Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 18

Risultati da 1 a 10 DI 18

08/03/2016 16:44:00 Migliore prevenzione delle emorragie grazie al fattore VIII ricombinante

Emofilia A, efmoroctocog alfa efficace
Efmoroctocog alfa rappresenta un miglioramento evidente negli standard di cura delle persone affette da emofilia A. Uno studio effettuato in collaborazione da ricercatori svedesi, danesi e francesi ha messo a confronto il fattore VIII ricombinante convenzionale (rFVIII) con efmoroctocog alfa, fattore VIII ricombinante caratterizzato da un'emivita prolungata.
Due gruppi di pazienti hanno ricevuto rFVIII in 3 somministrazioni settimanali di 30 IU/Kg o efmoroctocog alfa alla dose di 45 IU/Kg ... (Continua)

23/02/2016 09:29:00 Effetti positivi sul cuore, sull'umore e sul sistema immunitario

Il sesso fa bene alla salute
A molti probabilmente non servirà come incentivo a farne di più, ma il sesso sembra associato a un miglioramento generale delle condizioni di salute dell'individuo. A dirlo sono ormai diversi studi, fra cui uno pubblicato su Archives of Sexual Behaviour dallo psicologo Gordon Gallup.
La ricerca ha analizzato 300 donne, scoprendo che l'attività sessuale ha effetti positivi sulla produzione di ossitocina e serotonina. L'ossitocina è un ormone che assicura diversi effetti benefici sull'umore e ... (Continua)

17/02/2016 16:32:35 Il documento è redatto dagli esperti americani dei Cdc

Virus Zika, linee guida per la gestione dei neonati infetti
Il virus Zika pone diversi problemi di gestione agli operatori sanitari. Fra questi, uno dei più delicati riguarda senz'altro i neonati con potenziale infezione congenita. Come noto, l'infezione, veicolata dalle punture delle zanzare Aedes, sembra associata a un aumento dei casi di microcefalia infantile.
Gli esperti dei Centers for Disease Control and Prevention e dell'American Academy of Pediatrics hanno stilato ora delle raccomandazioni indirizzate al trattamento dei neonati con ... (Continua)

20/11/2015 09:49:11 Non servirà più la biopsia per scoprire questo tipo di nefropatia

Un prelievo del sangue svela la malattia di Berger
Un semplice esame del sangue aiuterà i medici a scoprire l'esistenza in un paziente della malattia di Berger, anche definita nefropatia IgA. Si tratta di una malattia renale comune che si manifesta quando l'immunoglobulina A è presente nei reni.
È la forma più diffusa di glomerulonefrite a depositi mesangiali di IgA ed è caratterizzata dall'associazione di episodi ricorrenti di ematuria, macroscopica o microscopica, con la presenza di depositi di IgA nel mesangio dei glomeruli renali".
I ... (Continua)

14/05/2015 10:25:00 Effetto protettivo al contrario da parte dei cani

I gatti aumentano il rischio di glaucoma
Gli animali domestici producono effetti sulla salute delle persone. Uno studio di ricercatori della University of California di Los Angeles ha stabilito ad esempio che avere gatti in casa aumenta il rischio di glaucoma, mentre al contrario la presenza di un cane è associata a un effetto protettivo da questa malattia che colpisce gli occhi.
Lo studio, pubblicato sull'American Journal of Ophthalmology, ha scoperto che nelle persone colpite da glaucoma i livelli di immunoglobulina E sono più ... (Continua)

09/04/2015 11:14:00 Caso raro ma possibile testimoniato da ricercatori canadesi

Le trasfusioni possono trasmettere un'allergia
Le probabilità che si verifichi una cosa del genere sono veramente poche, ma in alcuni casi può succedere. Lo dimostra il caso descritto dai medici dell'Hospital for Sick Children di Toronto, che sulla rivista Canadian Medical Association Journal hanno illustrato la vicenda di un bambino divenuto allergico in seguito a una trasfusione di sangue.
Il bambino aveva assunto emoderivati da un donatore allergico, che gli ha trasmesso un particolare anticorpo, l'immunoglobulina E, in grado appunto ... (Continua)

07/04/2014 14:41:12 Studio italiano indaga i meccanismi della cardiopatia

Da un verme il segreto per un cuore sano
Utilizzare un verme per cercare di capire i meccanismi che si innescano in caso di cardiopatia causata da un tumore del sangue. È quello che si sono proposti di fare alcuni ricercatori dell'Istituto Mario Negri di Milano e del San Matteo di Pavia, che si sono serviti del verme Caenorhabditis elegans per le loro esigenze scientifiche.
Lo studio del comportamento delle cellule tumorali del sangue e di come aggrediscano la faringe del verme ha aiutato il gruppo di ricerca a capire le azioni ... (Continua)

11/07/2013 In alcune donne determinati anticorpi provocano alterazioni cerebrali nel feto

Forma di autismo legata ad anticorpi materni
Almeno una parte dei casi di autismo potrebbe essere spiegata in base alla presenza di specifiche combinazioni di anticorpi materni. A dirlo è una ricerca dell'Università della California di Davis, che ha studiato l'esistenza di precise alterazioni cerebrali indotte dall'esistenza di anticorpi per l'immunoglobulina-G (IgG).
Lo studio, pubblicato su Translational Psychiatry, ha scoperto che questi anticorpi che si trovano nella placenta nel corso della gravidanza causano effetti evidenti ... (Continua)

24/04/2012 14:55:22 L’esposizione prolungata è utile per la prevenzione

L’efficacia dell’immunoglobulina umana nell’Alzheimer
In particolari forme della malattia di Alzheimer la somministrazione a lungo termine di immunoglobulina umana ha mostrato essere un fattore protettivo. Lo evidenzia uno studio effettuato da alcuni ricercatori del Mount Sinai School of Medicine di New York e pubblicato sulla rivista della Federation of American Societies for Experimental Biology.
Purtroppo si sa bene che la malattia di Alzheimer non ha possibilità di essere curata, è una patologia neurodegenerativa progressiva che riguarda ... (Continua)

12/01/2012 12:45:59 Il responsabile della maggiore aggressività della malattia

Scoperto nuovo marcatore per la Leucemia Linfatica Cronica
Utilizzando tecniche nuove di sequenziamento del DNA è stato possibile descrivere le mutazioni somatiche che esistono nella leucemia linfatica cronica. Il cosiddetto “splicing” del pre-Rna messsagero sarebbe il responsabile di un processo cellulare fondamentale nel determinare la malattia.
A dimostrarlo è stato uno studio effettuato da uno degli Istituti di Harvard a Boston (USA) la cui responsabile è Catherine J. Wu. La scienziata ha individuato in 91 pazienti 9 geni in cui erano ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale