Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 799

Risultati da 241 a 250 DI 799

26/02/2014 Il suo consumo però non necessariamente legato a disturbi

Se non mangi carne la pressione si abbassa
La scelta di mangiare vegetariano sembra premiare gli ipertesi. Una vasta meta-analisi realizzata sulla base di 258 ricerche è giunta alla conclusione che astenersi dalla carne sia la migliore scelta possibile per chi soffre di pressione alta.
L'analisi ha riguardato una serie di ricerche che dagli anni '50 ai giorni nostri si sono dedicate allo studio di vegetariani e onnivori. Il lavoro è stato compiuto dai ricercatori giapponesi delle Università di Tokyo e Osaka in collaborazione con ... (Continua)

20/02/2014 11:09:26 Rischio raddoppiato per chi passa troppo tempo seduto

La sedentarietà è la porta per la disabilità
Meglio non passare troppo tempo seduti. Uno studio della Northwestern University pubblicato sul Journal of Physical Activity and Health ha associato ogni ora in più di sedentarietà a un innalzamento del rischio di disabilità.
Stando ai dati, una persona che sta seduta un'ora in più al giorno di un'altra della stessa età mostra il 50 per cento di possibilità in più di divenire disabile. Il campione oggetto dello studio era formato da 2.200 persone dai 60 anni in su.
I volontari sono stati ... (Continua)

27/01/2014 Il mentolo favorisce lo sviluppo di tessuto adiposo bruno

Proviamo il mentolo per dimagrire
Il mentolo si aggiunge alla lista delle sostanze amiche per chi decide di mettersi a dieta. È la sintesi di uno studio pubblicato su Molecular and Cellular Endocrinology da un team di ricerca del Dipartimento di Medicina dell'Università di Padova coordinato da Marco Rossato.
La ricerca ha indagato i meccanismi molecolari che una volta attivati regolano la trasformazione del tessuto adiposo bianco in tessuto adiposo bruno, quello in grado di bruciare i grassi immagazzinati al suo interno ... (Continua)

25/01/2014 09:30:00 Regime alimentare che promette di far perdere 10 chili in 4 settimane

La dieta del supermetabolismo
Come accelerare il metabolismo mettendolo al servizio della nostra intenzione di perdere quei chili di troppo che ci portiamo dietro da tanto? Alla domanda sembra rispondere il regime alimentare messo a punto da una nutrizionista americana, la dott.ssa Haylie Pomroy, famosa per aver pubblicato un libro di successo e aver avuto in cura diversi personaggi dello show business statunitense.
La dieta promette una perdita di 10 chili in quattro settimane mangiando cinque volte al giorno, ovvero i ... (Continua)

22/01/2014 16:48:19 Milioni di neuroni gestiscono le attività intestinali
L'intestino è il nostro secondo cervello
Può sembrare assurda una affermazione del genere; ci viene spontaneo chiedere “ma il cervello non è unico ed è posto nella nostra scatola cranica?”.
La risposta è che esiste un secondo cervello e, guarda caso, è posto in un luogo inospitale e sporco, ma gestisce con il cervello cranico, in ugual maniera ed in correlazione, le funzioni del nostro corpo.
Siete stupiti? Anche io rimasi molto sorpreso e scettico quando appresi che la scienza lo aveva scoperto e dimostrato: è così!
Negli ... (Continua)
22/01/2014 11:13:00 Nuove cure sempre più vicine
Il futuro prossimo della terapia genica
Dal fronte della terapia genica arrivano progressi importanti che possono far supporre la prossima disponibilità di nuovi trattamenti per una serie di malattie provocate da un malfunzionamento genetico.
Il capostipite di questo tipo di trattamenti è Glybera, un farmaco prodotto dalla casa farmaceutica olandese UniQure che ha ricevuto l'approvazione della Commissione Europea.
Glybera è indicato per il trattamento dei pazienti affetti da deficit ereditario di lipoproteina lipasi, un enzima ... (Continua)
16/01/2014 16:46:44 Introito calorico mediamente inferiore grazie a questi piatti

Minestre e zuppe amiche della linea
Dovete ancora smaltire gli eccessi natalizi? Fate un pensiero a minestre e zuppe. Oltre ad essere invitanti perché riscaldano il corpo infreddolito dalle basse temperature, pare che abbiano anche effetti positivi sulla linea.
Uno studio che sta per essere pubblicato sul British Journal of Nutrition e condotto da ricercatori dell'Università dello Iowa sottolinea i vantaggi insiti nel consumo di queste pietanze, che rendono chi le mangia meno propenso a ingrassare e a introdurre troppe ... (Continua)

16/01/2014 Gli acidi grassi del pesce riducono il rischio di insorgenza della malattia

Gli omega 3 prevengono il diabete
Mangiare più pesce riduce anche la possibilità di soffrire di diabete. Ad affermarlo è uno studio finlandese pubblicato su Diabetes Care, secondo cui un livello alto di omega 3 nell'organismo permette di prevenire la patologia.
Un'alimentazione ideale è basata su almeno due pasti alla settimana che prevedono il consumo di pesce grasso, ad esempio salmone, sardine, trote, acciughe e sgombri, ricchi di acidi grassi omega 3 a catena lunga. La dieta va associata ovviamente a una leggera attività ... (Continua)

14/01/2014 14:21:00 Benefici per i più anziani ma inutile nella popolazione adulta

Il ruolo della vitamina D nella prevenzione delle fratture
Si può ridurre il rischio di fratture negli anziani garantendo loro un giusto apporto di vitamina D, in una quantità pari a circa 30 ng/mL. A stabilirlo è una relazione dell'American Geriatrics Society (AGS).
James Judge, presidente del gruppo di lavoro AGS sull'integrazione di vitamina D negli anziani, spiega: “negli studi in cui si sono raggiunti livelli medi sierici superiori a 25 ng/mL, i tassi di cadute e fratture sono significativamente diminuiti”.
Secondo il documento, una dose ... (Continua)

09/01/2014 09:46:00 Due alterazioni genetiche favoriscono l'insorgenza dell'acne persistente

La forma più grave di acne è legata a due geni
A determinare la gravità dell'acne è la presenza o meno di due alterazioni genetiche. A dirlo è uno studio pubblicato su Nature Communications da ricercatori del Kunming Institute of Zoology, in Cina.
La ricerca ha scoperto l'esistenza di due modificazioni a carico dei geni DDB2 e SELL che condurrebbero all'insorgenza della forma più debilitante di acne. I geni, coinvolti nel metabolismo degli ormoni steroidei, svolgerebbero un ruolo primario nei meccanismi biologici che danno l'innesco alla ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale