Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 799

Risultati da 411 a 420 DI 799

15/03/2012 Risultano utili nel favorire la prevenzione di malattie cardiovascolari

L’importanza dei flavonoidi nella dieta alimentare
Una dieta ricca di “flavonoidi” (composti chimici naturali, diffusi nelle piante) può favorire la prevenzione cardiovascolare, come confermato da una recente ricerca dell’ American Journal of Clinical Nutrition. Ma un’indagine dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano rivela che gli italiani seguono diete povere di flavonoidi. Anche se le ricerche scientifiche non confermano del tutto l’efficacia preventiva dei flavonoidi (molti esperimenti già effettuati su animali devono ancora essere ... (Continua)

12/03/2012 09:42:46 Nuovi farmaci sembrano in grado di sconfiggere il virus

Dall'epatite C si può guarire
Le insidie maggiori per il nostro fegato vengono dai virus dell’epatite, oltre che dall'alcool, dai grassi e dal patrimonio genetico difettoso. I virus dell'epatite, sia B che C, sono molto pericolosi perché i sintomi di un'infezione possono tardare a presentarsi anche per anni, al contrario di ciò che accade per molte altre malattie. Questa peculiarità ha a che fare anche con le caratteristiche del fegato, che mostra una grande capacità di difesa dalle aggressioni esterne, il che si traduce ... (Continua)

09/03/2012 Una molecola già in uso può convincere le cellule adipose a convertirsi

Un interruttore per spegnere l'obesità
Uno studio dell'Università della California svela un nuovo meccanismo per consumare il grasso in eccesso. Secondo i ricercatori guidati da Shingo Kajimura le stesse cellule adipose possono essere utilizzate per bruciare calorie grazie all'azione della proteina PRDM16.
La proteina in questione può attivare un interruttore presente nelle cellule adipose che le stimoli a consumare piuttosto che a conservare il grasso. La scoperta, apparsa sulle pagine di Cell Metabolism, prefigura uno ... (Continua)

07/03/2012 Si aprono nuove strade per la cura dell’obesità e diabete

Trovato il meccanismo cerebrale che regola il metabolismo
E’ possibile controllare il peso corporeo mangiando quanto si vuole e muovendosi poco? E’ possibile evitare non solo l’obesità, ma anche le sue conseguenze – per esempio, alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue – senza ricorrere alla dieta alimentare e all'esercizio fisico ?
Un articolo pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista Cell Metabolism dimostra che farmaci che consentano di realizzare questo obbiettivo, per quanto ancora lontani, potrebbero essere un giorno ... (Continua)

06/03/2012 16:13:48 L’effetto del piacere sui recettori dopaminergici è uguale per tutto

Drogarsi con il gelato, è possibile?
Il senso di appagamento e di piacere che qualsiasi sostanza assunta può dare all’individuo è generato da un improvviso rilasciamento di un neurotrasmettitore eccitante, la dopamina, anche il gelato è in grado di farlo.
Un'evidenza scientifica pubblicata sul ''American Journal of Clinical Nutrition derivata da una ricerca effettuata dall'Oregon Research Institute (Usa), afferma che anche il più gettonato tra i dolci estivi, ossia il gelato, può portare ad una dipendenza. Così come sostanze ... (Continua)

24/02/2012 Il ruolo di immunomodulatori e probiotici nella prevenzione delle allergie

L'allergia nei bambini si può prevenire
È in costante aumento il numero di bambini colpiti da allergia in Italia. Dal 7 per cento che ne soffriva vent'anni fa si è arrivati al 25 per cento delle ultime rivelazioni. Ciò è dovuto a una serie di ragioni legate ai cambiamenti imposti dal modo di vita occidentale, che stimola nel complesso l'aumento delle allergie.
I fattori che entrano in gioco vanno dall'inquinamento atmosferico al miglioramento delle condizioni igieniche, ma sono anche connessi con i cambiamenti dei profili ... (Continua)

22/02/2012 Peptidi natriuretici cardiaci stimolano il metabolismo basale

Bruciare i grassi senza muoversi
Stare fermi e dimagrire è possibile. Lo dice una ricerca che ha studiato le proprietà di alcuni peptidi natriuretici cardiaci – ANP e BNP -, che stimolano il consumo dei grassi negli adipociti umani e in modelli animali.
Lo studio, pubblicato sul Journal of Clinical Investigation, è stato condotto dalla biologa Marica Bordicchia, in collaborazione con alcuni ricercatori del Sanford-Burnham Medical Research Institute guidati dalla dott.ssa Sheila Collins.
I ricercatori hanno scoperto ... (Continua)

20/02/2012 Il sensore GPR120 fondamentale per le contromosse dell'organismo contro i grassi

L'obesità innescata dal guasto di una proteina
Tutta colpa di una proteina. Il malfunzionamento di una sentinella del grasso, GPR120, conduce all'obesità. Lo dicono i ricercatori dell'Imperial College di Londra, affiancati dai colleghi dell'Università di Verona e della Sapienza di Roma.
Secondo questo team anglo-italiano a innescare l'obesità è il cattivo funzionamento della proteina GPR120, un sensore che si trova sulla parte superficiale delle cellule dell'intestino, del fegato e del tessuto adiposo e che svolge il compito di ... (Continua)

16/02/2012 Quasi un italiano su due obeso nel 2025

Obesità, un vero e proprio allarme sociale
Una tendenza ad ingrassare che sembra inarrestabile stando ai numeri resi noti dagli esperti riguardo l'obesità. Secondo uno studio condotto dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, infatti, al momento gli obesi rappresentano il 10 per cento della popolazione, circa 5 milioni di persone che gravano sui bilanci della sanità pubblica per più di 8 miliardi di euro ogni anno, ovvero quasi il 7 per cento dell'intera spesa pubblica.
La brutta notizia è che la situazione va peggiorando e nel ... (Continua)

06/02/2012 Nuova strategia farmacologica per proteggere il fegato
Una terapia possibile contro l’accumulo di acidi biliari
Attivare un sensore capace di diminuire gli acidi biliari che diventano con il tempo un veleno per il fegato nei pazienti con una rara malattia genetica, la colestasi intraepatica progressiva familiare. Il gruppo di Antonio Moschetta del Consorzio Mario Negri Sud di Santa Maria Imbaro e dell’Università Aldo Moro di Bari ha dimostrato che questa strategia è potenzialmente vincente per contrastare i danni della malattia. Lo studio, finanziato da Telethon, è stato pubblicato sulla rivista ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale