)
05/04/2013 Una molecola potrebbe velocizzare la fase di diagnosi

Un nuovo parametro per diagnosticare gli attacchi cardiaci
Una diagnosi il più veloce possibile per intervenire con maggiore efficacia in caso di attacchi cardiaci. È lo spirito di una ricerca dell'Università di Otago, in Nuova Zelanda, che ha studiato l'applicazione di un nuovo parametro per la valutazione della condizione dei pazienti ricoverati nei reparti di emergenza degli ospedali.
Stando ai risultati dello studio proposto da Chris Pemberton e dai suoi colleghi, si potrebbe usare la molecola peptide grelina (GHRsp) per capire se il paziente è ... (Continua)

05/04/2013 Negli uomini l'ormone è un predittore del rischio

Il testosterone aumenta il rischio di artrite reumatoide
Gli uomini con un livello troppo basso di testosterone rischiano maggiormente l'artrite reumatoide. Il risultato è frutto del lavoro dell'Università di Lund, i cui ricercatori hanno pubblicato uno studio sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases.
La ricerca si è basata sui dati raccolti dal Malmö Preventive Medicine Program, un grande studio prospettico attraverso il quale le autorità sanitarie svedesi hanno monitorato più di 33 mila persone nate fra il 1921 e il 1949 con una serie di ... (Continua)

04/04/2013 Ritocchini in aumento anche in dolce attesa

La chirurgia estetica in gravidanza
Se sia possibile effettuare interventi di chirurgia plastica durante la gravidanza è una domanda che fino a qualche anno fa nessuno avrebbe mai osato porre. Ma i tempi cambiano e le buone (e cattive) abitudini anche. Numerosi rumors negli ultimi giorni hanno messo nel mirino la showgirl Belen Rodriguez che parrebbe essersi sottoposta a un ritocchino alle labbra proprio durante l’attesa del primogenito Santiago. I fan di Belen non avrebbero esitato ad attaccare la showgirl, preoccupati per la ... (Continua)

04/04/2013 Vita più lunga grazie agli acidi grassi omega 3

Il pesce allunga la vita agli anziani
Mangiare pesce allunga la vita, anche quando si è già anziani. A dirlo è uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine da un gruppo di ricerca della Harvard School of Public Health e dalla Washington University.
Secondo lo studio, il consumo regolare di pesce, in una quantità pari ad almeno due porzioni a settimana, garantirebbe un allungamento della vita di 2,2 anni: “gli anziani con maggiori quantità di acidi grassi omega 3 nel sangue, presenti soprattutto nei pesci grassi, vivono ... (Continua)

04/04/2013 Bassi livelli associati a un maggior pericolo di sviluppare la malattia

Poca melatonina aumenta il rischio di diabete
Un livello notturno basso di secrezione della melatonina è associato a un rischio maggiore di insorgenza del diabete di tipo 2. A sostenerlo è una ricerca condotta dal Brigham and Women's Hospital che ha evidenziato come la quantità di melatonina secreta durante il sonno abbia la capacità di predire il rischio di sviluppare il diabete.
Il dott. McMullan, che ha coordinato lo studio pubblicato su JAMA, spiega: “è la prima volta che si rileva un'associazione dimostrata tra la secrezione di ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale