Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 799

Risultati da 491 a 500 DI 799

21/02/2011 Il parto anticipato influisce sui livelli del coenzima Q10

Latte meno nutriente se il parto è pretermine
Il latte materno può essere carente di nutrienti essenziali se il parto è avvenuto pretermine.
In particolare, i livelli di coenzima Q10 nel latte delle donne che hanno partorito prima della scadenza dei 9 mesi sono del 75% più bassi rispetto ai parti a termine. La scoperta è merito di un gruppo di ricercatori dell’Università di Granada e dell’ospedale universitario San Cecilio, che hanno analizzato il latte di 30 donne, la metà delle quali aveva partorito con qualche settimana di ... (Continua)

18/02/2011 Il ruolo degli estrogeni nel fegato importanti per conservare la fertilità

La fertilità influenzata dal fegato
Una ricerca italiana suggerisce l'influenza del fegato sui meccanismi che regolano la fertilità. Si tratta di uno studio dell'Università di Milano che mostra come i recettori degli estrogeni nel fegato siano fondamentali per mantenere la fertilità. L'espressione di tali ricettori è controllata dagli aminoacidi della dieta, i mattoni con cui sono costruite le proteine.
Questi risultati, ottenuti nel corso di esperimenti sui topi, potrebbero avere implicazioni importanti per alcune forme di ... (Continua)

09/02/2011 09:39:05 Nesso fra cattiva alimentazione e sviluppo del quoziente intellettivo

Bambini meno intelligenti se mangiano male
Siamo ciò che mangiamo? Pare proprio di sì. Vale soprattutto per i bambini, secondo le conclusioni di uno studio della Bristol University. I ricercatori inglesi, infatti, sostengono che i bambini che si nutrono prevalentemente con alimenti considerati poco salutari, in particolari fritti, dolci e carni sottoposte a processi di trasformazioni complessi, mostrano anche un'intelligenza meno brillante.
La ricerca, pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health, ha preso in esame ... (Continua)

01/02/2011 I grassi buoni aiutano a vivere meglio e a contrastare il malumore

Dieta ricca di Omega 3 per combattere la depressione
Che la salute psico-fisica sia strettamente legata all'alimentazione non è più una supposizione. Tantissimi studi dimostrano ogni giorno come alcuni alimenti, consumati regolarmente prevengano determinate malattie e aiutino a fortificare le nostre difese naturali. E quello che mangiamo influisce non solo sulla salute dell'organismo ma anche sul nostro umore.
Di nuovo l'attenzione torna sui benefici degli Omega 3, dei quali erano già note le proprietà antossidanti nella lotta ai radicali ... (Continua)

18/01/2011 Le regole da seguire a tutte le età

La prevenzione del tumore al seno
La prevenzione del tumore al seno si basa su una serie di regole e indicazioni che hanno lo scopo di ridurre la mortalità per la malattia stessa.
Si stima che 1 donna su 14 nel corso della vita possa essere colpita dal tumore al seno.
Purtroppo la prevenzione si basa sull’identificazione del tumore già presente e quindi l’efficacia della terapia è condizionata dalla tempestività della diagnosi precoce.
Per quanto riguarda il piano di prevenzione vanno presi innanzitutto in ... (Continua)

17/01/2011 Una pillola a base di acidi grassi produce benefici evidenti

Sindrome premestruale, oli essenziali alleviano i sintomi
Sarebbe negli oli essenziali la risposta a una delle patologie più fastidiose per le donne, la sindrome premestruale. Stando a una sperimentazione di ricercatori brasiliani dell'Università Federale di Pernambuco, alcuni acidi grassi aiuterebbero le donne ad attraversare indenni i giorni che precedono l'arrivo del ciclo mestruale.
Gli scienziati brasiliani, guidati dal prof. Edilberto Rocha Filho, hanno portato a termine uno studio su 120 donne e ne hanno pubblicato gli esiti sulla rivista ... (Continua)

17/01/2011 Studio americano svela nesso fra deficit di vitamina D e accumulo di adipe

Obesità infantile, colpa di una carenza di vitamina D?
Se il bambino tende a ingrassare con disarmante facilità e ad accumulare “ciccia” soprattutto nel girovita, le cause potrebbero risiedere non soltanto in abitudini alimentari scorrette e in un’attività fisica insufficiente. Uno studio dell’Università del Michigan pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, infatti, sostiene che la propensione ad accumulare adipe addominale e a ingrassare rapidamente sarebbe legata a un deficit di vitamina D. La relazione tra carenza di vitamina D e ... (Continua)

11/01/2011 Il regime alimentare delle coppie pregiudicato dall'arrivo dei figli

L'alimentazione è migliore se non si hanno figli
Uno studio britannico associa l'arrivo di un figlio a un peggioramento delle abitudini alimentari dei genitori. Si tratta di una ricerca dell'Università di Reading pubblicata sulla rivista European Review of Agricultural Economics, in base alla quale oltre a una serie di fattori esterni come l'età, le condizioni socio-economiche e altro, anche la presenza di bambini in famiglia determinerebbe un abbassamento della qualità nell'alimentazione quotidiana.
I ricercatori inglesi hanno ... (Continua)

10/01/2011 Virtù benefiche importanti per il principio attivo della pianta

La betulla regola il metabolismo
Un estratto di betulla potrebbe rafforzare l'organismo, rendendo il metabolismo più pronto ad affrontare i disagi della vita moderna e più forte contro il rischio di obesità e diabete. È la convinzione di un gruppo di ricercatori cinesi dello Shanghai Institutes for Biological Sciences guidati dal prof. Bao-Liang Song.
La ricerca, pubblicata su Cell Metabolism, ha riguardato un gruppo di cavie da laboratorio che sono state alimentate per un mese e mezzo con un regime alimentare ricco di ... (Continua)

04/01/2011 E i maschi sono più a rischio delle femmine

In crescita l'obesità infantile, rischio già a 9 mesi d'età
L'obesità pediatrica è in preoccupante crescita. Anche se le stime sono difficilmente confrontabili fra di loro, le cifre più recenti della International Obesity Task Force (IOTF) mettono in evidenza un costante e progressivo aumento dell'obesità infantile in tutti i paesi del mondo.
L’allarme è stato lanciato da un gruppo di ricercatori della Wayne State University di Detroit (Usa), guidati da Brian Moss.
Il loro studio verrà pubblicato sul numero di gennaio-febbraio del Journal of ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale