Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 799

Risultati da 321 a 330 DI 799

18/04/2013 Il regime alimentare ritarda la necessità di trapianto o dialisi

Dieta aproteica in caso di insufficienza renale
Un’arma efficace come terapia conservativa per stabilizzare i pazienti che soffrono di insufficienza renale è la dieta aproteica.
L’insufficienza renale cronica, con una prevalenza stimata di circa il 4-6% nella popolazione generale italiana è una patologia di forte impatto in termini di mortalità, ospedalizzazione e spesa sanitaria.
Gli esperti stimano infatti che nella popolazione adulta circa 1 individuo ogni 10 abbia un grado d’insufficienza renale moderata, cioè una funzione renale ... (Continua)

18/04/2013 Possibile applicazione anche per i danni prodotti dalla chemio

L'olio di emù efficace contro l'infiammazione intestinale
Dall'emù si può ricavare un olio dalle sorprendenti proprietà benefiche per l'uomo. Una recente ricerca dell'Università di Adelaide segnala come i grassi contenuti nell'olio di emù siano in grado di accelerare il processo di riparazione, stimolando la crescita delle cripte intestinali. Queste ultime sono quella parte di intestino che serve a generare i villi preposti all'assorbimento dei nutrienti del cibo.
Lo studio, coordinato dalla dott.ssa Suzanne Abimosleh e pubblicato sulla rivista ... (Continua)

17/04/2013 Comunicati i dati del Ministero della Salute

Carne di cavallo, pochi i casi confermati
I casi di prodotti commercializzati come contenenti carni bovine al cui interno sono state trovate tracce di Dna equino sono relativamente pochi. Su 361 campioni, le autorità sanitarie hanno riscontrato carne di cavallo in 14 casi, per una percentuale pari al 3,87.
Successivamente, i Nas hanno effettuato ulteriori controlli nelle aziende per le quali erano state riscontrate delle positività. Su altri 93 campioni controllati, sono state trovate tracce di Dna equino in 19 casi, per una ... (Continua)

17/04/2013 I consigli per riconoscere i campanelli d’allarme e i potenziali rischi

Adolescenti e alcol, la drunkoressia in aumento
Se storicamente l’abuso di alcol ha sempre maggiormente interessato i giovani adulti traducendosi, per lo più, in una perdita del controllo dei propri comportamenti e in un’ebbrezza temporanea, oggi, invece, i ragazzi mostrano tendenze diverse che contribuiranno probabilmente a modificare la figura dell’etilista del futuro.
E questo per ragioni diverse. Da una parte, il consumo di alcol ha registrato una progressiva anticipazione a fasce di età inferiori: i primi “assaggi” – in particolare ... (Continua)

09/04/2013 Stessi effetti benefici della frutta

Cioccolato 2.0, è buono e fa bene
Fra non molto non sarà più necessario fare appello ai polifenoli per avere il pretesto di mangiare un bel pezzo di cioccolato. Una nuova ricetta, elaborata da alcuni scienziati dell'Università di Warwick e presentata in anteprima nel corso dell'annuale congresso dell'American Chemical Society, sembra promettere un cioccolato buono come sempre, ma quasi privo di grassi e dagli effetti benefici paragonabili a quelli prodotti dalla frutta.
L'idea è stata portata avanti da Stefan A. F. Bon, che ... (Continua)

09/04/2013 È la sostanza che crea problemi quando si mangia carne rossa

La carnitina della carne rossa fa male al cuore
Troppa carne rossa fa male, si sa, ma ora abbiamo un imputato preciso, la carnitina. È questa sostanza, secondo una recente ricerca della Cleveland Clinic Foundation, a determinare problemi per il nostro organismo.
La ricerca coordinata dal dott. Stanley Hazen e pubblicata su Nature Medicine ha individuato nella L-carnitina l'aspetto più preoccupante legato al consumo di carne rossa, spesso associato all'insorgenza di patologie cardiovascolari, cancro e obesità. Secondo i ricercatori ... (Continua)

09/04/2013 Effetto evidente sul controllo della glicemia

L'aceto previene il diabete
Sono diversi gli studi che incoraggiano l'uso dell'aceto, alimento associato a vari effetti benefici, fra cui proprietà antitumorali e di contrasto sulle riserve di grasso. Ma c'è un altro effetto che appare ancora più evidente, quello sui livelli di glicemia.
Uno studio pubblicato su Diabetes Metabolism Journal da alcuni ricercatori dell'Università di Seul ha analizzato su modello animale l'effetto della sostanza, verificando come nelle cavie sottoposte a dieta a elevato contenuto di ... (Continua)

05/04/2013 18:00:52 Confermate le raccomandazioni che consigliano di aumentarne l'assunzione
Il rischio di ictus è ridotto da una dieta ricca di fibre
Ridurre il rischio di ictus non è un obiettivo di secondo piano. «Nel complesso, i nostri dati supportano le raccomandazioni dietetiche che consigliano di aumentare l'assunzione di fibre alimentari totali» afferma Diane Threapleton, ricercatrice dell'Università di Leeds, Regno Unito, e coautrice di una metanalisi pubblicata sulla rivista Stroke. «Una volta nello stomaco e nell’intestino tenue, le fibre solubili formano un gel, rallentando da un lato il tasso di assorbimento dei nutrienti e ... (Continua)
04/04/2013 Vita più lunga grazie agli acidi grassi omega 3

Il pesce allunga la vita agli anziani
Mangiare pesce allunga la vita, anche quando si è già anziani. A dirlo è uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine da un gruppo di ricerca della Harvard School of Public Health e dalla Washington University.
Secondo lo studio, il consumo regolare di pesce, in una quantità pari ad almeno due porzioni a settimana, garantirebbe un allungamento della vita di 2,2 anni: “gli anziani con maggiori quantità di acidi grassi omega 3 nel sangue, presenti soprattutto nei pesci grassi, vivono ... (Continua)

03/04/2013 Gli acidi contenuti nell'olio riducono il grasso addominale

L'olio di canola per la sindrome metabolica
Dall'olio di canola un aiuto contro la sindrome metabolica. A scoprirlo è un team della Penn State University guidato da Penny Kris-Etherton che ha presentato uno studio nel corso dell'incontro annuale dell'American Heart Association che si è tenuto a New Orleans.
Stando ai risultati della ricerca, gli acidi grassi mono-insaturi dell'olio di canola avrebbero l'effetto di ridurre il grasso addominale e di conseguenza il rischio di sindrome metabolica. L'olio di canola è un olio vegetale ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale